SI RINNOVA IL RITO DI SAN GIUSEPPE ALL’ARSENALE MILITARE DI AUGUSTA

1SGiuseppe3AUGUSTA – Anche quest’anno, anticipata al 17 scorso, si è rinnovata la tradizione celebrativa del San Giuseppe, operaio, dell’ Arsenale Militare di Augusta. Sebbene nella sua distinta sobrietà, la cerimonia ha mantenuto un profilo austero e sacrale insieme, proprio come dovrebbero essere, sempre, queste ricorrenze. Nella mattinata, già riscaldata dal sole quasi primaverile, e sbavato da una gradevole brezza levantina, le maestranze arsenalizie provvedevano a prelevare il simulacro del Santo dall’ architettonica cripta incastonata nel muro di cinta di ponente dell’antico bastione spagnolo, lungo il viale, non a caso denominato San Giuseppe, per collocarlo a lato del piccolo altare 2fisso, all’aperto, nello spazio antistante la riva nord dell’Arsenale. La messa è stata officiata dal cappellano militare di Comforpat, don Nicola Minervini, a cui ha fatto sfondo la Corale Jubilaeum, dando particolare tocco di solennità alla celebrazione eucaristica. Don Minervini, durante l’omelia ha tratteggiato con fervore e pacatezza insieme, la figura di San Giuseppe, quale messaggio di operosità, simbolo di obbedienza cristiana, di pace e amicizia. E prendendo spunto da questa, ha rimarcato come questi insegnamenti, questi simboli, nella società moderna si sono affievoliti per far posto a quegli ossessionanti computers, telefonini o altri infernale aggeggi che, in verità, distolgono dal coltivare quei valori dello spirito e dell’umana relazione. Concludeva la cerimonia l’intervento dell’ Amm. Giuseppe Sica, Direttore dell’ Arsenale, il quale, brevemente, ringraziava gli intervenuti: “mi preme sottolineare che grazie alle qualità e capacità dei lavoratori e di tutte le altre forze di supporto dell’Arsenale, nell’anno passato e sino ad oggi, nello stabilimento sono stati conseguiti importanti successi, per avere garantito costantemente l’operatività della Squadra Navale e, insieme al SEN, l’ efficienza delle unità navali di transito o di presenza nella Base.” Ha poi posto l’accento sulla predisposizione della “Scuola Allievi Operai”, quale base imprescindibile per la forma di forza lavoro di qualità, per le peculiari attività arsenalizie. Infine, chiosava “va annotata l’importante attività di certificazione del sistema di qualità al “Nucleo Impianti Elettrici di Bordo”, riconosciuta dall’Ente certificatore “RINA”, che ha valenza per un progetto da estendere a tutta la struttura dell’Arsenale. E’ mia precisa intenzione, e con determinazione, proseguire e rafforzare la struttura dell’Arsenale, di migliorarla con l’ausilio delle forze dello Stabilimento, pur conoscendo quanto sia duro e insidioso questo percorso, proprio perché l’Arsenale svolge una specifica attività di manutenzione navale, in un contesto di esigenze sempre più moderne.”  Salutiamo con piacere gli intenti propiziatori dell’Amm. Sica, facendo voti augurali che possa conseguire gli scopi prefissi, e che l’ Arsenale di Augusta, che storicamente ha svolto e svolge attività determinanti nel supporto navale,riprende il suo ruolo di “Stabilimento Navale di Eccellenza” nell’ area mediterranea. Alla cerimonia era presente il Comandante di Marisicilia, l’ Amm. Nicola De Felice, e altre numerose autorità civili e militari.

   Francesco Migneco

MARISICILIA DA IL VIA AL 3° CONCORSO ARTISTICO “LA MARINA MILITARE E LO SPORT”

LE OPERE DEGLI STUDENTI SARANNO PUBBLICATE IN OCCASIONE DELLA REGATA VELICA  “MARISICILIA CUP”

regata velicaAUGUSTA. Nell’àmbito dell’annuale regata velica d’altura “Marisicilia Cup” che prenderà il via nel mese di giugno, il Comando Marittimo Sicilia in collaborazione con il Comune di Augusta ha organizzato il 3° Concorso Artistico a favore degli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo livello del Comune di Augusta, dei licei artistici della provincia di Siracusa e Catania e del personale della Marina Militare in Sicilia. Il tema di quest’anno riguarda «La Marina Militare e lo Sport», binomio inscindibile che rappresenta la sintesi etica dei valori che la Forza Armata trasmette ai propri militari. Lo sport ha un ruolo chiave nella formazione del personale poiché sviluppa il fisico e la mente, costituendo la base fondamentale per la formazione professionale. La vela in particolare, è una disciplina che consente di “creare team” e “fare squadra” poiché oltre al sano e puro agonismo, rappresenta una possibilità di crescita per l’equipaggio che si mette alla prova. Durante la navigazione emergono i limiti personali che possono rappresentare una criticità nel gruppo, ma anche la forza che include tutti, arricchendo ognuno nelle capacità.  Spirito di squadra, dedizione, lealtà, passione e solidarietà sono concetti fondamentali per chi va per mare. Il concorso indetto a favore degli studenti e non solo, si inquadra all’interno dell’appuntamento velico annuale organizzato dal Comando Marittimo Sicilia e rientra tra le attività sviluppate al fine di promuovere la Forza Armata ai giovani avvicinandoli alla realtà della Marina Militare in Sicilia, nonché sensibilizzando questi ultimi verso tematiche inerenti il rispetto per l’ambiente marittimo, la solidarietà ed i valori etici. L’inaugurazione della mostra delle opere vincitrici è prevista per sabato 10 giugno presso gli stand espositivi allestiti all’interno del comprensorio di Terravecchia del Comando Marittimo Sicilia. La mostra – fruibile alla popolazione e alle scolaresche anche nella giornata di domenica 11 giugno – rientra tra le attività in programma durante l’”Open Day” organizzato in concomitanza con la regata velica d’altura Marisicilia Cup, giunta alla sua terza edizione. Per informazioni su modalità di partecipazione e regolamento del concorso artistico, è possibile contattare il Nucleo Pubblica Informazione del Comando Marittimo Sicilia all’indirizzo email: msicilia.uffstampa@marina.difesa.it

       M.S.

AUGUSTA, MARINA MILITARE, OPERAZIONE “MARE SICURO” 1.900 MILITARI PER 80MILA KM QUADRATI

Mare sicuro alterAUGUSTA. Si è svolta sabato, 11 marzo, a bordo della fregata Carlo Margottini ormeggiata presso la base navale di Augusta alla presenza del comandante in Capo della Squadra Navale, ammiraglio di squadra Donato Marzano, la cerimonia di avvicendamento del comando dell’Operazione Mare Sicuro (O.M.S.) fra il contrammiraglio Alberto Maffeis comandante le Forze da Pattugliamento per la Sorveglianza e la Difesa Costiera e il contrammiraglio Andrea Cottini comandante la Stazione Navale di Taranto. Nel corso di oltre due mesi di comando sono stati impegnati a rotazione complessivamente  1.900 militari facenti parte degli equipaggi delle navi , del personale della Brigata Marina San Marco e delle Forze Aeree, tutti inseriti nel dispositivo aeronavale di sorveglianza marittima che ha consentito di svolgere con successo le rilevanti attività  di: · sorveglianza e protezione delle piattaforme petrolifere di interesse nazionale ubicate in acque internazionali; ·   sorveglianza e protezione dei numerosi pescherecci italiani presenti nelle acque prospicienti la Tunisia e la Libia; · deterrenza e contrasto nei confronti del terrorismo internazionale e di organizzazioni criminali dedite ai traffici illeciti; · sorveglianza di Unità non NATO. L’operazione Mare Sicuro, varata dal Governo a seguito dell’aggravarsi della crisi libica, schiera dal 12 marzo 2015, in un’area di circa 80.000 km2 del Mediterraneo centrale, un dispositivo aeronavale con il compito di rafforzare quanto già in atto da parte delle navi della Marina Militare che operano nell’area per garantire la sicurezza marittima, assicurare la tutela degli interessi nazionali e la protezione delle linee di comunicazione e delle navi commerciali. Tali attività rivestono una importanza fondamentale in un contesto come quello italiano fortemente dipendente dai traffici marittimi e dalla sicurezza sul mare. Il Comandante in Capo ha ringraziato l’ammiraglio Maffeis per il lavoro svolto, anche in condizioni metereologiche impegnative e ha augurato all’Ammiraglio Cottini di ottenere altrettanti significativi risultati.

    M.S.

ESERCITAZIONE DYNAMIC MANTA 2017: LA NATO SI ADDESTRA NEL MEDITERRANEO CON LA SUA COMPONENTE ANTI-SOMMERGIBILE

070317 dynamic_manta (4)L’esercitazione NATO “DYNAMIC MANTA 2017 (DYMA 17)” si svolgerà al largo delle coste siciliane, dal 13 al 24 marzo, con mezzi aeronavali ed equipaggi provenienti da 10 Paesi Alleati, riuniti nel Mediterraneo Centrale per un addestramento alla lotta anti sommergibile e alla lotta contro i mezzi di superficie. I sommergibili provenienti da Francia, Grecia, Italia, Spagna, Turchia e Stati Uniti, sono sotto il controllo del Comando Sommergibili NATO (COMSUBNATO) e opereranno con 10 navi militari di Francia, Grecia, Inghilterra, Italia, Spagna, Turchia e Stati Uniti. L’Italia, oltre a partecipare con il cacciatorpediniere Luigi Durand De La Penne, il sommergibile Pietro Venuti, e un elicottero SH90 della Marina Militare, fornirà supporto logistico attraverso il Comando Marittimo della Sicilia, la Base Navale di Augusta e la Base Aerea di Sigonella. La DYNAMIC MANTA 17 rappresenta la principale esercitazione della NATO nel Mediterraneo, dedicata all’addestramento anti sommergibile con l’obiettivo di affinare capacità e tecniche dei sommergibili e delle navi dell’Alleanza Atlantica. Scenari realistici ed eventi con difficoltà crescente caratterizzeranno i temi addestrativi per incrementare la capacità di combattimento in contesti operativi multinazionali. Le navi in addestramento saranno supportate da 14 aerei da pattugliamento marittimo ed elicotteri di  Canada, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Norvegia, Spagna, Turchia e Stati Uniti che opereranno dalla base di Sigonella e da bordo delle navi. Il numero di nazioni partecipanti all’esercitazione di quest’anno, è una dimostrazione dell’impegno della NATO per la sicurezza marittima, in particolare, per lo sviluppo di capacità nella lotta anti sommergibile.

 

LA M. M. PER LA RICERCA SUL CANCRO

ARicerca cancro MMugusta. Si è conclusa in questi giorni un’iniziativa, nell’ambito della giurisdizione del Comando Marittimo Sicilia, di raccolta fondi a favore dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC). La  mattina di mercoledì 22 febbraio  la consigliera AIRC di Siracusa professoressa Nella Giallongo ha ufficialmente ricevuto il ricavato della raccolta pari a € 900,00; un modesto contributo che nel suo piccolo conferma la costante presenza e la sensibilità del personale della Marina Militare nella ricerca e sui progressi compiuti nella ricerca scientifica contro il cancro. L’attività svolta dall’AIRC si sviluppa sia nel raccogliere ed erogare fondi a favore del progresso della ricerca oncologica ma anche nel sensibilizzare e diffondere al pubblico una corretta informazione in materia. I fondi raccolti sono destinati alla ricerca sul cancro attraverso un processo di selezione e supervisione rigoroso, meritocratico e trasparente. La severità e professionalità delle valutazioni dei progetti di ricerca e delle borse di studio sono assicurate dalla direzione scientifica il cui staff è costituito da persone di rilevante esperienza sia tecnico che scientifica. “Un piccolo contributo” – commenta il Comandante Marittimo Sicilia contrammiraglio Nicola de Felice – “per condividere il nostro impegno nel sostenere questa causa i cui ricercatori con il loro prezioso lavoro stanno compiendo passi avanti nella prevenzione, ma soprattutto in una migliore curabilità del male del terzo millennio: il cancro. I risultati delle loro ricerche permettono una conoscenza sempre più approfondita della malattia e della sua complessità aprendo la porta a nuove efficaci terapie. La Marina Militare è vicino ai ricercatori nella lotta contro il cancro”.

IL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA MARINA IN VISITA AD AUGUSTA

augusta-marinaAUGUSTA – In occasione della visita del Sig. Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli, presso la base navale di Augusta, le OO.SS. e le R.S.U. hanno rappresentato lo stato di grande crisi che investe l’Arsenale Militare di Augusta che vede fortemente ridimenzionato il ruolo di stabilimento produttivo per l’efficienza e manutenzione della flotta navale che insiste in quest’area strategica per gli equilibri geopolitici nel mediterraneo. All’incontro con le OO.SS. e R.S.U. erano presenti, oltre al Capo di Stato Maggiore M.M. Valter Girardelli, Il comandante Logistico della M.M. L’Ammiraglio di Squadra Raffaele Caruso, il Comandante di Marisicilia Augusta C.A. Nicola De Felice e Il Direttore di Marinarsen Augusta C.A. Giuseppe Sica. Al Capo di Stato Maggiore, è stata consegnata a breve mani una lettera: “Gentile Ammiraglio, a distanza di quasi due anni dalla nuova organizzazione del Ministero della Difesa e della Marina Militare, le R.S.U. e le OO.SS. Territoriali, considerato lo scenario delle scelte economiche, normative ed organizzative ad oggi intraprese, sottolineano la drammaticità degli eventi che si stanno susseguendo e la loro ricaduta sulla Base Militare, sull’Arsenale, sulle Aziende dell’indotto e sull’intero territorio di Augusta. Un territorio, quello di Augusta, già martoriato di per sé da una grave crisi economica e non più in grado di poter offrire nuovi sbocchi occupazionali, non ultimo, il provvedimento del Governo che ha decretato il trasferimento dell’Autorità Portuale da Augusta a Catania. Le OO.SS. hanno dimostrato di non avere pregiudizi e di non avere timore del cambiamento legato alla riorganizzazione della M.M., ma la responsabilità attribuita dal ruolo ad esse assegnate, legittima le preoccupazioni per le ricadute su un area la cui economia, oltre alla zona industriale, è retta prevalentemente dalla M.M., presente con i suoi estesi insediamenti, che ne ha condizionato lo sviluppo economico e sociale. Continua a leggere

AUGUSTA, OPERAZIONE MARE SICURO: CAMBIO DEL COMANDANTE

mare-sicuroAugusta. Pomeriggio di martedì 27 dicembre, sul ponte di volo della fregata “Virginio Fasan” ormeggiata al molo NATO di Augusta,  alla presenza del comandante in capo della Squadra, ammiraglio Donato Marzano, si è svolta la cerimonia di avvicendamento al comando dell’Operazione Mare Sicuro tra il contrammiraglio Enrico Pacioni (cedente) e il contrammiraglio Alberto Maffeis (subentrante). Il momento ha sancito anche il cambio dell’unità di bandiera dell’operazione: nave Virginio Fasan è stata  sostituita da nave Francesco Mimbelli, al comando del capitano di vascello Lorenzano Di Renzo.L’ammiraglio Pacioni lascia l’incarico dopo circa due mesi di attività in mare, nel corso dei quali si sono alternate 10 differenti unità navali, per un totale di circa 3000 ore di moto. L’Operazione Mare Sicuro, varata dal Governo a seguito dell’aggravarsi della crisi libica, schiera dal 12 marzo 2015 , in un’area di circa 80.000 km2 del Mediterraneo centrale, un dispositivo aeronavale con il compito di rafforzare quanto già in atto da parte delle navi della Marina Militare che operano nell’area per garantire la sicurezza marittima, assicurare la tutela degli interessi nazionali, la protezione delle linee di comunicazione e delle navi commerciali, della flotta peschereccia italiana e delle fonti energetiche strategiche d’interesse nazionale oltreché effettuare attività di sorveglianza e contrasto alle attività illecite di organizzazioni criminali e terroristiche transnazionali. Tali attività rivestono una importanza fondamentale in un contesto come quello italiano fortemente dipendente dai traffici marittimi e dalla sicurezza sul mare.Il dispositivo Mare Sicuro, inoltre, fornisce la necessaria cornice di sicurezza ai mezzi impegnati in operazioni di ricerca e soccorso e, qualora necessario o richiesto dal centro di coordinamento del Comando Generale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera (IMRCC),  possono intervenire per svolgere attività di soccorso in mare.

    M.S.

ESERCITAZIONE ANTITERRORISMO NEL PORTO DI AUGUSTA

esercitazioneAugusta. Giovedì 15 dicembre si svolgerà, nel porto di Augusta, un’esercitazione di antiterrorismo, antincendio, antinquinamento, ed evacuazione medica. Si tratterà di un’esercitazione a regia congiunta, contestualmente diretta dalla Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta e dall’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima di Siracusa. Il coordinamento sarà assicurato dalla sala operativa della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta, in composizione allargata a personale dell’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima di Siracusa. Tale esercitazione prenderà avvio da un attacco terroristico simulato, condotto da un barchino contro una nave mercantile, a seguito del quale scaturiranno un incendio e un inquinamento marino, oltre che il ferimento di un marittimo. Le unità navali, nell’assetto previsto dal dispositivo di antiterrorismo, saranno impegnate, coadiuvate da un elicottero, nell’intercetto del barchino, e del susseguente fermo dei terroristi, con ispezione subacquea del barchino stesso da parte di un nucleo di subacquei. Contestualmente, altre unità navali, unitamente ad altri mezzi portuali, avranno il compito di domare l’incendio, e di porre sotto controllo l’inquinamento. Nel frattempo, il marittimo infortunato sarà prelevato dal predetto elicottero, e condotto a terra per il successivo affidamento ai servizi sanitari di emergenza. Frattanto, gli ambiti portuali saranno sottoposti ad un più restrittivo controllo da parte di pattuglie automontate, con innalzamento del livello di allerta. Parteciperanno mezzi aerei, navali e terrestri, facenti capo alla Capitaneria di Porto-Guardia Costiera, alla Polizia di Stato, ai Carabinieri, alla Guardia di Finanza, alla Polizia Municipale e ai Vigili del Fuoco, nonché rimorchiatori portuali, piloti del porto, ormeggiatori, barcaioli, servizi portuali ed enti tecnici, oltreché una società petrolifera.

A.B.

CELEBRAZIONI PER IL 74° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DEL C.C. SALVATORE TODARO

tòdaro comandanteMESSINA – Nel 74° anniversario della morte del capitano di corvetta Salvatore Todaro, Medaglia d’Oro al Valore Militare alla memoria, organizzate dal Comando Marittimo Sicilia, in collaborazione con il Rotary Club di Messina. L’evento sarà presentato con una conferenza stampa lunedì 12 dicembre alle 10.30, presso il “Forte San Salvatore” nella base navale di Messina, presieduta dal Comandante Marittimo Sicilia contrammiraglio Nicola de Felice, dal presidente del Rotary Club dottor Paolo Musarra e dal dottor Salvatore Totaro, cugino e presidente dell’associazione dedicata all’eroe messinese. Il 14 dicembre, giornata della ricorrenza, alle 10.30 il programma degli eventi si aprirà con la cerimonia commemorativa presso il monumento della base navale con deposizione di una corona di alloro donata dal Rotary Club di Messina. Seguiranno presso il “Forte San Salvatore” tre momenti significativi: la “conferenza sulla figura dell’eroe” tenuta dal dottor Salvatore Todaro, alla presenza della figlia dell’eroe Graziella Todaro; la presentazione del libro “Eroe non soltanto per l’Italia ma per l’umanità” dello scrittore Gianni Bianchi; la proiezione di un cine-documentario dal titolo: “Salvatore Todaro eroe umano della Marina”. L’evento si concluderà con una visita guidata al Forte San Salvatore dove saranno esposti cimeli e materiale riguardante la figura dell’eroe.

LA CORALE “GIUSEPPE BELLISTRÌ” DELL’“UNITRE AUGUSTA” ALLIETA LA FESTA DI SANTA BARBARA

S_Barbara_2016_6S_Barbara_2016_2AUGUSTA – Ogni 4 dicembre gli uomini e le donne della Marina Militare e quanti operano per essa, nel ritrovarsi con le comuni origini e valori, festeggiano solennemente la loro Santa Patrona. È tradizione, infatti, a bordo delle navi e presso tutti gli enti ed i comandi della Marina Militare commemorare la ricorrenza di Santa Barbara, Patrona delle Forze Armate. Ad Augusta, quest’anno, eccezionalmente  la festa si è svolta  il 1° dicembre alle ore 10.30, (anziché il 4 dicembre)  presso il centro sportivo Armando Stampanone di MARISICILIA. Il tutto è stato allestito nella palestra al coperto per motivi climatici, mentre militari, ufficiali, comandanti, ospiti ed amici della Marina Militare, affollavano il salone. Una corale variegata di bambini, ragazzi e adulti,  diretti dalla maestra Sig.ra Ivana Pitari, hanno accolto col canto l’assemblea, per dare inizio alla festa in onore di S. Barbara, protettrice delle Forze Armate. La celebrazione Eucaristica officiata dal Vicario Generale della Diocesi di Siracusa, Mons. Nuccio Amenta, accompagnato dal cappellano militare, Don Nicola Minervini, è stata preceduta dal canto dell’Inno  nazionale  “Fratelli d’Italia”eseguito dalla corale “Giuseppe Bellistrì “ Unitre Augusta. In questo clima di fratellanza patriottica, ha avuto inizio la S. Messa, la cui Liturgia è stata animata dalla corale spontanea delle mamme delle Scuole del plesso Cappuccini. In questa cornice perfetta, come è d’uso presso la nostra Marina Militare, erano presenti il Comandante Marittimo Sicilia Contrammiraglio Nicola de Felice, e Signora Maria Pia, il Sindaco Avv. M. Concetta Di Pietro, il Prefetto e il Questore di Siracusa, autorità militari e civili,  vari ospiti di club service, Croce Rossa, Marinai d’Italia, Unitre Augusta, personale in servizio e in congedo, e tanti altri rappresentanti di realtà locali. In questo momento celebrativo, la scenografia di festa, ha avuto un valore aggiunto, per la presenza di bambini e giovani, alunni delle varie scuole della nostra città, che hanno potuto vivere un’occasione di unione sociale, religiosa, militare e cittadina. Al termine della funzione religiosa, con il saluto, il Comandante Contrammiraglio De Felice, ha ringraziato e suggellato un appuntamento di festa in cui la città si incontra con la realtà militare che da anni opera  tra noi. E come in ogni festa “tutti i salmi finiscono in gloria”, ha fatto seguito la conviviale presso il  salone- mensa con ricco buffet per le autorità, i militari, gli amici, il personale e gli  ospiti.

F.C.