Era di Augusta il re del porno italiano, Riccardo Schicchi, morto a Roma a 60 anni

schicchi.jpgAUGUSTA.  Al tempo in cui la base navale di Augusta ospitava molti marinai di leva – e, talvolta, anche marinai americani che qui sostavano per almeno un giorno – i bordelli erano fiorenti, quelli legali fino al 1958, quando  la senatrice socialista Merlin non propose al parlamento l’abolizione delle  case dette chiuse o di tolleranza, i bordelli, appunto, perché luogo di sfruttamento della prostituzione – principio nobilissimo, ma con effetti peggiori del male che voleva cancellare.  I bordelli o casini erano addirittura classificati come oggi gli alberghi, a quattro stelle, a tre, a due, a seconda e della “merce fresca”, le donnine, cioè, e dell’eleganza della “casa”, governata, in genere, da una maitreisse, cioè da un’anziana ex prostituta messasi in proprio. Lo Stato imponeva tributi a quest’attività, ma garantiva i controlli sanitari e per la salute delle donne e per la prevenzione di malattie sessuali.  Alla maestra Merlin apparve  aberrante l’imposizione tributaria sul “mestiere più antico del mondo”. Era come se lo Stato stesso assumesse lo status di sfruttatore della prostituzione. Da qui e dall’esempio proveniente dalla  vicina Francia, si arrivò piuttosto celermente all’approvazione della legge, chiamata, appunto, Merlin, dal nome della prima firmataria. Non si era previsto che il mestiere è rimasto sempre  più antico e che le donne sono passate davvero nelle mani di magnacci sfruttatori autentici  delle donne, spesso fatte venire in Italia con l’inganno, che vengono picchiate e che trascorrono   le ore serali e notturne. E’ il fenomeno detto delle lucciole, perché  “brillano” di sera e di notte, stando davanti al fuoco nelle fredde sere d’inverno, senza protezione e senza difesa.  I bordelli clandestini sono stati funzionanti, senz’avere più, tuttavia, l’allure di un tempo (come ha mostrato Tinto Brass nei suoi film), tant’è vero che, nelle case chiuse scoccava spesso l’amore da parte del maschio che, così,riscattava la donna, arrivando, in taluni casi,  a sposarla. Sei anni prima del varo della legge Merlin, il 12 marzo 1952, ad Augusta nasce Riccardo Schicchi, figlio di un militare di stanza nella base.  Dopo le scuole dell’obbligo si iscrive al liceo scientifico, lo stesso che, anni dopo, avrebbe frequentato un altro personaggio che avrebbe acquistato fama e popolarità, Saro Fiorello. Schicchi precede Fiorello quanto a monellerie.  La  voce popolare riferisce che fu espulso perché  sorpreso a spiare le ragazze nei locali igienici a loro riservati.  L’espulsione  rappresentò un colpo di fortuna per il giovane Riccardo che ripiegò sul liceo artistico in un’altra città, dove si diplomò in fotografia. Si trasferì a Roma e firmò servizi fotografici, anche in zone di guerra, per conto del prestigioso settimanale mondadoriano EPOCA. Fu però, l‘incontro con la biondissima e giovanissima disinibita modella ungherese Ilona Staller a imprimere una svolta alla sua carriera, facendo di lui il re del porno italiano, come un altro augustano di nascita, Joe Conforte, è diventato celebre negli USA e, di riflesso in Italia, per essere stato il re della prostituzione legale  negli States. Joe Conforte è dovuto scappare per non essere processato e condannato per evasione fiscale. Tuttora è vivo e vegeto in Brasile. Ne parlammo tempo fa su queste colonne con un pezzo “Che fine ha fatto Joe Conforte?”, ripreso, senza citare la fonte, da un giornalista siciliano, collaboratore de Lo Specchio della Stampa. Riccardo Schicchi, dopo i trionfi conosciuti grazie a Ilona Staller e alla più importante delle sue “scoperte”, la statuaria Moana Pozzi, con cui fondò pure il “Partito dell’Amore”, dopo aver girato film porno, di cui era anche sceneggiatore, dopo un arresto durante lo scandalo denominato Vallettopoli, si è ammalato di diabete  ed è morto il 9,  a Roma, nell’ospedale Fatebenefratelli, qualche giorno dopo essersi svegliato dal coma. I giornali nazionali e anche il social network Facebook hanno dato rilievo alla notizia.

   Giorgio Càsole.

 

Era di Augusta il re del porno italiano, Riccardo Schicchi, morto a Roma a 60 anniultima modifica: 2012-12-10T22:30:00+01:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento