AUGUSTA. CONCLUSO IL PROGETTO “IL FARO, UN CONO DI LUCE FRA PIU’ MONDI”

il faro.jpg

forte vittoria,augusta,augustanewsAUGUSTA.  Con la visita guidata del restaurato Forte Vittoria e della rada di Augusta, si è concluso ufficialmente. giovedì 9 maggio,  il progetto del liceo “Mègara” “Il Faro, un cono di luce fra due mondi”, rivolto non soltanto agli alunni dello stesso istituto, ma a quelli di altre istituzioni scolastiche. Alla visita, guidata da Luca Di Giacomo, hanno partecipato, infatti,  gli alunni degli istituti comprensivi “Corbino” e”Costa”, di Augusta, che hanno  concorso con elaborati di vario tipo. Oltre alla dirigente scolastica del “Mègara”,Castorina,  erano presenti i docenti Pirrucello, referente del progetto stesso, Castro, Cusumano, Di Venuta, C. Patania e F. Solano, del “Mègara” e Ritunno e Suppo, rispettivamente della “Corbino” e della”Domenico Costa”, che hanno accompagnato i loro alunni, quasi tutti per la prima volta in visita al Forte Vittoria, intitolato alla moglie del governatore spagnolo Garsia deToledo, cui è intitolata l’altra fortificazione posta al centro del porto ,  quale presidio contro le scorrerie dei pirati che allora infestavano il Mediterraneo. Durante la visita del forte Vittoria, possibile grazie all’intervento dell’Autorità portuale di Augusta,  le delegazioni scolastiche hanno ricevuto la gradita visita degli ammiragli Abbamonte e Di Capua, rispettivamente direttore dell’arsenale militare e  comandante della flottiglia corvette e del capitano di vascello Giuseppe Barbera, comandante di Maribase-Augusta. Non meno interessante per i ragazzi la visita dell’ampia rada, grazie alla collaborazione del Gruppo barcaioli. Per i ragazzi è stata “una bellissima esperienza perché non capita spesso di visitare questi luoghi”, hanno riferito entusiasti Gabriele Valenti e Fabio Visdentini della I C –scientifico.

   G. C.

 

AUGUSTA. CONCLUSO IL PROGETTO “IL FARO, UN CONO DI LUCE FRA PIU’ MONDI”ultima modifica: 2013-05-11T07:08:00+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento