MERCOLEDI’ 28 MAGGIO SARANNO COMMEMORATI I MORTI DEL ’43 AL CIRCOLO UFFICIALI

migneco casoleAUGUSTA – Mercoledì 28 maggio, alle ore 19.00, presso il Circolo Ufficiali di Augusta, serata commemorativa dei morti del maggio 1943 dal titolo “L’inferno scese dal cielo”, cronaca e storia di una pagina vissuta e narrata da Francesco Migneco, già pretore onorario di Augusta, autore di un libro con lo stesso titolo con l’introduzione del giornalista Giorgio Càsole, docente liceale e autore di vari libri su Augusta, e l’epilogo musicale dell’arpista Laura Vinciguerra.

imagesLaura Vinciguerra si diploma con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Musica di Perugia, perfezionandosi poi con Victoria Jordanova, Judith Liber, Cathrine Michel e Susanna Bertuccioli. Dopo il diploma consegue con il massimo dei voti e la lode la specializzazione di laurea di II livello in interpretazione solistica e si abilita brillantemente in didattica strumentale.

Ha al suo attivo esperienze concertistiche in Italia e all’estero sia come componente di gruppi cameristici che come solista, si è inoltre esibita in diversi ensemble orchestrali quali la Sinfonica di Perugia, I Solisti di Perugia, la Sinfonica giovanile di Viterbo, la Filarmonica Giovanile di Tubingen, l’Orchestra da Camera dell’Accademia bielorussa di Minsk, la Lirica di Terni, la Krostradt Philarmoniker di Brasov, L’ORT, l’Orchestra Città Aperta, l’Orchestra Giovanile Italiana sotto la direzione del M° Grabriele Ferro e del M° Lu Jia. Si esibisce in diversi ensembles cameristici da lei fondati, per i quali hanno scritto numerosi nomi noti della composizione italiana ed estera contemporanea (G. Podio, M. Baratello, F. Santucci, P. Scattolin, C. Pedini, M. Mitzuno, ecc..). Ha inoltre esperienze concertistiche in ambito jazzistico in Italia e all’estero a fianco dei Solisti di Perugia con artisti quali George Benson e Francesco Cafiso, con cui ha inciso un cd dedicato a Charlie Parker per l’etichetta Giotto Music. Ha pubblicato diverse incisioni di repertorio solistico e cameristico per le etichette Brilliant Classics, Max Researche, Arte Nomade, Rai Trade, Camerata Tokio. Nel gennaio 2009 è tra gli esecutori in prima assoluta dell’oratorio “Beata Angela da Foligno”, di C. Pedini (il cui ”Testamento di Angela” per arpa sola è a lei dedicato), realizzato anche in dvd e come incisione discografica per la Egea-Quadrivium Records. In Maggio 2010 realizza con l’etichetta Brilliant Classics un cd interamente dedicato al repertorio dell’arpista compositore tedesco F. Poenitz (1850-1912) in prima incisione assoluta, che inaugura il progetto di un cofanetto dell’opera integrale per arpa di questo compositore. Nel marzo 2012, anno in cui ricorre la morte di F. Poenitz, pubblica il secondo CD di prime incisioni assolute, presentato da Laura Vinciguerra il primo maggio 2012 durante il 48° convegno degli arpisti tedeschi, tenutosi presso il Conservatorio di Magdeburgo. Nel novembre 2011, per la casa editrice ETS di Pisa, pubblica una fiaba per bambini dal titolo “L’Arpa Ritrovata” (contenente un cd della storia narrata, con musiche e canzoni scritte, interpretate e cantate dalla stessa autrice) il cui intento è quello di diffondere la conoscenza dell’arpa (considerato ormai strumento “raro”) presso le più giovani generazioni. Il 12 maggio 2012 l’opera viene presentata all’interno della Fiera del Libro di Torino. Il 23 ottobre del 2012 esce “Apriti Sesamo” di Franco Battiato, nella cui terza di copertina viene pubblicato un testo poetico di Laura Vinciguerra, a presentazione della canzone “Testamento”, terzo brano del disco. Il 1° dicembre 2012 sarà pubblicato da Brilliant Classics un cofanetto di tre cd sull’opera completa per sassofono di Koechlin, in cui Laura Vinciguerra suona come prima arpa nell’Orchestra Città Aperta. Di prossima uscita, per l’etichetta giapponese Camerata Tokio, un cd recital di oboe e arpa con l’oboista Thomas Indermüle.

MERCOLEDI’ 28 MAGGIO SARANNO COMMEMORATI I MORTI DEL ’43 AL CIRCOLO UFFICIALIultima modifica: 2014-05-25T19:31:39+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento