La voce dei lettori sul “sit in” cittadino di ieri contro il ridimensionamento del civico ospedale Muscatello

muscatello,augusta,politica,sanità

 Diamo voce ai lettori, pubblicando i commenti rilasciati in questo blog, testè  come pervenuti.

       1 giugno 2011: si allunga la lista

   

    <Sono di Augusta, ho partecipato al corteo del 31 maggio ma credo che bloccare la cittadinanza per 2 (o forse più) giorni non sia affatto la mossa più corretta per far sentire le nostre ragioni! Non ha senso segregare all’interno dello stesso quartiere gli onesti cittadini che appoggiano la protesta. Questo significa farsi del male da sé (per non dire “darsi le martellate sui…”). Chi ci rimette siamo noi stessi cittadini.  Il problema della chiusura di alcuni reparti del P.O. Muscatello, è più complesso di quanto si possa pensare e di certo non dipende né dai cittadini, né dal personale paramedico della limitrofa Lentini.
Se veramente vogliamo far valere le nostre ragioni, non dobbiamo bloccare Augusta. Si deve iniziare a bloccare le sedi direttive dell’ASP n.8 a Siracus (in Corso Gelone). Blocchiamo QUELLE strade, ma non le nostre! Allora sì che qualcuno potrà sentirci!
Avvisiamo anche TUTTE le testate giornalistiche locali, siciliane e nazionali (Rai, Sky, Mediaset, La7). Non lo stesso giorno, ma almeno 1 settimana prima, in modo che si organizzino preventivamente. E mentre ci troviamo nei paraggi, blocchiamo anche gli ingressi alla zona industriale, in modo da fermare per un paio di giorni gli impianti petrolchimici (dispensatori di malattie e morte), così da far riflettere i dirigenti del nord che da decenni si arricchiscono facendo morire di cancro i cittadini di Augusta (e che ripagano con le briciole chi ci lavora).  Ragazzi, riflettiamo su questi aspetti ed evitiamo di fare del male a noi stessi, alla nostra città già fin troppo martoriata.>

    

    <Allora, giustamente qualcuno dice che lo sciopero cosi come fatto è poco incisivo e dannoso solo agli stessi cittadini. Ok! un pò è anche vero. Quando i benzinai fanno sciopero non è che regalano la benzina facendo danno alle industrie, ma mettono disagio ai cittadini stessi, anzichè andare a fermare le fabbriche, chi governa tanto sa che non ci perde, perche la benzina la verderà il giorno prima o il giorno dopo. ALLORA bisogna colpire al cuore vale a dir, occupare le strade di accesso alle fabbriche i dipendenti stessi delle industrie devono astennersi di lavorare e fermare la produzione , basta pensare quanti miliardi perderebbero le iundustrie in un solo giorno di fermo, questo bastrebbe a far NUOVERE IL GOVERNO e non solo…e se è il caso si va a ROMA…>

    

     <E me lo chiami “sciopero con le palle” questo? E’ stato solo fatto un danno agli stessi augustani (manifestanti) che sono stati segregati nei loro quartieri! Non è questo il modo di protestare, fra l’altro senza che TG nazionali e regionali ne abbiano parlato. Si deve bloccare Siracusa, gli ingressi degli uffici ASP n.8 e soprattutto gli ingressi del petrolchimico!  Si devono FERMARE gli impianti per alcuni giorni (io spererei per sempre).Sono questi che ci fanno ammalare e che ci obbligano a tenere un ospedale con reparto oncologico! Organizziamolo meglio questo sciopero, a favore dei cittadini e non a loro sfavore. Bisogna indirizzarsi verso i vertici dell’ASP 8 e degli impianti industriali Esso & C. Blocchiamo loro, non i cittadini>

   

     <Gli augustanesi avremmo bisogno di un Ospedale “Efficiente” ed “Adeguato” alla popolazione, non se ne fanno nulla di una scatolone sempre più grande, ma sempre più vuoto. Sono ormai anni che vengono distolte risorse sia economiche che umane dall’ospedale Muscatello, a scapito degli utenti della cittadina megarese. Quindi uniamo le nostre forze e chiariamo bene i termini della richiesta ” Un Ospedale completo” e soprattutto “Efficiente”, fatto di gente che sappia trattare con i pazienti, che come dice la stessa parola già sono pazienti per trovarsi in uno stato di bisogno, quindi non gli rimane tanta pazienza per sopportare angherie e sorprusi vari, così come ci hanno abituato i lavoratori ospedalieri.”>

  

       <finalmente uno sciopero con le palle facciamoci sentire ma non un solo giorno tutti i santi giorniiiiiiiii>

 

     <per tutti i veleni che ci sono ad Augusta nessuno protesta perché ci mangiano, sono 40 anni che gli augustani ci mangiano, invece per il trasferimento di 10 medici a Lentini stanno paralizzando una citta booooh>

      <…non capisco!…davvero nn capisco….disagio solo ed esclusivamente x gli augustani!! cassa di risonanza pari a zero! nessun tg nazionale si è interessato…nessun sito a livello nazionale si è posto il problema di augusta…ma quale è il senso di questa manifestazione “locale”???…mmha! 

    <Chissà per quale motivo al mondo c’è sempre qualcuno che va contro corrente. Siamo circondati da Ospedali?? Azz… ma allora che lottiamo a fare siamo dei veri imbecilli… meno male che ci sono persone che ci aprono gli occhi…. arritititi beddu
La questione inquinamento è un busines multimiliardario oltre che di interesse Nazionale ed internazionale e manco se tutti i cittadini si incatenano riusciranno a sbooccare, fatevene una ragione, quando le energie alternative meno inquinanti avranno preso il sopravvento al petrolio, allora si che le raffinerie saranno chiuse , ma in quel tempo la città di Augusta avrà si e no 1000 abitanti… poi magari ricomincerà a crescere ma ci vediamo fra 200 anni ok, io vi aspetto..>

 

    <Sono di Augusta e non riesco a capire. Ma che senso ha bloccare i vostri concittadini?????? Io non capisco! Ma se chi decide sta nei palazzi del potere a Palermo o Siracusa o Roma, cosa significa bloccare tutte le strade di Augusta? Che senso ha, aprire le portiere di un’ambulanza per controllare chi c’è dentro? Cosa si vuol ottenere impedendo a tutti i cittadini di poter svolgere le proprie attività?
Avrebbe più senso bloccare le asl a Siracusa o protestare a Palermo contro l’assessorato interessato! Così non otterrete nessuna pubblicità a livello nazionale.>

    < Augusta è circondata da tanti ospedali perchè protestate? Mobilitatevi invece contro l’inquinamento del Petrolchimico…>

   < premetto che non sono di Augusta, ma mi reco spesso in questo paese come è successo ieri sera.Nonostante gli allarmanti avvisi, io sono riuscito ad entrare in città senza difficoltà.Lottate per una causa giustissima, soprattutto alla luce dei miliardi spesi per costruire l’ospedale di lentini (non ancora funzionante) nonostante i miliardi spesi per costruire un nuovo Muscatello (e mai aperto). Non mollate, continuate, continuaiamo a lottare.Una cosa però non la capisco. Il blocco di ieri (che se non ho capito male proseguirà anche oggi) ha portato disagio a SOLO ai cittadini di Augusta, alle imprese di Augusta. Non potete e non dovet gettarvi la zappa sui piedi da soli.
Il disagio dovete portarlo agli altri. Andate a bloccare le autostrade, le ferrovie, se è il caso anche gli assessorati a palermo ma lasciate libera la vs città.>

   < A ROMAAA FATE LA MARCIA SU ROMA AUGUSTANI TUTTI AL CAMPIDOGLIO….. PERNOTTAMENTO FORZATO IN PIAZZA FINO A QUANDO QUALCUNO DEI POLITICI NON SI ALZA DALLA POLTRONA. IO SONO A MILANO E MI ACCODERO’ AD UNA COSA COSI. NON MOLLATE>

    < LEGGENDO I VS. COMMENTI CAPISCO CHE NON CAPITE L’IMPORTANZA DI QUELLO CHE VI STANNO TOGLIENDO. PENSATE SOLAMENTE CHE PER UNA PERSONA CHE HA UN INFARTO, OGNI ISTANTE E’ PREZIOSO PER SALVARSI LA VITA ED IL TEMPO CHE DOVREBBE IMPIEGARE UN AMBULANZA PER ARRIVARE DA LENTINI GLI POTREBBE ESSERE FATALE! INOLTRE PROVATE A PENSARE SE QUESTA PERSONA FOSSE UN VOSTRO FAMILIARE. E QUESTO E’ SOLO UN ESEMPIO… INOLTRE L’ OSPEDALE AD AUGUSTA GLI SPETTA PER LEGGE, PERCHE’ “ATTUALMENTE” AUGUSTA E’ UN POLO PETROLCHIMICO, HA UNA BASE MILITARE, UN PORTO E E UNA POPOLAZIONE DI CIRCA 35.OOO ABITANTI. SICURAMENTE LA POTRESTA DI IERI POTEVA ESSERE ORGANIZZATA MEGLIO, MAGARI MANTENDO LA CIRCOLAZIONE ALL’INTERNO DEL PAESE, BLOCCANDO SOLO I PUNTI D’INGRESSO, MA QUESTO NON SIGNIFICA CHE ANDAVA FATTA! ANCHE PERCHE’ GRAZIE A QUESTA DOMANI 1 GIUGNO 2011 ALLE ORE 11.00, IL PREFETTO DI SIRACUSA  INCONTRERA’ IL NOSTRO SINDACO, I RAPPRESENTANTI DEL NOSTRO COMITATO CITTADINO E L’ORGANO COMPETENTE DELLA SANITA’ REGIONALE, PER DISCUTERE LA PROBLEMATICA. IL COMUNE DI AUGUSTA E IL COMITATO CITTADINO RICHIEDERANNO LA SOSPENSIONE DEL PROVVEDIMENTO. SE VOLETE SAPERE L’ESITO, VENITE DOMANI ALLE ORE 18.00 ALLA DARSENA, DOVE INCONTREREMO IL COMITATO CITTADINO. INFINE VOLEVO PRECISARE CHE RAI 3 HA FATTO IL SERVIZIO SULLO SCIOPERO DI IERI. E VOLEVO ANCHE CONSIGLIARVI DI ESSERE UN PO’ MENO SUPERFICIALI NELL’ ESPRIMERE I GIUDIZI!>

     <Tanto furore per nulla. Si crea il caos per evitare il disagio di percorrere pochi chilometri e nessuno si accorge che il megaporto commerciale di Augusta è un fantasma. Si aprono le porte industriali e commerciali con l’oriente in seguito alle lotte di democratizzazione di quei paesi e il porto commerciale, proiettato verso questi paesi, resta deserto. Potrebbe dare ricchezza e lavoro ed espansione alla città, che sta morendo, e i cittadini ciechi, gregge governato da qualche pappone politico, alzano la testa per un riscatto di vuoto orgoglio di campanile. Peggio per loro. Peggio per loro.” >

    < previsto anche per l’ 1 di giugno lo sciopero?” >

    NEL SITO YOUTUBE CHE OSPITA IL FILMATO DELL’EVENTO, E’ STATO RILASCIATO QUESTO VERIFICABILE COMMENTO :

      < Cari amici di Augusta, vi auguro che il vostro ospedale non venga chiuso, ma non credo che a qualche politico interessi le vostre proteste. Faranno come fanno sempre, in ogni paese d’Italia: vi faranno promesse che non manterranno. E allora cosa bisogna fare? Innanzi tutto non credergli più, nè a quelli di sinistra, nè a quelli di destra, cioè non votarli mai più. Potete invece il 12 e 13 giugno prossimi votare “sì” ai referendum abrogativi sul nucleare e sull’acqua pubblica. Ecco cosa farei io.>

 

      Nella foto in alto, un momento del sit in

La voce dei lettori sul “sit in” cittadino di ieri contro il ridimensionamento del civico ospedale Muscatelloultima modifica: 2011-06-01T21:09:25+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “La voce dei lettori sul “sit in” cittadino di ieri contro il ridimensionamento del civico ospedale Muscatello

  1. LEGGENDO I VS. COMMENTI CAPISCO CHE NON CAPITE
    L’IMPORTANZA DI QUELLO CHE VI STANNO TOGLIENDO.
    PENSATE SOLAMENTE CHE PER UNA PERSONA CHE HA UN INFARTO, OGNI ISTANTE E’ PREZIOSO PER SALVARSI
    LA VITA ED IL TEMPO CHE DOVREBBE IMPIEGARE UN AMBULANZA PER ARRIVARE DA LENTINI GLI POTREBBE
    ESSERE FATALE!
    INOLTRE POVRATE A PENSARE SE QUESTA PERSONA FOSSE UN VOSTRO FAMILIARE.
    E QUESTO E’ SOLO UN ESEMPIO…
    INOLTRE L’OSPEDALE AD AUGUSTA GLI SPETTA PER LEGGE, PERCHE’ “ATTUALMENTE “AUGUSTA E’ UN POLO
    PETROLCHIMICO, HA UN BASE MILITARE, UN PORTO E
    E UNA POPOLAZIONE DI CIRCA 35.OOO ABITANTI.
    SICURAMENTE LA POTRESTA DI IERI POTEVA ESSERE
    ORGANIZZATA MEGLIO, MAGARI MANTENDO LA
    CIRCOLAZIONE ALL’INTERNO DEL PAESE, BLOCCANDO
    SOLO I PUNTI D’INGRESSO, MA QUESTO NON SIGNIFICA
    CHE ANDAVA FATTA!
    ANCHE PERCHE’ GRAZIE A QUESTA DOMANI O1 GIUGNO 2011 ALLE ORE 11.00, IL PREFETTO DI SIRACUSA
    INCONTRERA’ IL NOSTRO SINDACO, I RAPPRESENTANTI
    DEL NOSTRO COMITATO CITTADINO E L’ORGANO COMPETENTE DELLA SANITA’ REGIONALE,PER DISCUTERE LA PROBLEMATICA.
    IL COMUNE DI AUGUSTA E IL COMITATO CITTADINO
    RICHIEDERANNO LA SOSPENSIONE DEL PROVVEDIMENTO.
    SE VOLETE SAPERE L’ESITO, VENITE DOMANI ALLE ORE
    18.00 ALLA DARSENA, DOVE INCONTREREMO IL
    COMITATO CITTADINO.
    INFINE VOLEVO PRECISARE CHE RAI 3 HA FATTO IL
    SERVIZIO SULLO SCIOPERO DI IERI.
    E VOLOVO ANCHE CONSIGLIARVI DI ESSERE UN PO’
    MENO SUPERFICIALI NELL’ESPRIMERE I GIUDIZI!

  2. Gli augustanesi avremmo bisogno di un Ospedale “Efficiente” ed “Adeguato” alla popolazione, non se ne fanno nulla di una scatolone sempre più grande, ma sempre più vuoto. Sono ormai anni che vengono distolte risorse sia economiche che umane dall’ospedale Muscatello, a scapito degli utenti della cittadina megarese. Quindi uniamo le nostre forze e chiariamo bene i termini della richiesta ” Un Ospedale completo” e soprattutto “Efficiente”, fatto di gente che sappia trattare con i pazienti, che come dice la stessa parola già sono pazienti per trovarsi in uno stato di bisogno, quindi non gli rimane tanta pazienza per sopportare angherie e sorprusi vari, così come ci hanno abituato i lavoratori ospedalieri.

  3. LO SCIOPERO DI “UNA PARTE DEI CITTADINI DI AUGUSTA” INTANTO E’ RIUSCITO AD OTTENERE
    DAL PREFETTO LA SOPENSIONE DEL PROVVEDI
    MENTO CHE AVEVA L’OBBIETTIVO DI SMANTELLARE MOLTI REPARTI DELL’OSPEDALE.
    E SCUSATE SE E’ POCO…
    SPERO CHE CON QUESTO ABBIATE CAPITO CHE
    PER OTTENERE QUELLO CHE VOGLIAMO CI DOBBIAMO
    IMPEGNARE METTENDOCI DEL NOSTRO.
    ADESSO VOGLIO DIRE GRAZIE A QUELLA PARTE DEI
    MIEI CONCITTADINI CHE COME ME, SI SONO
    SACRIFICATI TRASCURANDO IL PROPRIO LAVORO
    E LA PROPRIA FAMIGLIA PER PARTECIPARE ALLO
    SCIOPERO NELLA DIFESA DI UN NOSTRO DIRITTO.
    PER TUTTI GLI ALTRI NON HO PAROLE…………

  4. Anzitutto premetto che scrivere usando caratteri maiuscoli su Internet equivale a gridare (mi rivolgo al post qui sopra) e qui stiamo facendo una discussione fra persone civili.
    Detto questo, lo “sciopero” non è servito a niente e non ha fatto nessuna eco nazionale. Lo ripeterò mille volte: non è blindando i cittadini che si fanno valere i propri diritti!
    Ha detto bene Giorgio Casole nel suo articolo sulle riflessioni relative alla manifestazione del 30 maggio.
    Purtroppo i reparti, come da programma, verranno chiusi lo stesso. La sospensione del provvedimento non significa nulla. Significa solo rimandare di qualche mese il destino di quei reparti.
    Questo perché la Sanità italiana non ha soldi. Qualcuno del Governo nazionale li ha tolti dalle voci di bilancio e centinaia di ospedali in Italia sono a rischio ridimensionamento.
    Quando si va a votare e si scelgono i governanti, occorre fare attenzione a dove mettiamo la “X”. Molti, soprattutto in Sicilia, hanno votato l’attuale governo che, come era noto, non privilegiava il pubblico ma il privato. E questo è il risultato! Pensiamo a questo “piccolo” dettagio… e soprattutto non blocchiamo più la nostra città!

Lascia un commento