GLI AUGUSTANI CÀSOLE E ZÀRBANO ALL’AMBASCIATORI DI CATANIA

ambasciatori 3Augusta. Giorgio Càsole e Marco Zàrbano, come presentatore il primo, come baritono il secondo, si sono esibiti al teatro Ambasciatori di Catania per il “Concerto natalizio” dell’associazione “Sicilia Teatro”, diretta da Tino Pasqualino, un catanese verace che, da un quarantennio, fa teatro amatoriale di livello, varando cartelloni di sicuro richiamo, tanto da avere al suo seguito un forte numero di abbonati. Il Concerto natalizio è stato presentato fuori abbonamento nel prestigioso teatro etneo, ma, nonostante la forte epidemia influenzale, il pubblico non è mancato e ha seguito con interesse e calore i due tempi del concerto, presentati con professionalità e senso dello spettacolo da Giorgio Càsole, collaborato dalla catanese Gabriella Ròdia, attrice del gruppo di Pasqualino, al suo esordio nella veste di presentatrice. Oltre al   26enne Marco Zàrbano, l’augustano, di origini lentinesi, che vive a Brucoli, si sono esibiti artisti nati o residenti a Catania o che nella città etnea lavorano: Marzia Catania e Angela Curiale, soprani, Antonio Costa e Aldo Platania, tenori, accompagnati dai maestri Antonio Capizzi al violino e Giovanni Raddino alla tastiera, Valentina Ponte, arpista, Melo Zùccaro e il suo gruppo musicale per il teatro di tradizione. Sia il primo che il secondo tempo si sono aperti con l’esibizione del balletto “Danzaria”, diretto da Cristina Insolia. I cantanti sono stati “sostenuti” dal coro polifonico “Sangiorgio” diretto dalla soprano Angela Curiale. I cantanti, singolarmente o in duetto, hanno dato prova della loro valentia con pezzi celeberrimi della tradizione natalizia nel primo tempo e della tradizione melodico-operistica nel secondo tempo, conclusosi con il “Brindisi” dalla “Traviata,” cantato da tutti .

    Mariangela Scuderi

AUGUSTA, IL ROTARY E IL BAGNO FUORI STAGIONE AL FARO SANTA CROCE

5822Augusta. Anche quest’anno, con il favore della temperatura non troppo rigida, si è ripetuto il bagno fuori stagione in località Faro Santa Croce di contrada Sant’Elena nel cosiddetto monte, l’area, cioè, ormai densamente abitata, sul rilievo della città federiciana. Da qualche anno, con l’inizio del nuovo anno, i soci del Rotary club si danno appuntamento sulla terrazza che si affaccia sull’unica scogliera cui è possibile accedere con propri mezzi da parte degli augustani, area dominata dal faro e dalle pertinenze, che potevano diventare museo del mare se l’amministrazione Di Pietro non avesse deciso di seguire le indicazioni del governo nazionale per affittare i fari a privati che vogliono trasformarli in ristoranti e alberghi di lusso. Molti sono stati i cosiddetti temerari, fra cui alcune donne, che hanno voluto fare il bagno nelle acque cristalline e tonificanti di quel tratto di mare. Alla fine dei tuffi, il tradizionale brindisi di capodanno organizzato dai coniugi Alfio Fazio e Josè Tringali, rotariani di lunga navigazione.

     M.S.

BASKET UNDER 15, LE RAGAZZE DELLA TROGYLOS PRIOLO SUL SECONDO GRADINO DEL PODIO AL TORNEO WINTER CUP DI MESSINA

1Priolo. Nei primi 3 giorni del nuovo anno, si è svolto a Messina, presso il campo PalaTracuzzi, la seconda edizione del Torneo Winter Cup organizzato dalla Polisportiva Giuseppe Rescifina riservato alle ragazze delle annate 2003-2004-2005. All’evento, oltre alla squadra di casa, hanno partecipato la Pallacanestro Giarre, la Eirene Ragusa e la Nuova Trogylos Priolo, che annovera tra le sue fila un cospicuo gruppo di atlete provenienti dalla Virtus Augusta. La formula prevedeva un girone all’italiana di sola andata il primo giorno, nel quale le ragazze della Trogylos Priolo, guidate dal coach Gianni Catanzaro, hanno affrontato e battuto la squadra ragusana per 37 a 25 e la compagine di casa per 41 a 36. Successivamente, in una combattuta ed emozionante gara in cui ha dominato per quasi tutto il tempo, la Trogylos ha perso di misura contro il Giarre per 37 a 36. Ha comunque guadagnato la finalissima per 1° e 2° posto con il Rescifina Messina che si è svolta il giorno dopo. Quest’ultima gara non è stata una delle migliori prestazioni per le ragazze del Priolo, forse stanche dalle tre partite del giorno precedente. Dominate fin dall’inizio dal team locale, hanno comunque conquistato un ottimo secondo posto al Torneo. Previsto dal regolamento, i quattro allenatori presenti hanno votato il quintetto ideale della manifestazione, tra cui Alice Caliò della Trogylos Priolo, che ha inoltre vinto il premio come miglior realizzatrice. Oltre alla siracusana Caliò, a comporre il roster priolese sono state Barbara Bartolotti, Sofia Bongiovanni, Erika Busso, Arianna Catanzaro, Giorgia Gazzè, Lorenza Giuliano, Marika Patania, Sara Silvestro, Elena Torrisi e Laura Ventura. Al termine del torneo, visibilmente soddisfatto, il coach Gianni Catanzaro ha dichiarato: “Bel torneo a cui hanno partecipato squadre molto competitive che hanno dato vita a partite equilibrate, soprattutto nella prima giornata di gare. Nonostante la modesta prestazione fornita dalle ragazze nella partita finale, sono soddisfatto del risultato conseguito. Sarà uno stimolo per far meglio l’anno prossimo. Ringrazio gli organizzatori per averci invitati. Ritengo che eventi del genere offrano sempre importanti stimoli di crescita per le ragazze presenti.”

       Anna L. Daniele

BASKET. GIOVANE ARBITRO AUGUSTANO RAPPRESENTA LA SICILIA ALLA SCUOLA NAZIONALE

Mameli 3Mameli 2Augusta. Federico Mameli, giovane augustano, ha rappresentato la Sicilia alla Scuola Nazionale Arbitrale di Basket riservata alla classe 2002 che si è svolta a Fano nelle Marche dal 26 al 29 Dicembre 2017. La scuola si è svolta con una prima parte dedicata a lezioni teoriche effettuate da istruttori nazionali qualificati e con una seconda parte pratica consistente nell’arbitraggio di partite di un prestigioso torneo nazionale U13. Nonostante la giovane età, il quindicenne Federico ha già arbitrato partite importanti come la finale regionale 2017 U18/F e le finali regionali JoinTheGame 2017 ed è costantemente impegnato nell’arbitraggio delle gare che si svolgono in seno ai campionati federali siciliani. A Federico i migliori auguri di una luminosa carriera arbitrale.

     Anna L. Daniele

AUGUSTA, INDUSTRIE E RIFIUTI SPECIALI: LE PREOCCUPAZIONI DI AUGUSTAMBIENTE E DI DECONTAMINAZIONE SICILIA

Petrolchimico-augusta-675x350Augusta. “Sostituzione nelle industrie del polo siracusano dei controlli quadrimestrali in controlli in continuo”: questo è l’oggetto della lettra indirizzata al sindaco Di Pietro da parte di Sandra Bianco e Luigi Solarino, presidenti rispettivamente delle Associazioni “AugustAmbiente” e “Decontaminazione Sicilia”, per esporre “le loro serie preoccupazioni derivanti dalla presenza nel territorio di Augusta di discariche di rifiuti anche speciali, e di industrie, fra le quali un inceneritore, che la letteratura scientifica classifica come produttore per eccellenza di organoclorurati (diossine, dibenzofurani, esaclorobenzene e Ipa). E’ risaputo che nel nostro territorio si registra un elevatissimo numero di nati malformati e di decessi per tumore, l’elenco di questi ultimi, registrato dall’arciprete Palmiro Prisutto e letto il 28 di ogni mese durante la messa serale. Le varie industrie scaricano inquinanti che ammorbano l’aria rendendola irrespirabile e pericolosa per i cittadini. A nostro avviso, sarebbe opportuno provvedere al controllo delle quantità di dette pericolosissime sostanze scaricate in atmosfera dalle varie industrie. A tal uopo, da parte Sua, signor sindaco, massima autorità locale per la salute dei cittadini, dovrebbe essere emanata un’ordinanza che prescriva l’impiego del controllo in continuo e non quadrimestrale degli scarichi atmosferici delle varie industrie, compreso l’inceneritore Gespi per rifiuti anche ospedalieri provenienti da tutta Italia che opera a circa 2 km dal centro urbano di Augusta. I controlli quadrimestrali previsti dalla legge, con data di esecuzione nota alle industrie diversi giorni prima della loro attuazione, non sono significativi, in quanto le industrie hanno il tempo di organizzarsi per dette prove in modo che i controlli possano dare valori a loro più favorevoli. Quanto appena scritto viene confermato da una sentenza di condanna a di 20 mesi di carcere ed al pagamento per danni, emessa dal magistrato Stefano Montoneri, del tribunale di Augusta, in data 01/03/2013 contro il gestore di Gespi, in cui viene evidenziato che tale sentenza fu possibile emetterla in quanto la data di controllo degli effluenti non fu comunicata alla Gespi in giorni precedentemente stabiliti, come avviene per i controlli quadrimestrali, ma a sorpresa (furono i controllori che si presentarono senza preavviso per iniziare i controlli). Sempre in tale sentenza vengono messe in evidenza le caratteristiche personali di detto gestore, che sono state tali da non permettere al magistrato giudicante l’applicazione delle attenuanti generiche in quanto lo stesso risultava recidivo per aver commesso precedentemente un reato simile. Purtroppo la direttiva di cui sopra, non è stata mai emanata per le industrie operanti nel territorio, anzi si è dovuto assistere, anche in TV, a una passerella, cui partecipava Lei, come Sindaco, ed esponenti nazionali e regionali del M5s, in cui si assisteva all’elogio, da parte del gestore, di detto inceneritore. Successivamente, durante una recente riunione del Consiglio Comunale di Augusta, si permetteva a detto gestore di illustrare, senza confronto con esperti del settore, le caratteristiche del suo inceneritore, ignorando quanto su di lui aveva scritto in sentenza il giudice Montoneri. Che l’ordinanza sia possibile emetterla, ce lo confermano quelle emesse dalla Lombardia, secondo la Normativa nazionale AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) che può rendere obbligatorio il campionamento in continuo delle diossine per il loro controllo. Infatti in Lombardia si prescrive nell’AIA il campionamento in continuo di PCDD/F (diossine e dibenzofurani), specificando che:  l’analisi mensile di PCDD/F, prelevati dal sistema di campionamento in continuo, deve essere relativa a campioni di almeno 15 gg.–   in caso di fermo impianto sono ritenuti validi i campioni relativi a periodi inferiori a 15 gg. Il mancato campionamento mensile deve essere motivato e segnalato all’autorità competente al controllo. Successivamente alla messa a regime del sistema di campionamento in continuo di PCDD/F, i campionamenti periodici discontinui (quadrimestrali previsti dal D.Lgs.133/05) saranno sostituiti da quelli mensili (continui). Sandra Bianco e Luigi Solarino”. Per dovere di cronaca, dobbiamo ricordare che, nonostante le richieste dell’opposizione, segnatamente del consigliere comunale Alfredo Beneventano Del Bosco, la tematica riguardante i rifiuti speciali non è stata finora tratta in consiglio comunale.

       M.S.

PUNTA IZZO, J’ACCUSE DI “NATURA SICULA”

Punta Izzo conferenzaAugusta. Mercoledì 27 dicembre, civico palazzo San Biagio, nell’ auditorium ”Don Paolo Liggeri”, incontro con giornalisti e militanti su “Punta Izzo possibile”, organizzato dal comitato cittadino per la tutela di Punta Izzo, rappresentato da Gianmarco Catalano e da Natura Sicula con il presidente Fabio Morreale. I toni sono pacati, ma le parole sono come pietre aguzze: su Punta Izzo si sta perpetrando un “abuso di potere”, scandisce Morreale, con ovvio riferimento alla Marina Militare, che da quasi un secolo gestisce quell’area, divenuta un luogo letterario grazie alla novella Lighea di Giuseppe Tomasi, l’autore del celeberrimo romanzo storico “Il Gattopardo”. Com’è noto agli augustani, la Marina Militare a Punta Izzo ha realizzato tre lidi balneari, rigorosamente separati, per ufficiali, sottufficiali e dipendenti civili, ma anche un poligono di tiro per le esercitazioni degli appartenenti a tute le forze armate, non solo a quelli della stessa M.M., un poligono che è in contrasto con la vocazione paesaggistica dell’area, secondo quanto hanno esposto ieri gli ambientalisti che hanno contestato  le ragioni del segreto militare opposto dalla Marina, dal momento che si tratta d’un’area a tutela ambientale, un’area che riveste anche enorme importanza dal punto di vista archeologico. “La presenza del polo petrolchimico ha distrutto pesca e agricoltura, ci sta avvelenando l’aria e ci ha assuefatti a sopportare, così come ci siamo assuefatti a sopportare il silenzio sulla zona militarizzata di Punta Izzo, che potrebbe avere una ricaduta sul turismo”, ha sottolineato Morreale, che ha ricordato il grande pregio naturalistico delle ex saline di Augusta, che, opportunamente valorizzate, potrebbero avere un richiamo per visitatori e turisti. Catalano ha mostrato bossoli di proiettili e di cartucce lacrimogene ritrovate sugli scogli non distanti dal poligono di tiro, a testimonianza dell’attività continua del poligono, attività suffragata anche dalle testimonianze di militari che risiedono ad Augusta.

    Cecilia Càsole

AUGUSTA. AL VENUS LA PRIMA NAZIONALE DI “IO NON AVEVO MAI DECISO DI VOLARE” DI E CON PIERPAOLO SARACENO E CON MARIAPAOLA TEDESCO E ALESSANDRO LO PICCOLO

Saraceno TedescoAugusta. Appena entrati, gli spettatori si rendono conto che la quarta parete è stata abbattuta, non solo perché la scena è aperta sul piano della platea, non essendoci soluzione di continuità tra i posti a sedere e la scenografia, ma perché l’azione si sta svolgendo, mentre essi prendono posto. C’è un mimo che si muove davanti a tutti e, con una vistosa ramazza, solleva polvere.  Non è un servo di scena che mette a punto gli ultimi ritocchi. Il trucco e il costume e la pantomima non lasciano dubbi. E uno dei tre personaggi della pièce che dovrà essere rappresentata in uno spazio che deve evocare con immediatezza un antro angusto, polveroso e sporco: può essere il capanno dove si accumula il carbone per l’inverno o la stiva di una nave o anche, metaforicamente, il ventre materno dove ci si agita per nascere dopo il travaglio e vedere la luce. Il buio improvviso interrompe l’azione per preparare l’ingresso da tergo di una, apparentemente attempata, numìna venturi, cioè di una che predice il futuro leggendo le carte. Incede lentamente, claudicando, con il busto proteso in avanti, come colpito dalla scoliosi. Biascica alcune parole in non so quale lingua, poi pronuncia distintamente  una formula mista di latino e italiano, con una cadenza dell’entroterra siciliano, e prende posto in una sorta di nicchia, fattucchiera e sibilla che con i suoi vaticinii segna le pause all’azione scenica, dove si muovono e  si agitano, sudano e pregano,  cantano e gridano due pària siciliani che si annusano e si scontrano prima,  per diventare poi sodali e amici fino all’esito tragico mentre la sibilla-fattucchiera, che non interagisce mai con i due,  appare immobile e impassibile, come divinità misteriosa che osserva senza interferire. La tensione finale, accuratamente suggerita dal frenetico balletto sulla scena, tinta di rosso cupo, e dal drammatico  crescendo musicale, si scioglie con il grido  “Io non avevo mai deciso di volare”, che dà il titolo alla pièce,  le braccia alzate  al cielo a mo’ di sfida verso il fato avverso. E l’applauso scoppia fragoroso, quasi catartico, dopo sessanta minuti di ansia trattenuta, di sofferenza rappresentata con autentico  sforzo fisico e empaticamente trasmessa da Pierpaolo Saraceno, autore del lavoro,  interprete maschile con Alessandro Lo Piccolo (presente per tutta la durata dell’azione), mentre Mariapaola Tedesco, pur indossando  i panni della fattucchiera, incanta esprimendo una malìa di altri tempi, come fortemente suggestive di tempi andati sono le musiche originali di Concetto Fruciano. E suggestive dell’azione scenica le luci di Matteo Flidoro. Ieri sera la prima nazionale al Venus, stasera e domani si replica.

Giorgio Càsole

AUGUSTA, TRIBERIO E LISITANO: “VOGLIAMO CHE IL BARCONE RESTI AD AUGUSTA”

Il governo Gentiloni lo vorrebbe trasferire a Milano, con una spesa di 6oo mila euro. I consiglieri comunali esprimono pieno sostegno al Comitato 18 aprile che si batte per mantenere ad Augusta il relitto del barcone del naufragio di migranti del 18 aprile 2015, da un anno ospitato al pontile Nato della Marina militare, “per evitare che si concretizzi la scellerata decisione del Governo nazionale di spendere 600 mila euro di fondi pubblici per trasferire il relitto a Milano”.

barcomne inabissato 2Augusta. Non sono bastati 20 milioni di euro pubblici per recuperare dal fondo del mare di Lampedusa il barcone che naufragò con 700 migranti, per trasportarlo al pontile NATO di Augusta, per recuperare i corpi e conservarli in banconi frigoriferi, ancora in funzione, per tentare individuare l’identità dei 700. Ora si vorrebbero spendere altri 600 mila euro per trasportare, chissà perché, a Milano il barcone, ricoverato al pontile NATO, quando un comitato ha proposto di lasciarlo qui ad Augusta, come mònito e come simbolo. Al riguardo abbiamo ricevuto una nota del  consigliere Giancarlo Triberio che, giovedì 28 dicembre, a firma congiunta con il consigliere Francesco Lisitano di Art 1-Mdp Liberi e Uguali, ha protocollato una mozione consiliare con cui si impegna l’amministrazione comunale a dare un seguito immediato e concreto agli intendimenti espressi nella  lettera inviata al governo nazionale di sostegno all’azione del comitato chiedendo al presidente del Consiglio dei ministri, e ai ministri della Difesa e dell’Interno un formale incontro con una delegazione composta dal sindaco, dal presidente del consiglio comunale e dal comitato 18 aprile, “al fine di meglio rappresentare che la volontà di questa comunità coincide con le finalità governative in tema di immigrazione molto più di un decontestualizzato museo a Milano, nonché a coinvolgere formalmente il presidente della Regione Siciliana e l’assessore regionale alla Cultura al fine di sostenere le richieste di questo Comune affinché il relitto rimanga ad Augusta come arricchimento del patrimonio museale della città, e culturale dell’intera Regione, quale elemento significativo e fondante di quel “Giardino della Memoria” posto a presidio e testimonianza delle tragedie delle persone migranti, oltre che segno di rispetto per le vittime e dall’alto valore didattico per le nuove generazioni che si troveranno a crescere nel multiculturalismo.

Continua a leggere

CONCERTO IN CHIESA MADRE DI GIUSEPPE DI MARE E SALVO TEMPIO, IN MEMORIA DELLE VITTIME DI CANCRO

dav

AUGUSTA – Si è svolta ieri sera in Chiesa Madre, ad Augusta, la consueta messa dedicata alle vittime di cancro, e il concerto dell’organista augustano di fama internazionale, Giuseppe Di Mare, nella cornice del maestoso e secolare organo della chiesa, accompagnato dal sassofonista Salvo Tempio. Numerosi i fedeli presenti alla funzione, che da parecchi anni sostengono il battagliero sacerdote Palmiro Prisutto, impegnato in prima persona nella campagna di sensibilizzazione ambientale a sostegno delle vittime che tra Augusta, Priolo e Melilli, zona ormai nota come “triangolo della morte”, sono lasciati soli nella lotta contro quel terribile mostro che, invisibilmente e insistentemente, si vede “serpeggiare” in quel territorio avvelenato dalle mille ciminiere. Molto significativa, durante la messa, l’omelia del sacerdote, nel riferimento al vangelo del giorno, per caso la ”strage degli innocenti”. Durante la serata, magistralmente condotta da Daniela Paci, sono stati proiettati, tra un brano di Bach e di Frescobaldi, alcuni interessanti cortometraggi e inchieste video sull’ eccessivo inquinamento ambientale della zona, argomento molto scottante che, ancora oggi, divide l’opinione pubblica locale. Non sarebbero infatti pochi i cittadini a sostenere il detto: “Meglio morire di cancro che di fame”, in considerazione soprattutto degli aspetti economici e dei benefici occupazionali prodotti dalle raffinerie petrolifere in tutto il territorio. 

    Giuseppe Tringali

SIGONELLA IN VESTE NATALIZIA PER OSPITARE BABBO NATALE E UN ISTITUTO DI ACCOGLIENZA MINORILE

2017_Evento Babbo Natale a Sigonella (10)2017_Evento Babbo Natale a Sigonella (5)SIGONELLA – Anche quest’anno, con l’arrivo di Babbo Natale, il personale del 41° Stormo di Sigonella ha rinnovato l’ormai consolidata tradizione all’insegna della solidarietà che stavolta ha visto come protagonisti i bambini e ragazzi meno fortunati dell’Istituto San Giuseppe, Suore Serve della Divina Provvidenza di Catania. In questa cornice, la storia raccontato che un equipaggio di volo del 88° gruppo del 41° Stormo, a bordo di una moderna slitta, il nuovo velivolo P-72A, si è recato personalmente al Polo Nord con la precisa missione di condurre Babbo Natale a Sigonella. Gioia e stupore le emozioni negli occhi dei bambini alla vista di Santa Claus che, con il tradizionale vestito rosso e barba bianca, è spuntato salutando dal tettuccio del velivolo e con a seguito sacchi di doni e dolciumi che, dopo essere stati distribuiti, sono stati ricambiati con impagabili sorrisi. L’evento, svolto domenica 17 dicembre 2017 all’interno dell’hangar di Sigonella, è stato organizzato dal personale del 41° Stormo con il supporto di quello dell’Aeroporto di Sigonella. Un lavoro di squadra che ha coinvolto anche parenti ed amici e creato una cornice di affetto e spensieratezza a beneficio degli ospiti dell’Istituto, i quali si sono sentiti accolti in quella “grande Famiglia” a dimostrazione, ancora una volta, della forte e perfetta sinergia della base con il Territorio Siciliano e in particolare con il comprensorio di Catania e Siracusa.

   C.S.