DA TINDARI A MORGANTINA, A CATANIA: STORIE DI MARE TRE CONCERTI, PROTAGONISTA L’ORCHESTRA A FIATI “CONSERVATORIO ARCANGELO CORELLI” DI MESSINA DIRETTA DA LORENZO DELLA FONTE

Orchestra a fiati Conservatorio A. CorelliTaormina – Il mare è il leitmotiv dei tre concerti organizzati da Taormina Arte  per Anfiteatro Sicilia, la manifestazione culturale promossa dall’Assessorato regionale al Turismo. I protagonisti, i maestri dell’Orchestra a fiati del Conservatorio Arcangelo Corelli di Messina, diretti magistralmente da Lorenzo Della Fonte, considerato un’autorità indiscussa nel mondo fiatistico mondiale. Tre appuntamenti da non perdere: 28 luglio al Teatro Antico di Tindari, 29 luglio al Teatro Antico di Morgantina e 11 agosto al Teatro Antico di Catania. Tre dei più bei teatri di pietra siciliani, spazi scenici e cavee suggestive, rinnovate da Taormina Arte e rese fruibili a spettacoli di alto livello per l’intera estate.”…Navigando sul mare color del vino verso genti straniere…”  come Omero narra il suo viaggio attraverso il mare così l’Orchestra a Fiati del Conservatorio Arcangelo Corelli, la cui professionalità ha da tempo conquistato un posto di diritto nelle stagioni concertistiche internazionali, guidata per queste occasioni da Lorenzo Della Fonte, ci propone un repertorio vasto e variegato con un tema simbolo della vita, l’elemento acqueo per eccellenza che lambisce ogni sponda, ogni riva, Per i tre concerti di Anfiteatro Sicilia l’Orchestra ha scelto di raccontare appunto il mare con  un programma che spazia da Giuseppe Verdi Il Corsaro a Nicolai Rimskij-Korsakov Shahrazad: Il mare e la nave di Sinbad; da John Philip Sousa Hands across the Sea a Francis McBeth Of Sailors and Whales, Cinque scene da Melville; da Ralph Vaughan Williams Sea Songs a John Mackey Wine dark Sea. ANFITEATRO SICILIA è un progetto a cura della Fondazione Taormina Arte, frutto di una collaborazione tra l’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, nell’àmbito del Programma Sensi Contemporanei.

 

Mariangela Scuderi

AUGUSTA, MARISICILIA: CERIMONIA IN RICORDO DELL’OPERAZIONE MALTA 2 E DEL SOMMERGIBILE ASCIANGHI

ascianghi 2Augusta. Luglio 2017: presso il monumento ai caduti del mare all’interno del comprensorio Terravecchia di MARISICILIA si è svolta la cerimonia di commemorazione ai caduti dell’operazione MALTA 2 e dell’affondamento del Regio sommergibile ASCIANGHI. La cerimonia, alla presenza del comandante Marittimo Sicilia, contrammiraglio Nicola de Felice, ha visto la partecipazione dei familiari dei caduti e della sig.ra Rossella Fiorini, figlia dell’allora comandante del sommergibile ASCIANGHI sottotenente di vascello Mario Fiorini. Lo storico militare Francesco Migneco, promotore della cerimonia, ha voluto sottolineare che “questa commemorazione è l’eredità della memoria dei  marinai caduti durante l’impresa di Malta del 24 luglio 1941, ma anche la storica azione del sommergibile ASCIANGHI del 23 luglio 1943 che giacciono in fondo al mare ricoperti di gloria e di audacia. Uomini disposti anche all’estremo sacrificio che, con ardimentoso ed eroico agire, hanno onorato la patria assicurando alla storia le loro azioni; gli stessi integerrimi ideali che ancora oggi costituiscono l’essenza del nostro agire”. De Felice ha sottolineato che: “capire questi  eroi significa operare nella direzione da loro indicata, in modo che il loro operato sia fonte di un principio a cui ispirare la nostra quotidianità, la nostra esistenza soprattutto di noi militari e dei giovani in particolare. Nulla può trapassare così durevolmente e intimamente in un animo giovanile quanto il destino tragico di uomini esemplari”.

C.C.

SUCCESSO PER GLI SPETTACOLI PRODOTTI DA TAORMINA ARTE E INSERITI NELLA PROGRAMMAZIONE DI ANFITEATRO SICILIA

Suoni e Luci Villa del casaleTaormina. Anfiteatro Sicilia, seconda edizione, la manifestazione culturale promossa dall’Assessorato regionale al Turismo, si contamina e contamina la storia, i luoghi, il territorio siciliano con l’unico intento di promuovere la Sicilia e racchiudere in un unico circuito le produzioni messe in scena  nei teatri di pietra siciliani(Taormina, Catania, Tindari, Morgantina, con l’aggiunta della Villa Romana del Casale) dalle fondazioni teatrali, liriche e sinfoniche della nostra regione (Teatro Stabile di Catania, Biondo di Palermo, Massimo di Palermo e Bellini di Catania, Vittorio Emanuele di Messina, FOSS Orchestra sinfonica siciliana). “Sono molto soddisfatto, dice l’assessore allo Sport, Turismo e Spettacolo della Regione Siciliana, Anthony Barbagallo, “Anfiteatro Sicilia è un calendario d’eventi che si svilupperà lungo tutta la stagione estiva e che permetterà nelle serate delle messe in scena la fruizione di importanti siti archeologici. In scena produzioni di grande qualità che realizzano una concreta azione di promozione territoriale. Lo dimostra il tutto esaurito per l’apertura serale della Villa del Casale a Piazza Armerina, con l’evento speciale, Suoni e Luci, organizzato da Taormina Arte e con Michele La Paglia”. L’evento Suoni e Luci, giochi d’acqua, luci e musiche dal vivo, coinvolgerà ed emozionerà il pubblico per altre quattro domeniche (30 luglio, 13 e 20 agosto). Un weekend magico questo appena trascorso,  tra il 21 e il 23 luglio, con la presenza in tre teatri di pietra, Morgantina, Catania e Tindari,  luoghi incantevoli, di spettacoli di successo per il teatro “Amleto figlio di Amleto” per la regia di Andrea Elodie Moretti con Policardia Teatro Centro di creazione della Versilia; per la musica classica “Suggestioni al chiaro di luna”, al piano il MaestroMario Galeani; sempre per la musica, stavolta jazz, blues e soul Peter Cincotti accompagnato dal batterista John Salder e dal tastierista Joseph Nicolas. ANFITEATRO SICILIA è un progetto a cura della Fondazione Taormina Arte, frutto di una collaborazione tra l’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei.

Mariangela Scuderi

Augusta – Unione Italiana Ciechi e Marina Militare

foto uic (1)Augusta. Una consolidata collaborazione unisce da oltre 20 anni l’Unione Italiana Ciechi (UIC) della sezione di Augusta e la Marina Militare rappresentata in loco dal Comando Marittimo Sicilia. Negli ultimi anni sono state sviluppate varie attività socio-culturali – grazie al prezioso supporto logistico di MARISICILIA – nelle quali è stata prevista oltre alla presenza di uno stand dedicato della UIC anche la piena partecipazione dei tesserati che hanno avuto modo di vivere in prima persona la Marina Militare. Gli iscritti della Unione hanno in questo modo coltivato ulteriormente la passione verso il mare e rafforzato il proprio legame con il territorio augustano, da sempre fortemente legato alle attività marinare. Un sentito ringraziamento della UIC è altresì rivolto al Comandante Marittimo Sicilia in considerazione della possibilità fornita ai propri iscritti di accesso agli Organismi di Protezione Sociale (OPS) all’interno dell’area logistico-addestrativa di Punta Izzo, quale ulteriore opportunità di aggregazione e confronto.

     M.S.

 

ANNUNCIATI I VINCITORI DEI TAO AWARDS

Taomoda 2017Taormina. L’annuncio dei personaggi che hanno ricevuto i Tao Awards nel Gala di sabato 22 luglio al Teatro Antico, il presidente di Taomoda, Agata Patrizia Saccone, durante la conferenza stampa a Palazzo Calanna-La Baronessa Taormina moderata dalla giornalista Rai Paola Cacianti, ha dato il via alla nuova edizione della rassegna che, com’è ormai tradizione nella Perla dello Jonio, unisce ogni anno fashion, design, arte, cultura, food senza mai trascurare il sociale (charity partner nell’occasione sarà la Fondazione Operation Smile Italia Onlus). Questi i TAO AWARDS 2017: Sezione Moda: AQUILANO, RIMONDI, LEIT-MOTIV, MARIO DICE, SALVATORE PICCIONE designer di PICCIONE PICCIONE; Tutela della cultura e della moda made in Italy: RITA AIRAGHI, Direttore Fondazione Gianfranco Ferré; Per il sociale: SANTO VERSACE; Sezione Giornalismo: EMANUELE FARNETI (Direttore di Vogue, Tao Award Excellence), GIANLUCA BAUZANO (Gruppo RCS Corriere della Sera), ELISABETTA FALCIOLA (Tg5), MARIA CORBI (La Stampa); Sezione Musica: il maestro PAOLO BUONVINO; Sezione Attori: ANNA VALLE, ALESSIO BONI, ISABELLE ADRIANI; Sezione Scrittori: CATENA FIORELLO (premio Moak); Sezione Imprenditoria: CLAUDIO CUTULI. L’ospite musicale del Gala sarà il cantautore Mario Venuti,reduce dal successo della hit “Caduto dalle stelle” e che ha appena lanciato il secondo singolo “Tutto questo mare” tratto dal suo ultimo album.  Di scena –oltre alle sfilate degli stilisti premiati- la maestria degli Orafi Vicentini (Sola Grazia, C.A.Oro, Karizia, Tre Esse, Veneroso, Roberto Novello), la performance dell’hair stylist Toni Pellegrino, volto noto di Rai2, le proposte della sezione Contemporary Fashion con La Cles e poi Filly Biz, Elio Fronterrè, Natural Rough, Angela Piazza, Maria Grazia Sabato, Amalia Peditto coniugati rispettivamente a una coreografia di Elevation Dance di Fia Di Stefano e a un live della cantautrice Roberta Finocchiaro. A presentare la serata -ripresa dalle telecamere di Rai 1 e de La 7- la giornalista de La 7 Cinzia Malvini e Angelo Mellone, conduttore del programma di Rai 1 “Top, Tutto Quanto Fa Tendenza”. “Una settimana comunque di eventi – spiega Agata Patrizia Saccone – che esaltano la cultura del made in Italy, guardano alle nuove tendenze e al contemporary fashion e design, si accompagnano alle buone letture, al vivere green e alla sana alimentazione, senza trascurare il sociale. La rassegna ha ormai una propria storicità e costituisce ulteriore volàno turistico per il territorio”.

Mariangela Scuderi

CATENA FIORELLO RIPRESENTA “PICCIRIDDA”

1489849659528.jpg--picciridda___catena_fiorelloTaormina. La kermesse di “TaoModa 2017” che, firmata da Agata Patrizia Saccone, ha avuto il suo clou la sera del 22 luglio con la consegna dei Tao Awards al Teatro Antico di Taormina che ha visto, per una settimana, il dipanarsi – in diverse locations della città – di una ricca successione di eventi ogni giorno differenti, tutti volti, comunque, a esaltare il “made in Italy” nelle sue varie sfaccettature. Non poteva mancare uno spazio dedicato alle buone letture, colmato giovedì 20 luglio, alle ore 18:30, dalla presentazione del libro “Picciridda” di Catena Fiorello nell’ambito del “Caffè Letterario”, che vede la partnership di Caffè Moak e il supporto dell’associazione “Arte & Cultura a Taormina”, presieduta da MariaTeresa Papale. Una plurima sinergia culturale, sulla base del comune intento di promuovere e valorizzare le eccellenze artistiche e intellettuali del territorio, che qui rende omaggio al forte legame con la letteratura instaurato da 16 anni dalla nota azienda siciliana di torrefazione e distribuzione del caffè grazie all’omonimo premio nazionale di narrativa dedicato ai giovani talenti che si affacciano al mondo della scrittura.  In attesa di ritirare il Premio Moak durante il gran Gala finale della manifestazione – ospite della panoramica terrazza dell’Hotel NH Collection con magnifica vista sul Teatro Antico e i tetti della città – Catena Fiorello sarà la protagonista dell’incontro condotto dalla giornalista Milena Privitera che propone “Picciridda”, il suo romanzo d’esordio (2006), ripubblicato da Giunti in una toccante versione completamente rivista dall’autrice. Così, attraverso la voce narrante di Lucia, bambina siciliana di 11 anni che vive a Leto (Letojanni), piccolo villaggio di pescatori lungo la costa jonica tra Messina e Catania, ripercorriamo il finire degli anni ’50 e i primi anni Sessanta, con un boom economico italiano che, evitando di attraversarlo, latita al di qua dello Stretto, costringendo molte famiglie siciliane a emigrare nel Nord Europa in cerca di fortuna. Come accade, appunto, alla famiglia di Lucia, la “figlia della gallina nera” – come si auto-definisce lei stessa nel romanzo – rimasta a vivere nel paesino con la nonna paterna quando i genitori, portandosi appresso solo il fratello più piccolo, emigrano in Germania nella speranza di cambiare le cose, di guadagnare abbastanza da comprare una casa e dare un futuro migliore ai figli. È attraverso gli occhi di questa “bambina”, che non concede spazio a lacrime di nostalgia o di dolore, che vediamo gli scontri con la nonna, “la Generale”, in un complicato rapporto di amore-odio, il rifiuto di una vita fatta solo di sacrifici e di rinunce, lo scorrere delle giornate e la sofferenza che alcune di esse portano – come la malattia della compagna di banco o il suicidio dell’amica depressa – e altre in cui, invece, sorride, gioca con gli amici, va al mare. Una “picciridda” che cresce in fretta, riuscendo ad affrontare senza piangere eventi molto più grandi di lei e che la vita fa diventare “grande” duramente.

    M.S.

AUGUSTA SENZA UN PIANO DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNATO

protezione civileAUGUSTA. Da Gino Romagnoli, responsabile ambiente del movimento “Facciamo squadra” , riceviamo Nell’estate 2007, a seguito di eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e fenomeni di combustione nel sud Italia, viene emanata l’ordinanza del presidente del Consiglio dei Ministri del 28/08/2007 n. 3606 in cui all’art. 1 comma 9, viene disposto che i sindaci dei comuni delle regioni Lazio, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, predispongano i piani comunali di emergenza al fine della salvaguardia e dell’assistenza della popolazione anche in caso di incendi. La predisposizione di tali piani di emergenza doveva essere attuata dai comuni in tempi brevi. Ebbene, dopo circa 10 anni dall’emanazione dell’ordinanza e dopo oltre 2 anni dall’insediamento dei nostri amministratori, ancora oggi i cittadini devono affrontare un’ennesima emergenza, senza conoscere le procedure da seguire in caso di una qualsiasi calamità naturale, in quanto il nostro comune risulta essere sprovvisto di un piano di emergenza comunale di protezione civile aggiornato. Evidentemente chi ci amministra ha altre priorità”. Aspettiamo la risposta del sindaco, dell’assessore all’ambiente o del responsabile comunale della Protezione civile.

M. S.

L’ONA AL MINISTERO DELLA SALUTE. DAVIDE FARAONE INCONTRA IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO

downloadAugustaDavide Faraone, sottosegretario al Ministero della Salute e renziano di ferro, lo aveva detto: “Riceverò le vittime dell’amianto”. Non avrebbe potuto fare altro perché era in visita ad Augusta che fa parte del c.d. triangolo della morte: Gela, Ragusa e Siracusa/Augusta, così lo ha definito l’Avv. Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, di fronte ai dati epidemiologici e anche alla statica ignavia degli organi della Regione Siciliana, ancora al palo nell’applicazione della Legge n. 10/2014. “Non possiamo più tollerare questo stato di assenza di bonifiche dei luoghi di vita e di lavoro, così come la staticità delle istituzioni, in particolare della Regione Sicilia e l’assenza di sorveglianza sanitaria e di istituzione del polo di riferimento per le patologie asbesto correlate presso l’ospedale di Augusta. Spero che la politica nazionale intervenga, altrimenti ci vedremo nostro malgrado costretti ad altre azioni giudiziarie, quando invece vorremmo navigare e remare tutti insieme per tutelare l’ambiente e la salute con le bonifiche, con un migliore sistema sanitario e con degli enti previdenziali come l’INPS e l’INAIL non ostili con i lavoratori esposti e vittime dell’amianto, che ancora da tempo attendono il giusto prepensionamento e il giusto risarcimento, in Sicilia come nel resto d’Italia”, dichiara il presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, Avv. Ezio Bonanni. La delegazione dell’ONA,  composta dal presidente, Ezio Bonanni, da Calogero Vicario, coordinatore ONA Sicilia, da Pippo Gianni, del coordinamento del Comitato Tecnico-scientifico dell’ONA Nazionale, da Calogero Frisenda, ONA Sicilia, da Pietro Sartorelli, responsabile Medicina del Lavoro Università di Siena e dalla coordinatrice dei rapporti con la stampa, Fabrizia Nardecchia.

Mariangela Scuderi

FAILLA E INZOLIA ESPRIMONO LA LORO INDIGNAZIONE PER LO SFREGIO ALLA STATUA DEL GIUDICE FALCONE

testa-statua-falconeAugusta. I coordinatori cittadini di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale di Augusta, Marco Failla e Enzo Inzolia, partito guidato da. Giorgia Meloni, intervengono a seguito del vile sfregio alla statua del giudice Giovanni Falcone.Fratelli d’Italia di Augusta esprime tutta la propria indignazione per il barbaro sfregio alla statua che ricorda il giudice Giovanni Falcone e, con lui, simbolicamente quanti hanno sacrificato se stessi nella lotta alla criminalità di ogni specie. Lo sdegno di Fratelli d’Italia è tanto maggiore in quanto il vile gesto è stato compiuto nella imminenza del venticinquennale della strage di via d’Amelio in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i componenti della sua scorta.

M.S.

TAORMINA E LA NOTTE DEL CINEMA

1434516164481.JPG--assegnazione_taormina_film_fest__si_profila_un_ricorsoTaormina. Il Taormina FilmFest 2017 dedica al Cinema un’intera Notte (sabato 8 luglio) con proiezioni, concerti e presentazioni di libri e cineasti famosi in angoli suggestivi di Taormina e con  proiezioni speciali di lungometraggi, cortometraggi e documentari. Una maratona a partire dalle 18.00 in uno degli angoli più suggestivi di Taormina, il Villaggio le Rocce, fino a notte inoltrata nell’ incantevole scenario della Villa Comunale. Nelle dieci location scelte, luoghi di bellezza infinita, a rotazione il pubblico sarà coinvolto in una notte dove la settima arte si contaminerà con la musica, la fotografia, il ballo d’epoca, la parola scritta e recitata, il genere horror e impegnato.  In ogni luogo un posto occupato a simboleggiare una donna che lo avrebbe occupato ma non può più per la violenza subita. L’estrema semplicità di un posto occupato simbolicamente con un cartello che illustra il logo ed espone l’obiettivo della campagna: Posto Occupato. Nell’agorà della città, Piazza IX aprile, cuore pulsante di Taormina, la Notte del Cinema  protagonisti la musica e il ballo: ore 20.00 il Quartetto a fiati del Conservatorio Corelli di Messina  con  musiche da film. Alle 20.30 la Compagnia Nazionale di Danza Storica, diretta da Nino Graziano Luca con la partecipazione straordinaria di Harmonia Suave coordinati da Carla Favata della CNDS,  la scena del gran Ballo del Gattopardo di Luchino Visconti e alle 23.00 Pietro Adragna, in collaborazione con il Blues & Wine Soul Festival, con   musiche tratte da Il Postino di Michael Redford. Nel Giardino di Babilonia, eccellenza come scuola di italiano per stranieri, la Notte del Cinema per tre registi che rappresentano la filmografia siciliana: Francesco Calogero, Fabio Schifilliti e Alfredo lo Piero, c on  documentari: ore 23.15 I figli del set(2015) di Alfredo Lo Piero, la storia di cinquant’anni di cinema italiano attraverso i racconti dei figli d’arte; ore 0.15 Nell’occhio di un genio (2013) di Fabio Schifilliti, dedicato a Giuseppe Tornatore; ore 1.30 Nella terra del Padrino (2012) di Francesco Calogero che ripercorre i luoghi e l’atmosfera dove è stato girato il capolavoro di Francis Ford Coppola. Nel Palazzo Duchi Santo Stefano, capolavoro dell’arte gotica siciliana, la Notte del Cinema filo diretto con il Teatro Antico e la Nona Sinfonia di Beethoven eseguita dall’Orchestra Teatro Massimo di Palermo, diretta da uno dei più grandi direttori d’orchestra viventi Zubin Mehta. Chicche uniche e speciali per indagare  a fondo la IX Sinfonia e le proiezioni di A Clockwork orange (Arancia meccanica1971) di Stanley Kubrick con Malcom McDowell, Patrick Magee, un capolavoro della storia del cinema, grazie alla colonna sonora che recupera musiche classiche di Rossini e soprattutto di Beethoven (ore 23.30). A seguire Lezione 21 (2008) di Alessandro Baricco con John Hurt, Noah Taylor, in cui il professore Mondrian Kilroy smonta il mito della Nona di Beethoven con particolare riferimento all’Inno alla Gioia. Alla Casa del Cinema  i documentari di Antonello Sarno: Taormina 55 (2009),  Nastri 70 (2016) e David 50 (2006) a testimoniare lo storico connubio di Taormina con il cinema e due dei più importanti premi italiani cinematografici. Solo per una notte  inoltre esposti, nell’àmbito della mostra “Disegnatori di sogni” il bozzetto e i lavori preparatori di Renato Casaro, uno dei più importanti cartellonisti italiani, del film di Giuseppe Tornatore L’Uomo delle stelle (1995). Il film aveva un finale diverso da quello che poi è stato girato. E il finale originale è stato raccontato in dieci tavole a fumetto, appositamente realizzate dal disegnatore Lelio Bonaccorso con la collaborazione ai testi con Giampiero Bronzetti. A Casa Museo Cuseni, una delle ville storiche più importanti di Taormina, la Notte del Cinemasi apre alle 23.00 Giovanni Renzo musica dal vivo sulla proiezione di Das Kabinet  Des Dr. Caligari  (Il Gabinetto del dott. Caligari)  (1919) di  Robert Wiene, con Werner Krauss, Conrad Veidt, Lil Dagover, Friedrich Feher, Rudolf Klein-Rogge, Elsa Wagner. Shakespeare era Inglese? (2016) di Alicia Marsikova un incantevole documentario-viaggio alla ricerca del vero William Shakespeare  proiettato al Cinema Olimpia e la Villa Comunale, con la sua atmosfera retrò,  sede della Notte del Cinema Horror: Inizio ore 24.00, M.D.C. Maschera di Cera (1997) di Sergio Stivaletti, con Robert Hossein, Gabriella Giorgelli, Romina Mondello, Riccardo Serventi Longhi;  Phenomena (1985) di Dario Argento con Jennifer Connelly e Daria Nicolodi.

Mariangela  Scuderi