L’INQUISIZIONE VISTA DAL DOMENICANO LA VECCHIA AL CIRCOLO UNIONE DI AUGUSTA – di G. Gulino

DOMENICANI AL CIRCOLO.jpgAUGUSTA. Sabato 18 maggio nel salone di rappresentanza del Circolo Unione si è svolta una conferenza dal titolo “L’Inquisizione. Un Vangelo da difendere con la forza o proporre nella verità? Ruolo dell’Ordine dei Predicatori in un fenomeno socio-ecclesiale dei secolo XIII-XVI”. Pubblico qualificato, numeroso e attento, pronto a puntualizzare gli aspetti negativi della tematica trattata e, qualora necessario, disposto a un caloroso confronto, se non scontro. Il Priore dei Frati Predicatori si è presentato con molta serenità e imparzialità di giudizio. Ha inquadrato il fenomeno dal punto di vista storico, religioso, sociale e politico iniziando dalle prime forme di “crociate” contro i catari-albigesi dei primi del XIII secolo, su mandato della Chiesa di allora, tramite San Domenico e pochi alti prelati  ritenuti in grado di contrastare nei modi e nei tempi dovuti l’avanzare delle cosiddette ideologie eretiche. “Qualcosa però non ha funzionato e i fatti hanno dimostrato che i fini, i metodi e gli strumenti utilizzati non hanno rispettato i principi di base della religione cristiana.

Il Dio dei Cristiani, definito anche “Logos” è infatti l’espressione più alta del dialogo , delle relazioni, del rispetto della dignità, della libertà e della libera espressione di ogni uomo. Alla razionale e cristiana volontà di proporre la verità evangelica, subito dopo la morte di San Domenico è subentrata la logica della sopraffazione, dell’imposizione, dell’utilizzo della forza per affermare le propria ideologia religiosa. Fenomeno, che ha avuto una denominazione netta chiara, ” Inquisizione”, che alla luce della storia e di una lettura oggettiva degli eventi non può trovare alcun tipo di giustificazione. Ma la dovuta condanna– ha continuato fra Francesco G.M. La Vecchia- va diretta nei confronti di tutta una società dell’epoca con i relativi malanni, devianze, mal costume e a quelle tendenze egoistiche di potere, arricchimento e prevaricazione che fa parte della indole umana avverso cui la Chiesa ha trovato sempre la forza e i presupposti della sopravvivenza. Il relatore ha quindi invitato il pubblico a riflettere su tutta una serie di azioni delittuose che attualmente vengono commesse nei confronti della dignità dell’uomo e che frequentemente passano inosservate nell’attuale società del relativismo e dell’indifferenza, ma che  sicuramente saranno oggetto di pesanti critiche da parte dei posteri. E allora per evitare il facile ricadere in tali incivili e drammatiche situazioni, –  ha concluso fra Francesco, –  non basta la denuncia o condanna di tali eventi, ma bisogna essere disponibili ad un dialogo che rispetti effettivamente i principi etico-morali del rispetto altrui che nel caso della religione cristiana vengono compresi nei termini “Giustizia, Verità, e soprattutto Amore”. Dopo alcuni interessanti e pacati interventi da parte degli ingegneri  De Martino e  Ferraguto e del dott. Nicola Limma, la presidente del Circolo, dott.ssa Gaetana Bruno Ferraguto, ha ringraziato il relatore invitandolo per altri i interessanti e proficui appuntamenti.

     Gaetano Gulino

L’INQUISIZIONE VISTA DAL DOMENICANO LA VECCHIA AL CIRCOLO UNIONE DI AUGUSTA – di G. Gulinoultima modifica: 2013-05-19T23:08:08+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento