L’ONA AL MINISTERO DELLA SALUTE. DAVIDE FARAONE INCONTRA IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO

downloadAugustaDavide Faraone, sottosegretario al Ministero della Salute e renziano di ferro, lo aveva detto: “Riceverò le vittime dell’amianto”. Non avrebbe potuto fare altro perché era in visita ad Augusta che fa parte del c.d. triangolo della morte: Gela, Ragusa e Siracusa/Augusta, così lo ha definito l’Avv. Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, di fronte ai dati epidemiologici e anche alla statica ignavia degli organi della Regione Siciliana, ancora al palo nell’applicazione della Legge n. 10/2014. “Non possiamo più tollerare questo stato di assenza di bonifiche dei luoghi di vita e di lavoro, così come la staticità delle istituzioni, in particolare della Regione Sicilia e l’assenza di sorveglianza sanitaria e di istituzione del polo di riferimento per le patologie asbesto correlate presso l’ospedale di Augusta. Spero che la politica nazionale intervenga, altrimenti ci vedremo nostro malgrado costretti ad altre azioni giudiziarie, quando invece vorremmo navigare e remare tutti insieme per tutelare l’ambiente e la salute con le bonifiche, con un migliore sistema sanitario e con degli enti previdenziali come l’INPS e l’INAIL non ostili con i lavoratori esposti e vittime dell’amianto, che ancora da tempo attendono il giusto prepensionamento e il giusto risarcimento, in Sicilia come nel resto d’Italia”, dichiara il presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, Avv. Ezio Bonanni. La delegazione dell’ONA,  composta dal presidente, Ezio Bonanni, da Calogero Vicario, coordinatore ONA Sicilia, da Pippo Gianni, del coordinamento del Comitato Tecnico-scientifico dell’ONA Nazionale, da Calogero Frisenda, ONA Sicilia, da Pietro Sartorelli, responsabile Medicina del Lavoro Università di Siena e dalla coordinatrice dei rapporti con la stampa, Fabrizia Nardecchia.

Mariangela Scuderi

AUGUSTA, RIFIUTI E PERCOLATO, SCHERMI: “IN 4 ANNI COS’E’ CAMBIATO? NIENTE!”

La denuncia dell’ex vicesindaco , grillino,  ora all’opposizione

fogne liquameAUGUSTA. “Continuano gli sversamenti di percolato dalla discarica rifiuti di contrada Ogliastro di proprietà comunale. Un disastro ambientale silenzioso certificato dal verbale di sopralluogo della ex Provincia di Siracusa X settore Ambiente del 26 maggio scorso. Era il 2013 quando si fece questa indagine di mercato per rimuovere il percolato”. Con queste parole il consigliere di opposizione Giuseppe Schermi ha contestato tramite social network un fenomeno di inquinamento ambientale nel territorio, allegando al post di denuncia l’immagine di un avviso pubblico risalente al febbraio 2013 in cui il Comune di Augusta rendeva nota l’indizione di un’”indagine di mercato finalizzato a un eventuale affidamento in base a quanto disposto dall’art.  125“lavori, servizi e forniture in economia” del Codice degli appalti.  Il percolato nel d.lgs. 36 del 2003 viene definito come un liquido che si origina dall’infiltrazione di acqua nella massa dei rifiuti o dalla decomposizione degli stesse. Il percolato prodotto dalle discariche controllate di rifiuti solidi urbani (R.S.U.) è un refluo con un contenuto di inquinanti organici e inorganici. In premessa del sopraccitato avviso pubblico emergeva che l’amministrazione aveva “necessità di effettuare un’indagine di mercato finalizzata all’eventuale affidamento del servizio avente ad oggetto “Prelievo, trasporto, conferimento e smaltimento di percolato prodotto nelle discariche site in Contrada Ogliastro”. Da allora cosa è cambiato? Si chiede Schermi, con una  domanda retorica, la cui risposta sottintesa è  “Niente”.

Cecilia Càsole

AUGUSTA, LA DIFFERENZIATA ANCHE NEI MERCATI DI QUARTIERE

mastelli_differenziata_augusta-675x350Augusta. ”Raccolta Differenziata, Augusta: Operatori Mercatali, tocca a voi!”. Questo è l’ultimissimo  slogan lanciato dalla società “Augustasidifferenzia” per la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani. Dopo l’avvio del sistema porta a porta in una parte del territorio, adesso è la volta degli Operatori Mercatali che si approcceranno a partire dai prossimi giorni al nuovo servizio di Raccolta Differenziata augustana., Questo il commento entusiastico della società : “Questa è la Augusta di oggi, una città che si sta distinguendo in tema di Raccolta Differenziata e rispetto per l’Ambiente e che, un pezzo alla volta, sta imparando a migliorarsi e a porsi come un buon esempio per il territorio e per i comuni circostanti. Utenze domestiche e non domestiche sono già all’opera da diversi mesi, adesso è necessario regolare il servizio nei mercati settimanali e giornalieri della città. “Il prossimo 8 Giugno alle ore 6,00 avrà inizio la Raccolta Differenziata nell’area mercatale del “Giovedì” in Via B.Buozzi. Gli operatori dei mercati riceveranno una guida alla raccolta con le opportune indicazioni e, man mano che produrranno i propri rifiuti durante l’attività di vendita, dovranno conferirli nei sacchi in dotazione, differenziando i materiali. I sacchi dovranno essere depositati a fine vendita presso i punti di raccolta individuati nell’area mercatale. L’indomani, 9 Giugno, inizierà il servizio presso le aree dei mercati giornalieri, con lo stesso sistema . In questo caso invece, i rifiuti differenziati saranno ritirati entro e non oltre le 13.30 direttamente dalla postazione di ogni operatore mercatale giornaliero. “Confidiamo nella fattiva collaborazione degli operatori “– afferma Danilo Pulvirenti, Assessore all’Ecologia – “ i mercati sono luoghi in cui inevitabilmente si producono tanti rifiuti, differenziarli è una necessità, oltre che un obbligo, per trasformare in risorse ciò che fino a ieri ha reso la città sporca e indecorosa. Siamo certi che con questo ulteriore passaggio, Augusta sarà sempre più bella e i cittadini sempre più soddisfatti”.

M.S.

AMIANTO, VICARIO “NON POSSIAMO TOLLERARE CHE LA STRAGE CONTINUI”

Il rischio amianto ci fu per “tutti i lavoratori del Petrolchimico di Priolo e, addirittura, gli abitanti della zona” ecco perché l’operaio siracusano C.L. aveva diritto alla rendita a carico dell’INAIL

vicario, al centro, intervistat o da Giorgio CàsoleLa Corte di Appello di Roma, a distanza di due giorni, motiva la condanna dell’INAIL che ribalta il giudizio di primo grado, con una motivazione shock: l’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’ONA e legale dei familiari della vittima, dimostra che “dalla documentazione prodotta (indagine epidemiologica del 1997 a cura dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e Registro Tumori della Provincia di Siracusa) emerge come l’esposizione ad amianto riguardasse tutti i lavoratori del Polo Petrolchimico di Priolo e, addirittura, gli abitanti della zona”. L’INAIL ha negato a C.L., operaio di Priolo Gargallo, poi trasferito a Roma, il riconoscimento della rendita per malattia professionale, e, difeso dall’Avv. Ezio Bonanni, aveva fatto causa all’INAIL, che resisteva, e nel frattempo è deceduto il 15.07.2015, mentre il giudizio di primo grado era ancora in corso. Il Tribunale aveva accolto le tesi dell’INAIL e rigettato anche la domanda giudiziale. «La Corte di Appello di Roma ribalta l’esito del giudizio di primo grado, condanna l’INAIL, ma soprattutto afferma che il mesotelioma va sempre indennizzato, tanto più per “tutti i lavoratori del polo petrolchimico di Priolo” e afferma il rischio amianto anche per “gli abitanti della zona”. Questa sentenza quindi impone l’applicazione della Legge Regionale Siciliana in materia di amianto, ragione per la quale, anche in qualità di Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, rinnovo l’appello al Presidente On.le Crocetta e gli ricordo ancora che è urgentissima l’istituzione della sorveglianza sanitaria su tutta la Sicilia e la creazione del polo di riferimento medico presso l’Ospedale di Augusta così come previsto dalla legge regionale» dichiara l’Avv. Ezio Bonanni, legale dei familiari della vittima e Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto.La Corte di Appello di Roma, con la sentenza n. 3000 depositata il 01.06.2017, ha motivato la sua decisione, e afferma dei principi innovatori: “La Suprema Corte, ha ritenuto la natura monofattoriale e il nesso di causalità con l’esposizione all’amianto del mesotelioma pleurico … si tratta d’altra parte di malattia tabellata in rapporto all’esposizione amianto e quindi sussiste la presunzione propria del regime tabellare. Quanto alle mansioni svolte va rilevato che dalla documentazione prodotta … emerge come l’esposizione all’amianto riguardasse tutti i lavoratori del polo petrolchimico di Priolo e, addirittura, gli abitanti della zona. L’esposizione è quindi dimostrata indipendentemente dalle mansioni svolte, come d’altra parte ritenuto dal CTU di primo grado … immotivatamente disattesi dal primo Giudice. Pertanto … accertata l’origine professionale del mesotelioma … con condanna dell’INAIL di corrispondere agli eredi … pro quota i ratei arretrati dall’01.12.2014 al 15.07.2015 …”. Calogero Vicario, Coordinatore dell’Osservatorio Nazionale Amianto, Regione Sicilia, ribadisce che l’associazione è operativa in tutto il territorio della Regione Sicilia, fin dal 2008, e presta assistenza tecnica, medica e legale, in modo assolutamente gratuito.Tutti i cittadini che ne hanno necessità possono prima di tutto consultare il sito osservatorioamianto.jimdo.com dal quale acquisire ogni utile informazione poi, nel caso fossero necessari chiarimenti e assistenza medica e legale, ci si potrà rivolgere direttamente all’associazione inoltrando una e-mail all’indirizzo: osservatorioamianto@gmail.com.«L’associazione provvederà immediatamente a soddisfare, per quanto possibile, ogni esigenza che fosse manifestata. Continueremo a dare battaglia per il rispetto dei diritti dei lavoratori siciliani e siracusani. Il Presidente della Regione, nonostante abbia il potere per emettere atti equipollenti equivalenti agli atti di indirizzo ministeriale, non provvede ad emanare alcun provvedimento, di conseguenza i lavoratori sono obbligati ad intraprendere atti legali. Ci chiediamo le ragioni di tanto ostracismo nei nostri confronti. Siamo forse i figli di un dio minore? Siamo stati e siamo carne da macello delle imprese del nord Italia che fanno business nel nostro territorio e che portano via il profitto e ci lasciano i cancri e il territorio contaminato? Chiediamo una risposta dalle istituzioni, primo fra tutti il Presidente della Regione ,Crocetta, che fa parte di diritto delle riunioni del Consiglio dei Ministri. Che fa? Cosa ha fatto? Mentre i nostri lavoratori continuano a morire, la legge rimane inattuata. Sento di dire: mentre a Roma i politici discutono, Sagunto brucia! Solo che qui non c’è un generale cartaginese come Annibale, ma le nostre istituzioni che hanno tradito la Costituzione, che hanno permesso l’utilizzo di amianto, che porta morte e distruzione e quando ognuno di noi cade, nel senso che si ammala e muore, ci pensa l’INAIL a negare l’origine professionale della patologia. Denunceremo questo ancora alla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo e in sede internazionale. Non possiamo tollerare che questa strage continui», afferma Vicario con fermezza

     Mariangela Scuderi

AUGUSTA, LUNGOMARE LIBERATO, IL CCR MOBILE ALLA GIORNATA ECOLOGICA DEL 2 GIUGNO

riciclo-italia-sicilia-male-classifica-Augusta. 2 Giugno, ancora una volta  si è svolta ad Augusta, la Giornata Ecologica con il Lungomare Liberato. Il successo dell’iniziativa registrato nei due precedenti appuntamenti spinge a fare sempre meglio per restituire alla cittadinanza il proprio territorio in veste ecologica. Infatti, in questa occasione, che ha coinciso con la giornata della Vela organizzata dal Club Nautico, il Lungomare è stato chiuso al traffico veicolare ed è  stato possibile, per i più piccoli, godere della mobilità sostenibile anche in mare con mini corsi di vela educando alla cultura ambientale virtuosa. Il Comune di Augusta e MegarAmbiente hanno presenziato in Piazza Unità d’Italia in mattinata con un CCR mobile dotato di sistema di pesatura sul posto, per dare la possibilità ai cittadini di conferire i propri rifiuti di Raccolta Differenziata, relativamente alle tipologie Carta e Cartone, Lattine, Vetro, Imballaggi in Plastica, e accumulare tanti Eco-Punti al fine di ricevere una decurtazione in bolletta Ta.Ri.

     Mariangela Scuderi

L’INAIL CONDANNATA A COSTITUIRE LA RENDITA IN FAVORE DEGLI EREDI DI UN LAVORATORE SIRACUSANO DI PRIOLO DECEDUTO PER MESOTELIOMA

amiantoRoma-Priolo.  C.L., siracusano, dopo aver lavorato per anni nella natia Sicilia, nella ditta Celene di Priolo Gargallo, e in altri siti contaminati da fibre di amianto, si è poi trasferito a Roma, ed è qui che ha lavorato come impiegato, eppure, anche qui c’era amianto: l’esito era scontato, una condanna a morte per mesotelioma, nel braccio della morte da innocente, vittima incolpevole e inconsapevole. E’ soltanto l’ultimo dei caduti di una guerra non dichiarata, che coinvolge la Regione Sicilia, troppe volte inadempiente anche dopo l’entrata in vigore della Legge Regionale 10/2014, e ancora priva di attuazione nonostante le continue sollecitazioni dell’Osservatorio Nazionale Amianto. C.L., ricevuta la diagnosi di mesotelioma, si è rivolto all’avv. Ezio Bonanni, e all’Osservatorio Nazionale Amianto (Dipartimento tutela e cura del mesotelioma), affrontando con dignità e coraggio la malattia e, con la guida del prof. Luciano Mutti era riuscito ad avere un discreto periodo di sopravvivenza (05.09.2014), fino a quando, poi, in data 15.07.2015 è deceduto.Nel corso della sua malattia , C.L. aveva presentato la domanda all’INAIL, che però aveva rigettato la richiesta. Ma come è possibile, si chiedeva  C.L., se il mesotelioma è una patologia da amianto, negare da parte dell’INAIL, il riconoscimento della rendita? Il Tribunale di Roma, con una consulenza medico- legale, svolta in contraddittorio anche con i medici dell’INAIL, e con i medici indicati dall’avv. Ezio Bonanni, aveva accertato che  C.L. è deceduto per amianto (mesotelioma) e che tale patologia era riconducibile all’esposizione lavorativa alle polveri e fibre nello stabilimento Celene di Priolo Gargallo.L’INAIL si è opposta ancora al riconoscimento della rendita, chiedendo al Giudice del lavoro del Tribunale di Roma di rigettare la domanda di accredito della rendita che, nel frattempo, era stata proseguita dagli eredi .Il Tribunale di Roma ha accolto le tesi dell’INAIL.Niente rendita per il lavoratore deceduto.La Corte di Appello, con decisione del 30.05.2017, ribalta l’incredibile sentenza del Tribunale di Roma e accoglie le tesi dell’avv. Ezio Bonanni e pertanto “in riforma dell’impugnata sentenza, accertata l’origine professionale del mesotelioma di cui era affetto il de cuius dichiara il diritto di L.C. … alla costituzione della rendita per malattia professionale con il grado invalidante del 100%”.‘Giustizia è fatta.

Continua a leggere

STRAGE DI LAVORATORI E CITTADINI ESPOSTI E VITTIME DELL’AMIANTO E LORO FAMILIARI? L’ONA VINCE IN CORTE DI APPELLO, MA NON BASTA.

amiantoRoma, Siracusa. L’occasione del deposito della sentenza della Corte di Appello di Catania, Sezione Lavoro, n. 390 del 04.05.2017, dà lo spunto all’Osservatorio Nazionale Amianto e all’Avv. Ezio Bonanni, coadiuvato dall’Avv. Alessandro Scuderi, per insistere in ordine alle urgenti misure di tutela della salute dei lavoratori e cittadini siciliani, esposti e vittime dell’amianto e loro familiari. L’ONA lamenta: · Strage di lavoratori e cittadini esposti e vittime dell’amianto e loro familiari (di seguito i numeri dell’epidemia); · La mancata applicazione della normativa in tema di prepensionamento per i lavoratori esposti all’amianto; · Assenza di doverosi risarcimenti; · Lungaggini giudiziarie; · Assenza di sorveglianza sanitaria e dell’istituzione del centro unico presso l’Ospedale di Augusta (così come stabilito dalla L.R.10/2014); · Mancata applicazione della c.d. ‘legge Gianni’ in materia di amianto (L.R. 10/2014). · Mancata emissione degli atti di indirizzo equipollenti per il riconoscimento dei benefici contributivi per esposizione all’amianto fino al 2003, per i siti siciliani ad alto rischio industriale. Il caso di E.B. è emblematico. L’INPS ha rigettato la sua domanda per il prepensionamento nonostante fosse dimostrata la sua esposizione professionale a polveri e fibre di amianto. In primo grado il Tribunale di Siracusa ha accolto le tesi dell’INPS e ha rigettato le domande del lavoratore esposto all’amianto, il quale ha dovuto continuare a lavorare nonostante fosse stato già provato fisicamente e moralmente dall’esposizione ad amianto. Il lavoratore si è quindi rivolto all’ONA nella persona del coordinatore regionale Sig. Calogero Vicario che ha interessato l’Avv. Ezio Bonanni, Presidente nazionale, il quale ha impugnato la sentenza presso la Corte di Appello di Catania. La Corte di Appello di Catania ha disposto una consulenza tecnica, così come richiesto dall’Avv. Ezio Bonanni. L’accertamento tecnico ha permesso di confermare che il Sig. E.B., come dipendente di un’azienda azienda chimica con sede a Priolo a Gargallo, è stato professionalmente esposto a polveri e fibre di amianto per il periodo dal 02.04.1976 al 31.12.1994, in concentrazioni superiori alle 100 ff/ll, nella media delle otto ore lavorative: il lavoratore si avvia dunque al prepensionamento. L’Osservatorio Nazionale Amianto, fin dal 2008, ha sollevato la problematica amianto in Sicilia, e ha lamentato una discriminazione per i lavoratori esposti ad amianto che si vedevano negati i loro diritti. Con la legge regionale n. 10/2014, dovuta grazie all’intervento dell’On.le Pippo Gianni, Deputato dell’Assemblea Regionale Siciliana e componente del comitato tecnico scientifico dell’ONA e già più volte Deputato nazionale, la Regione Sicilia si è dotata di uno strumento legislativo che prevedeva anche la creazione dell’unità operativa per la cura delle patologie asbesto correlate presso l’Ospedale di Augusta, oltre alla bonifica e ad ulteriori misure. La Legge Regionale Siciliana aveva un cronoprogramma per la sua applicazione, e quindi per la messa in sicurezza di tutti i siti. Successivamente il Deputato Regionale On.le Pippo Gianni è stato estromesso dall’ARS e la legge è stata privata del cronoprogramma.

Continua a leggere

AUGUSTA, PAUL CONNETT: STRATEGIA RIFIUTI ZERO

riciclo-italia-sicilia-male-classifica-Augusta. Con i saluti del sindaco di Augusta , Di Pietro, si sono aperti i lavori della conferenza internazionale dal titolo “La strategia Rifiuti Zero: i dieci passi verso la sostenibilità” che ha avuto luogo nel settecentesco salone di rappresentanza del Comune di Augusta, venerdì 26 maggio. Tanti i relatori che hanno illustrato lo stato dell’arte del progetto Fare con Meno (nato per la prevenzione e minimizzazione dei rifiuti urbani) che vive in sinergia con il servizio di raccolta differenziata porta a porta. “È  una rivoluzione che vede protagonisti i cittadini e rende noi orgogliosi”. L’ha affermato Di Pietro,   confermato da Paul Connett in persona, attivista, ricercatore, noto in tutto il mondo per essere l’ideatore della strategia RIFIUTI ZERO. Ad accompagnare Connett è stata Patrizia Lo Sciuto, vicepresidente Zero Waste Italy, associazione che fa da connettore e ponte per le diverse realtà ambientaliste nel mondo. Coinvolgere i giovani, sensibilizzare alle tematiche di inquinamento in mare, passare dall’era delle discariche a quella delle buone pratiche e  trasformare l’egocentrismo in ecocentrismo. Queste le missioni di Zero Waste Italy.  Tra gli ospiti  il sindaco di Ferla, Michelangelo Giansiracusa, che nella sua cittadina ha fatto realizzare una casa del Compost con un conseguente smaltimento a km zero della frazione organica.  L’assessore all’Ambiente del Comune di Augusta, Danilo Pulvirenti, promotore dell’incontro, ha moderato e cucito insieme tutti gli interventi dei relatori illustrando i risultati di un ambizioso progetto che ha come motto “Il miglior rifiuto è quello che non si produce”.  Francesco Ruta (DATANET società aggiudicatrice del piano comunicazione) ha annunciato l’imminente pubblicazione di brochure informative sulle diverse azioni poste in essere,  di video esplicativi e inoltre il lancio di un’app per smartphone dedicata e gratuita. Presente anche  Paolo Guarnaccia dell’Università di Catania, ricercatore in agronomia e coltivazioni erbacee, eccezionalmente nel ruolo di traduttore.  Davanti a una platea formata da addetti ai lavori, autorità, cittadini e allievi delle scuole, Paul Connett, di casa in Italia  per le battaglie contro gli inceneritori, “Dio ricicla, il Diavolo Brucia”, ha  elencato i dieci passi verso la sostenibilità : la separazione alla fonte tra risorse e rifiuti, la raccolta porta a porta, il compostaggio, il riciclo della frazione umida, i centri di riuso e riparazione, gli incentivi economici, le iniziative per la riduzione dei rifiuti, la separazione della frazione residuale, un miglioramento del design industriale e infine la discarica temporanea. E’ in cantiere un centro di riuso e riparazione per offrire una seconda vita ai beni di consumo.

    M.S.

LEGAMBIENTE DENUNCIA INQUINAMENTO DA IDROCARBURI A PUNTA CUGNO DA OLEODOTTO SASOL

punta cugnoAUGUSTA – Nei primi giorni dello scorso aprile si è verificato a Punta Cugno, a poca distanza dal mare, un grave inquinamento dovuto alla perdita di cherosene da una tubazione dello stabilimento Sasol. Secondo le dichiarazioni dei responsabili dell’azienda l’episodio era la conseguenza di un furto di carburante che si era malamente concluso con un piccolo sversamento di prodotto. Il furto sarebbe stato perpetrato scavando ad alcuni metri di profondità all’interno di un’area recintata dove passa l’oleodotto che era stato forato per sottrarne il cherosene. Sempre secondo l’azienda, appena ci si era accorti dell’evento, si era subito intervenuti per la messa in sicurezza e la bonifica. Legambiente interveniva dicendo: “L’avvenimento è l’ennesimo segnale dello stato di rischio in cui permane il territorio e non lasciano tranquilli le parole rassicuranti dell’azienda che tutto sarebbe stato risolto. Non sappiamo se il comune di Augusta sta seguendo l’evolversi della situazione ma, se ancora non l’ha fatto, sarebbe opportuno che l’amministrazione prendesse direttamente visione di come stanno le cose e, insieme all’ARPA, disponesse per la caratterizzazione dell’area interessata per verificare fino a che punto è giunta la contaminazione e, sulla base dei risultati, ordinare la bonifica dei suoli alla parte interessata”. Circa il quantitativo di cherosene sversato si parlava di 25.000 litri, quantità che a noi non parve affatto piccola e contrastava con le immagini dei TG dei giorni successivi che facevano pensare a una dimensione più consistente della fuoriuscita. Ricordavamo comunque che “25.000 litri, se davvero questo è il volume disperso al suolo, rappresentano un quantitativo notevole, equivalente  a quello trasportato da una grande autocisterna, la metà di quanto versato nel torrente Polcevera di Genova l’anno scorso”. A oltre un mese di distanza da quel deprecabile evento non è ancora stata resa nota qual è l’effettiva dimensione del danno ambientale che ne è derivato né quali opere di bonifica siano state avviate, quali eseguite e quali restano da completare. Intanto, come è facilmente constatabile, nella zona permane una forte puzza di prodotti petroliferi, cumuli di materiale di scavo – forse impregnati di idrocarburi e sommariamente coperti da teli di nylon trasparente – sono despositati oltre il margine della carreggiata e ai bordi della scarpata rimangono alcune pozze di quelli che, presumibilmente, sono idrocarburi. Dalla strada non sono visibili né si è in grado di capire se nella parte recintata sono eventualmente in corso lavori. Alla luce di quanto sopra, affinché la necessaria messa in sicurezza e bonifica dell’area venga eseguita con scrupolo ed urgenza,  Legambiente chiede agli Enti competenti di accertare lo stato delle cose e di fornire e rendere pubbliche tutte le informazioni di carattere ambientale in loro possesso relative al caso in questione.

   G.C.

AUGUSTA, COMUNE E AMBIENTALISTI GRIDANO “NO AL RIPRISTINO DEL POLIGONO MILITARE: PUNTA IZZO VA TUTELATA E RESTITUITA AI CITTADINI”

09_DC_Punta_Izzo_03Augusta. “Il Ministero della  Difesa non moIla l’osso”: questa è l’immagine incisiva adoperata dagli ambientalisti di “Natura Sicula” per manifestare disappunto e rabbia per la risposta negativa dello stesso ministero alla richiesta di  smilitarizzazione d’un’area, prima riservata a poligono di tiro fino al 1983, area  di Punta Izzo, la zona del litorale augustano celebrata da Giuseppe Tomasi  di Lampedusa in “Lighea”. Gli ambientalisti, anche attraverso una raccolta di firme e con il sostegno dell’ amministrazione comunale grillina, hanno chiesto alla Marina Militare di concedere l’area dell’ex poligono alla fruizione del pubblico e hanno attivato il deputato Gianluca Rizzo, che ha rivolto un’interrogazione al Ministro della Difesa, a cui la M.M. dipende funzionalmente. In una nota firmata dal Sottosegretario di Stato delegato,  Domenico Rossi, il Ministero ha risposto che Punta Izzo rimane di «particolare interesse per la Marina Militare», essendo ancora in parte utilizzata «per attività addestrative periodiche che non richiedono l’uso di armi». Ha aggiunto che «si sta valutando la possibilità di ripristinare l’uso del poligono» ..I programmi annunciati dal governo, cioè il possibile ripristino del poligono e l’uso di una porzione di costa per esercitazioni militari, contraddicono palesemente i vincoli ambientali apposti nell’area dal Piano Paesaggistico della Regione Siciliana, che  riconosce il massimo livello di tutela, in virtù delle straordinarie valenze naturalistiche e archeologiche, non solo a Punta Izzo, ma all’intera fascia costiera che dal castello di Agnone si estende fino alle ex Saline Regina, prescrivendo un divieto assoluto di edificabilità e persino di effettuare movimenti di terra che possano trasformare i caratteri morfologici e paesistici e obbliga le istituzioni ad attuare precisi interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio paesaggistico e tra questi: la conservazione dei valori naturali e della biodiversità, la tutela delle singolarità geologiche, la riqualificazione ambientale del litorale e la rinaturalizzazione dei tratti più o meno artificializzati con l’uso delle tecniche dell’ingegneria naturalistica, nonché l’eliminazione dei detrattori ambientali e il potenziamento della fruizione didattico-scientifica attraverso l’individuazione di itinerari naturalistici. A tutto ciò si aggiunga che l’area di Punta Izzo è attigua alle ex Saline Regina, cioè a un’importante area umida rifugio per l’avifauna, riconosciuta dall’Unione Europea come Sito d’Interesse Comunitario (SIC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS), che verrebbe minacciata nei suoi naturali equilibri dalla ripresa delle esercitazioni a fuoco nel vicino poligono militare. Comune e ambientalisti congiuntamente osservano che “è evidente come tutte queste misure di tutela paesaggistica e il delicato contesto ambientale in cui s’inscrive Punta Izzo, sono semplicemente incompatibili con la destinazione dell’area per attività addestrative delle forze armate e con la stessa permanenza di un vincolo militare in loco. Occorre precisare in proposito che le opere e gli interventi a scopo di difesa non sono affatto esenti dal rispetto delle norme ambientali, a cominciare dalle procedure relative alla valutazione d’incidenza. Purtroppo, però, la realtà ci dimostra come in tutta la Regione Sicilia, da Niscemi a Erice passando per Agrigento, continuano a essere realizzate e si ampliano istallazioni e attività militari all’interno di riserve naturali e altre zone protette, in barba a leggi e direttive regionali, nazionali, europee e internazionali. Per queste ragioni, esprimiamo il nostro dissenso nei confronti dell’indirizzo del governo nazionale con riferimento all’impiego militare del comprensorio costiero di Punta Izzo, che  – ribadiamo – avviene in chiara violazione della normativa ambientale regionale e nazionale. Invitiamo, pertanto, il Ministero della Difesa a rivedere le proprie scelte, e l’Assessorato regionale Territorio e Ambiente della Regione Siciliana a intervenire per rivendicare il rispetto da parte del governo nazionale delle prescrizioni del Piano Paesaggistico Regionale. Per un esame approfondito della vicenda e per esporre in quella sede la rilevanza di queste argomentazioni tecniche e politiche, riteniamo opportuna l’immediata convocazione di un tavolo di confronto tra Comune di Augusta, Ministero della Difesa, Regione Siciliana, Agenzia del Demanio e Soprintendenza ai beni culturali di Siracusa, con la partecipazione anche di una rappresentanza del Coordinamento cittadino che si è fatto promotore della petizione popolare per la smilitarizzazione, la bonifica e la tutela di Punta Izzo.”E’ stato costituito intanto un Coordinamento per Punta Izzo Possibile.

    M.S.