Fortuna, di nome

divieto.jpgAUGUSTA “Seby è innocente”,  è la scritta che, da qualche giorno, campeggia su striscioni, locandine, lenzuola distese sui muri. La scritta “grida” l’innocenza del 31enne augustano Sebastiano Fortuna, sposato, una figlia, rinchiuso nel penitenziario locale, dal 9 marzo scorso, da quando, cioè, la Corte di Cassazione ha confermato la condanna tre anni e cinque mesi inflitta a Fortuna dal tribunale di Siracusa e confermata in appello a Catania, per violenza nei confronti di Y. A., palpeggiata nelle parti intime in un afoso pomeriggio del 30 luglio 2003, sulla via principale del centro storico, la Via Principe Umberto, nei pressi di un cantiere edìle, dove Fortuna lavorava. Stando all’accusa, Fortuna, oltre alla violenza fisica, usò anche un  frasario oltraggioso nei confronti della giovane donna, ventitreenne all’epoca dei fatti, coetanea, dunque, dello stesso Fortuna. La donna, sconvolta, dopo essersi recata a casa e dopo aver raccontato l’episodio alla madre e ad alcune amiche, informò dell’accaduto l’allora fidanzato,  S. R., oggi suo marito.  Entrambi, l’indomani, ripassarono vicino al cantiere dove lavorava Fortuna, il quale, stando sempre al capo d’accusa, avrebbe detto: “T’è piaciuto ieri? Di’ al cornuto del tuo ragazzo che, se vuole, ce n’è pure per lui.” Dalle parole, così offensive e brucianti, si passò  sùbito alle vie di fatto. La rissa fra i due, Fortuna e S.R., vide soccombere il primo. Per reazione, Fortuna denunciò formalmente l’avversario. Per contraccolpo, circa un mese dopo, la giovane Y.A.  presentò una denuncia per violenza contro Fortuna. Il processo contro Fortuna sì’è concluso con la condanna definitiva, quello contro S.R, invece, non è stato ancora definito nemmeno in primo grado. Qualche giorno fa, davanti al giudice di pace, il pubblico ministero ha chiesto e ottenuto il trasferimento dell’udienza ad altra data perché l’atmosfera era, diciamo così, surriscaldata dalla presenza dei parenti e familiari del Fortuna, che guardavano in cagnesco i loro avversari per via della ristrettezza  di Seby in carcere. Lo stesso Seby ha inviato una lettera, pubblicata su facebook, per ringraziare tutti i suoi sostenitori che non sono pochi e si stanno contando, proprio mentre scriviamo, visto che sono state raccolte firme, prima in Piazza Duomo, nel cuore del centro storico, e poi in Piazza Fontana, nella parte cosiddetta della Borgata. I familiari hanno raccolto le firme per inoltrare al presidente della repubblica una richiesta di grazia per Seby, che continua a dichiararsi innocente, negando ogni addebito. In subordine, Fortuna è ammesso a riconoscere d’aver fatto “la mano morta”. Durante il dibattimento sono stati ascoltati gli ex compagni di cantiere di Fortuna,  che hanno testimoniato in suo favore, ma sono caduti in contraddizione e sono stati deferiti all’autorità giudiziaria  per falsa testimonianza. Quindi, anch’essi dovrebbero essere sottoposti a processo.  La signora, per cui Fortuna è stato condannato, s’è sentita oggetto d’un’altra violenza, a causa del can can provocato da tutte le iniziative dei sostenitori di Fortuna, compresa quella della raccolta delle firme in Piazza Duomo, di fronte allo studio notarile dove la signora lavora. L’effetto è stato così traumatico che la signora Y.A  non è riuscita nemmeno ad andare a lavorare  e si è rivolta al suo  difensore, il penalista e uomo politico Puccio Forestiere, che ha convocato una conferenza stampa, cui erano presenti la signora e il marito.  L’avvocato Forestiere, com’è sua abitudine, s’è scagliato sùbito contro quei movimenti femministi pronti a  scendere in piazza, ma latitanti in questo caso. La signora, di cui fino a quel momento non si conoscevano né volto né identità,  tramite Forestiere, ha chiesto la rimozione  di ogni cartello abusivo pro Seby e la tutela   contro ogni altro tentativo di offesa nei suoi confronti. La guerra continua?

    Giorgio  Càsole                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

Fortuna, di nomeultima modifica: 2011-04-15T17:28:04+02:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento