AUGUSTA, RISCHIO SISMICO: ANNO SOTTOZERO

MODELLAZIONE_GEOFISICA_1Augusta. I recenti eventi sismici di bassa magnitudo che hanno interessato alcuni comuni del siracusano proprio in questi giorni, ci hanno ricordato che viviamo in una delle zone a più alto rischio sismico d’Italia. L’unico modo per mitigare il rischio è prepararsi al meglio al possibile scenario attraverso la prevenzione. I componenti del gruppo Facciamo Squadra chiedono da diverso tempo che fine abbia fatto l’aggiornamento del piano di emergenza di protezione civile del nostro comune, eppure proclamato con tanta enfasi in una conferenza stampa dall’attuale amministrazione qualche anno fa. Così come il bando per l’affidamento per lo studio geologico a supporto del piano regolatore comunale bandito circa un anno fa. Tali gravi mancanze pregiudicheranno la qualità dello studio di microzonazione sismica di primo e terzo livello e analisi della CLE (Condizione Limite di Emergenza) che per il comune di Augusta è stata finanziata dal dipartimento nazionale di protezione civile e che partirà a breve. L’analisi della CLE per gli edifici strategici (Municipio, Ospedale, Caserme dei VVFF, COC, ecc…), non può prescindere dal piano di emergenza o di protezione civile, essendo un’attività necessaria, appunto, per verificare le scelte contenute nel piano stesso. “Facciamo squadra “chiede pertanto, in nome della trasparenza, di essere informati riguardo le tempistiche per l’approvazione del nuovo piano di emergenza comunale e dello studio geologico a supporto del piano regolatore.  Il tempo a disposizione sta per scadere; il rischio sismico, ancorché silenzioso è subdolo.  Il terremoto non avvisa; l’unica arma è la prevenzione. La prevenzione va fatta, non annunciata. Servono fatti concreti, non i soliti annunci. Vogliamo date certe, documenti e azioni precise, perché non serve piangere sui danni quando è possibile fare qualcosa per limitarli.

    Gino Romagnoli – geologo

AUGUSTA, RISCHIO SISMICO: ANNO SOTTOZEROultima modifica: 2018-02-14T09:14:32+01:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento