Il CAOS DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI

download.jpgAUGUSTA. In giro, troppi elettrodomestici abbandonati per giorni, troppi serbatoi in eternit, cucine, sanitari, ecc. Colpa dei cittadini che non sanno come disfarsi degli oggetti, malgrado le esose cifre che pagano per la TARSU, o piuttosto di coloro che gestiscono la raccolta dei rifiuti? Se n’ è parlato l’ultima volta, senza esito, nel gennaio scorso, durante un convegno a Palazzo di città, alla presenza del commissario La Mattina ed una ditta di Torino. Il Comune di Augusta non è dotato di un CCR (Centro Comunale di Raccolta), dove il cittadino può disfarsi del rifiuto ingombrante che, lasciato in deposito, gli darebbe diritto a ricevere, così come succede in altri comuni, lincentivo per le detrazioni sulla TARSU! Se provate a telefonare alla ditta Pastorino (0931.512375), che ad Augusta si occupa di rifiuti  per chiedere cosa fare per liberarsi di un televisore, vi risponderanno di depositarlo nel più vicino cassonetto. E lì rimarrebbe almeno per alcuni giorni; difatti, la lavatrice che attualmente giace all’angolo tra via Megara e via Garibaldi ne è un esempio concreto. Per quanto mi è dato da sapere, in altri luoghi questo tipo di raccolta funziona diversamente. Non si può dire alle persone anziane di portare il televisore o la cucina nei cassonetti!! Quando si metterà un po’ di ordine sulla raccolta differenziata con il metodo di porta a porta?

E intanto si vocifera che per 4 mesi la discarica di costa Gigia sarà chiusa per ampliamento e che i rifiuti saranno smaltiti a Catania, con maggiori oneri da parte degli utenti. Non si potrebbe invece individuare un terreno, considerato il vasto territorio del Comune, per depositare i rifiuti solidi urbani, in modo da risparmiare sul peso del conferimento?

Mimmo Di Franco 

Il CAOS DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTIultima modifica: 2013-07-04T13:27:39+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento