UN PREMIO LETTERARIO PER RICORDARE RINA GULINO, LA DOCENTE, LA MAMMA, LA CITTADINA

rina ridotta 1.jpg

AUGUSTA – Quante persone ci lasciano dopo aver dedicato, in dignitoso silenzio, la propria vita alla famiglia, alla scuola, alla città. In questa società ultra moderna e tecnologica, caratterizzata dalla velocità delle informazioni, dalle  telecomunicazioni,  tutto passa in fretta, tutto viene bruciato, consumato per i vari scopi che in genere sono prevalentemente di tipo commerciale. Ma a volte non si ci può rassegnare a questo tipo di logica e in qualche modo, appare doveroso  cercare di perpetrare la memoria di questi personaggi  per  indicarli come modelli positivi di stili di vita, di comportamenti etico-morale di cui l’attuale società  ha effettivamente bisogno. Così è stato nel caso della professoressa, della  sposa e madre, della cittadina Rina Gulino, docente di lettere delle scuole medie, scomparsa prematuramente un anno fa e alla cui memoria, il marito Franco, i figli Alessandro, Vittoria, Massimo e Mariangela, hanno istituito un premio letterario. Dopo il regolare bando  riservato ai giovani alunni dei quattro  istituti scolastici comprensivi di Augusta, una qualificata commissione giudicatrice composta rispettivamente dal prof. Giorgio Casole in qualità di presidente, dalla professoressa Rita Ballotta e dal dott. Gaetano Gulino ha valutato più di duecento elaborati  consistenti in temi, poesie e disegni aventi come oggetto “Augusta e l’ambiente”. Si è arrivati quindi alla serata di premiazione  del  5 giugno che, grazie in particolare allo sforzo organizzativo del figlio Massimo Scuderi, si è rivelata un vero e proprio evento.

Nell’aula magna del G.A. Ruitz, messa a disposizione dal Preside Carmelo Gulino, fratello della compianta defunta, si sono presentati moltissimi studenti, familiari,  conoscenti, nonché molti amici e già colleghi di Rina Gulino.  In un’ atmosfera di commozione e di condivisione del  dolore e della gioia dei familiari, si sono alternati momenti di spettacolo con proiezioni di immagini e canzoni interpretate dalla liceale Vanessa Bontempo e da Alessandro Tocco, completati dagli interventi di vari relatori, magistralmente coordinati dal prof. Casole che ha letto, con la dovuta enfasi e senso di partecipazione, molti degli elaborati premiati.  Il preside Carmelo Gulino  ha esaltato   le caratteristiche della defunta sorella come  docente che ha svolto per oltre 35 anni l’ attività di insegnamento con vera professionalità, profitto e riconoscimenti vari; Calogero Vicario, che ha presentato un libro sull’amianto, e Nicky Paci hanno tenuto a sottolinearne le virtù come modello positivo di cittadina; Gaetano Gulino  ne ha invece descritto  le doti e gli autentici valori della dignità, del rispetto, del senso di attaccamento alla famiglia, alla comunità, alla chiesa e allo stato che anticamente rappresentavano i veri modelli e che dovrebbero essere recuperati  per uscire dalla grave crisi in cui versa l’attuale società. Il figlio Massimo poi  ha emozionato tutti gli intervenuti ricordando le doti della madre che pur nelle continue e quotidiane difficoltà  di vario genere a  cui andava incontro la famiglia, riusciva incredibilmente a superarle quasi tutte, infondendo sostegno, fiducia e coraggio , certa dell’aiuto che, come lei più volte affermava, le proveniva dall’alto attraverso quella che definiva “divina provvidenza”. Applausi, foto, sorrisi, strette di mano hanno caratterizzato il momento della premiazione.  I giovanissimi nipoti della  professoressa hanno consegnato personalmente i vari riconoscimenti. Sono stati premiati  Luca Amato della  I A del  “Costa”,  Virginia Aviello della  II A della  “Todaro” e  Asia Fracassi della  III classe  del  “Corbino”, plesso di Brucoli.  Ai vincitori sono stati consegnati un buono acquisto del valore  di 100 euro ciascuno, un libro sull’amianto e  una copia del libro di Casole “Augusta e Condorelli, gli anni della lotta all’inquinamento….”, visto che il tema era su Augusta e l’ambiente. Altri 25 alunni di scuole medie hanno ricevuto una menzione d’onore: Sebastiano Gianino,  Alessio Licata, Elena Natoli, Chiara Sarcià, Carla Monticchio, Alessandro Limer,  Giulio Savaglia,  Giulia Giangrande, Rachele Schillaci, Martina Ranno,  Alice Bertuccio,  Desirè Triglia, Anna Di Franco, Gaia Belluso,  Giulia Ficicchia, Chiara Busso, Laura Rizza, Giulia Denaro, Isabella Piazza, Simone Roggio, Francesco e Roberto Spinali, Nicolò Scatà e Fernando Coppola.  Alla fine della serata la sorella, Carmela Gulino, commossa e felice dell’ottima riuscita dell’iniziativa, ha salutato con affettuosi abbracci tutti  gli  amici e parenti  con l’augurio  che questa edizione di premio letterario in memoria della sorella possa essere  la prima di una lunga serie.

     Gaetano Gulino

UN PREMIO LETTERARIO PER RICORDARE RINA GULINO, LA DOCENTE, LA MAMMA, LA CITTADINAultima modifica: 2013-06-16T21:02:00+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento