STATO DI AGITAZIONE DEL PERSONALE CIVILE DEL MINISTERO DELLA DIFESA

cgiluilAUGUSTA – Le Segreterie FP CGIL e UIL PA Provinciali del Ministero della Difesa a seguito dell’assemblea nazionale dei quadri e delegati del 23 Febbraio, si impegnano a mantenere lo stato di agitazione del personale civile, a programmare congiuntamente ai territori iniziative di mobilitazione pubbliche e nei luoghi di lavoro e a programmare una mobilitazione nazionale in assenza di risposte del Ministro della Difesa sulle vertenze sotto indicate. In particolare, denunciano l’ennesima sperequazione ai danni del personale civile che si è concretizzata con il reperimento delle risorse economiche per il piano di riordino delle carriere del personale militare (977 ml di €) mentre neanche un centesimo è stato reperito per la costituzione del Fondo che il Ministero si era impegnato a rendere fruibile per il personale civile dal 2017; denunciano il mancato mantenimento degli impegni del vertice politico del Ministero della Difesa ritenendolo responsabile di un disegno politico mirato ad emarginare il personale civile della Difesa anche negando prerogative e diritti previsti da norme e contratti; denunciano l’inadeguatezza del sistema di valutazione delle performance e rigettano ogni tentativo di introdurre l sistema come criterio di punteggio delle progressioni economiche così come ritengono che il sistema della performance sia parimenti inadeguato per come è stato ed è gestito nel Ministero della Difesa; ritengono che l’attuazione del libro bianco così come è in itinere sia una concreta minaccia per la democrazia e per le condizioni del personale civile della Difesa; ritengono che il vero rilancio del Ministero della Difesa passi attraverso un piano straordinario di assunzioni. L’incontro con il Ministro della Difesa , Sen. Pinotti, è fissato per il 28 Febbraio.

     Sebastiano Trigilio (FP CGIL) – Vincenzo Scamporlino (UIL PA)

STATO DI AGITAZIONE DEL PERSONALE CIVILE DEL MINISTERO DELLA DIFESAultima modifica: 2017-02-26T20:37:14+00:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento