GRAZIE A FACEBOOK, UNA RAGAZZA DI AUGUSTA DIVENTA TESTOMONIAL DI UN’AZIENDA IN ESPANSIONE

un volto perAUGUSTA. Si è concluso il  31 agosto un  concorso basato sui clic di Facebook. Ce ne parla l’ideatore Danilo Riciputo: “Il concorso  ci ha tenuti impegnati per tutta questa splendida estate 2015.“Un volto per Punto Rete”, è infatti iniziato a giugno e come da regolamento è stato diviso in due fasi. La prima che terminava a fine giugno, prevedeva l’invio di una foto, pubblicata in un album della pagina Punto Rete, da far votare attraverso i MI PIACE. Da questa fase, passavano alla seconda, tre finaliste, che sono le ragazze che hanno appunto avuto diritto al book fotografico. A tal proposito mi permetto di ringraziare tutte le partecipanti, ma in particolar modo chi ha avuto una stretta e sinergica collaborazione con noi: Seby Carrabino che ha realizzato  meravigliosi scatti e si è reso disponibile da subito per questa iniziativa, e Angelica Cavallino titolare del negozio Straviziati che ha realizzato le acconciature e il trucco in maniera impeccabile, curando ogni dettaglio estetico delle ragazze,  che, per un giorno,  sono state  vere e proprie protagoniste:qualcosa di nuovo e innovativo, che vede il social network come mezzo per poter realizzare un’iniziativa positiva. Qualcosa che serve, poi come tramite per la pubblicità aziendale, scopo principale di tutto il concorso. Infatti il volto, che è uscito vincitore da questa seconda fase, terminato appunto il 31, sarà “testimonial” della campagna pubblicitaria a partire da questo settembre e accompagnerà da adesso il nome Punto Rete. Alla fase finale sono arrivate: Elena Olena Vinci, Valentina Intagliata e Sabrina Rattizzato. Quest’ultima, con il maggior numero di mi piace al suo book, è il volto Punto Rete” . Grazie a Danilo Riciputo, queste giovani augustane hanno avuto  un omento di gloria. Auguri.

GRAZIE A FACEBOOK, UNA RAGAZZA DI AUGUSTA DIVENTA TESTOMONIAL DI UN’AZIENDA IN ESPANSIONEultima modifica: 2015-09-03T09:45:59+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento