AUGUSTA, “MUSCATELLO”: RETROMARCIA? NO, AVANTI TUTTA!

Riaprono oggi le sale operatorie. Il resto? Chissà chi lo sa. Accesa assemblea nella sala riunioni del nuovo padiglione  – di Giorgio Càsole

ospedale-muscatello.-nuovo-padiglione-in-l-p.-vecchio-padiglione-in-II-300x199AUGUSTA.  Venerdì 23 ottobre: organizzata dal Tribunale dei diritti del malato, è durata circa tre ore e trenta minuti l’assemblea che aveva come tema “Muscatello, polo oncologico?”, ma il tema è stato solo un pretesto.  E’ stata una sorta di doppione del consiglio comunale allargato, monotematico sulle sorti del Muscatello, tenuto  a palazzo San Biagio  il 5 ottobre,  per la presenza di un gran numero di consiglieri comunali dell’opposizione e di  quelli della maggioranza governativa (M5S, compresi i vertici dell’amministrazione comunale: il sindaco Di Pietro e il suo vice Pisani). Possiamo dire che Pisani “giocava” in casa, essendo primario radiologo. Non è possibile riassumere qui tutti gli interventi, alcuni dei quali molto accesi, data la passione che suscita l’argomento, essendo il tema della salute un tema coinvolgente per tutti, soprattutto per coloro che soffrono o hanno sofferto e per chi teme di dover soffrire.  Una passione che ha fatto esplodere, a tratti, una rabbia repressa, tanto che alcuni interventi erano interrotti da persone del pubblico, invitate a chiedere ordinatamente la parola. Molte accuse sono state lanciate contro l’attuale gestione dell’ASP, non rappresentata, però, dal direttore generale Brugaletta, ma da Alfio Spina, direttore sanitario degli ospedali di Augusta e Lentini. Spina, alla soglia dell’età della pensione, ha sostenuto d’essere un professionista e di non  nutre particolari predilezioni per l’ospedale di Lentini; ha assicurato, garantito al cento per cento, che lunedì 26 riapriranno, dopo circa 9 mesi, le pur piccole sale operatorie del Muscatello , suscitando, almeno all’inizio del suo annuncio, un sonoro scetticismo nella quasi stragrande maggioranza dei presenti.  Mimmo Fruciano, presidente del Tribunale diritti del malato, ha confermato la notizia   data da Spina sulla  scorta di una telefonata in tal senso fattagli da Brugaletta nel pomeriggio di venerdì 23. Il medico sindacalista Giuseppe Vaccaro ha detto  apertis verbis che  ci sono interessi politici che congiurano contro il Muscatello,  il quale, invece d’essere potenziato, come quelli di  Milazzo e Gela, aree a rischio industriale come quella di Augusta-Priolo, è invece depauperato. Vaccaro ha toccato ancora il tasto dolente dell’elisuperficie che non può essere illuminata di notte perché mancano i fari. “E se di sera o di notte un ragazzino si investe con il motorino e lo portano qui e muore perché l’elisoccorso non è potuto entrare in funzione? Angoscioso interrogativo, che poche ore dopo, intorno alle 23, è sembra premonitore, giacché poco dopo le undici di quella sera  è avvenuta un’altra tragedia (la terza in tre mesi) sulla strada, che ha stroncato la vita al quindicenne Pierpaolo Piazza, morto sul colpo. Ma se Pierpaolo  fosse sopravvissuto all’impatto con un altro mezzo e fosse stato trasportato vivo al Muscatello e avesse avuto bisogno dell’elisoccorso? Angoscioso interrogativo, come quello sui e dei  poveri cristi che non possono aspettare le lunghissime liste d’ attesa   per farsi visitare  e possono morire o non possono fare la prevenzione come  dovrebbe  essere.  Argomenti questi,  sulle lunghe insopportabili liste d’attesa e sull’elisuperficie non operativa quando c’è buio, su cui  ha insistito Mimmo Di Franco . Senza peli sulla lingua Maria Giannone, in prima fila anni fa quando fu organizzato il comitato pro ospedale. Enzo Cannavò ha ricordato al sindaco e al suo vice che pende ancora davanti al TAR di Catania una richiesta avanzata anni fa  dall’Amministrazione Carrubba contro il famigerato decreto assessoriale della Regione Siciliana a causa del quale i reparti di ostetricia e di pediatria sono stati trasferiti da Augusta a Lentini,. Cannavò ha invitato  i vertici dell’attuale Giunta a sollecitare il ricorso. Il deputato regionale Zito ha esortato  la gente di Augusta a non essere sfiduciata e a tenere sempre desta l’attenzione, anche perché il governo nazionale ha  contestato la rete ospedaliera così come disegnata dalla Regione, tanto che – ha avvertito Zito – potrebbero addirittura essere soppressi gli ospedali nelle città con aree industriali, come quella di Augusta-Priolo.

   G.C.

AUGUSTA, “MUSCATELLO”: RETROMARCIA? NO, AVANTI TUTTA!ultima modifica: 2015-10-26T07:55:22+01:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento