La traversata di Leo Callone

Leo Callone in 5 ore e 42 minuti ha coperto la distanza di 22 chilometri di mare che separa Augusta da Siracusa. L’impresa, mai realizzata, è stata possibile grazie al sostegno della società Sim di Siracusa che ha promosso l’iniziativa.

thumb.jpgUn evento sportivo fortemente sostenuto dalla popolazione e dalle istituzioni che hanno dimostrato grande affetto al campione di nuoto lecchese che ha strabiliato. Un mare mosso ha accompagnato il nuotatore per tutta la distanza coperta, ma impiegando meno tempo del previsto Callone ha raggiunto Lido Zen a Siracusa, dopo essere partito da Faro Santa Croce alle 9.35, accolto da un numeroso pubblico.

Sono estremamente soddisfatto – ha affermato Callone appena uscito dall’acqua – la difficoltà di questa impresa è stata soprattutto la forza delle onde che mi ha costretto a correggere la rotta molto spesso. Il mare era grosso ma non sfavorevole e questo mi ha permesso di ottenere un tempo molto buono”. Il Caimano del Lario ha voluto ringraziare tutta l’organizzazione: “Ho ricevuto un’accoglienza meravigliosa, la gente siciliana è splendida, e tutto è stato organizzato dalla Sim e dal signor Sebastiano Solano in modo perfetto. Spero di avere altre occasioni di nuotare in questo mare stupendo”.

La manifestazione è stata possibile grazie all’impegno di diversi enti e persone e l’organizzazione della Sim ricorda: I Comuni di Augusta, Siracusa Priolo e Melilli, la Regione Lombardia, la Provincia, il Coni di Siracusa e quello regionale, Kiwanis di Augusta, l’istituto Tecnico Nautico, la Riserva del Plemmirio, il Cesvam, e un grande contributo è giunto dalla Guardia Costiera ausiliaria di Augusta, il supporto tecnico della Capitaneria di Siracusa e Augusta e di Marisicilia, grazie al comandante, ammiraglio Andrea Toscano.

Alla partenza e all’arrivo Leo Callone è stato affiancato da nuotatori e canoisti di Augusta e Siracusa.

   siracusa.blogsicilia.it

La traversata di Leo Calloneultima modifica: 2009-07-26T18:00:00+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento