IL SOMMERGIBILE ASCIANGHI E IL COMANDANTE CHE MORÌ DUE VOLTE – di Francesco Migneco

ascianghi.jpgNel luglio scorso, su queste pagine ci siamo occupati ampiamente della tragica, ma alquanto gloriosa vicenda del piccolo sommergibile Ascianghi, che nella totale obbedienza alla Patria e all’onore militare, che ha sempre contraddistinto la Marina Militare Italiana, il 23 luglio 1943 condusse quella ardimentosa e coraggiosa sortita contro un convoglio di cacciatorpediniere inglesi al largo della rada di Augusta. Il servizio di stampa sul Diario e Augusta News, fu reso con fedeltà storica e con gli elementi fino al momento conosciuti, ma al di là di questo, si è inteso, esclusivamente, dare umano e dignitoso riconoscimento ai 23 giovani marinai che dal lontano 23 luglio ’43, giacciono col loro battello proprio a due miglia dal porto megarese. Non importa, se altri che neanche gli è sfiorato il pensiero di questa commemorazione, se ne siano arrogata l’iniziativa, ed ipocritamente affermando di averla suscitata, preparata e celebrata. Sul punto ci limiteremo a questo, ma, in effetti, meriterebbe un più duro commento. Tuttavia è stato, ed è interessante che l’episodio che rispecchia valori di notevole valenza, al di là di ogni limite, sia stato giustamente rievocato, non fosse altro per onorare e recare deferenza a quei ventisette caduti. Ed è proprio in merito a questi caduti che abbiamo voluto riprendere l’argomento, anche per correggere la “colossale gaffe storica” riportata da un incauto quanto superficiale cronista sull’edizione de la Sicilia del 23 luglio 2013, ove a grosse lettere veniva titolato “… il primo a morire fu il Comandante”. Se il frettoloso cronista, e probabilmente lo storico che ne accompagnò la notizia, avessero posto attenzione alla fonte storica, avrebbero evitato che il Sottotenente di Vascello Mario Fiorini, Comandante dell’Ascianghi, morisse due volte. Dall’esame diretto di documentazione a noi pervenuta, emerge, invece, che il Fiorini sopravvisse all’affondamento del sommergibile assieme ad altri 26 membri dell’equipaggio. Infatti, il Fiorini fu fatto prigioniero dagli inglesi, e dopo 30 mesi di prigionia tra l’Algeria e l’Inghilterra, venne rimpatriato il 31 marzo 1946. Il Fiorini, quindi, non morì il 23 luglio 1943, bensì molti anni dopo, ossia a Roma il 18 novembre 1983 (Atto di morte 05976, Parte 2a Serie B01) Era nato a Camogli il 28 giugno 1916 (Atto di nascita n. 70 Parte 1a RA 1916). Dopo la tragedia dell’Ascianghi fu riammesso in servizio nella nuova Marina Militare Italiana, congedatosi con il grado di Contrammiraglio. Quindi la STORIA non può essere imbrogliata e sarebbe corretto che la facesse chi ne ha competenza, lontana dagli istrioni, ciarlatani ed imbonitori. E per completezza dell’esposizione, giova altresì utile riportare integralmente la conclusione dell’inchiesta, a firma del senatore Giuseppe Micheli, Ministro della Marina Militare dell’epoca, in seguito all’interrogatorio reso dal Fiorini alla Commissione Speciale Militare, dopo il suo rimpatrio dalla prigionia.

“Al STV Mario Fiorini

Ho esaminato la relazione della Commissione Speciale d’Inchiesta, in merito all’affondamento dell’Ascianghi avvenuto il 23 luglio 43 al largo di Augusta e di cui Lei era il Comandante. Da esso ho rilevato che Ella, si comportò con perizia e slancio durante un attacco contro caccia nemici e quando in seguito a grosse avarie riportate dall’Unità al Suo Comando, come da conseguenza avversaria, si trovò nella dura necessità di dover scegliere tra il perdere l’Unità con tutto l’equipaggio, o perderla cercando di salvare il personale, giustamente decise per quest’ultima soluzione. Giudico, pertanto, il Suo comportamento conforme alle leggi dell’onore militare e dai doveri derivanti dalla situazione contingente.

Roma 14 ottobre 1946

F.to G. Micheli

Copia conforme originale

Maggiore Commissario

F.to Ugo Del Corso”

Altra documentazione originale dimostra che il Comandante Fiorini diede esempio di coraggio e decisione nel condurre in salvo parte dell’equipaggio fuori dal battello che, ormai, rapidamente scivolava in fondo al mare. Non ci fu spazio per la gloria dell’Ascianghi ed anche a distanza di tanto tempo riesce difficile convincersi, perché malgrado le positive risultanze dell’inchiesta, al Fiorini non fu mai concessa alcuna onorificenza. Ma ancor più sorprende che non si rinviene nel carteggio, nemmeno una citazione alla memoria dei ventitré caduti nello adempimento del loro dovere. Ma ci abbiamo pensato noi, e soprattutto chi scrive, ad aver fatto sì che il 23 luglio scorso, a due miglia al largo di Augusta è stata onorata e commemorata la MEMORIA del loro sacrificio.

                   Francesco Migneco

IL SOMMERGIBILE ASCIANGHI E IL COMANDANTE CHE MORÌ DUE VOLTE – di Francesco Mignecoultima modifica: 2013-10-04T15:09:12+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento