PER LA RASSEGNA VOLALIBRO PINO APRILE RIVELA CHI FURONO I CARNEFICI DEL SUD

pino aprileNoto – Per il “Volalibro”, il festival della cultura per i ragazzi, organizzato da Corrada Vinci, è stato ospite il giornalista scrittore Pino Aprile, autore dei libri: Terroni, Giù al Sud, Il Sud puzza, Carnefici.  L’incontro è avvenuto nello storico palazzo Trigona in via Cavour, nella sala Gagliardi. Pino Aprile critica aspramente la modalità della nostra Unità di Italia, un’ unione fatta con guerre, sangue e omicidi, ergo un’ unione forzata, obbligata, fatta con lo stesso sangue dei nostri nemici.  Il titolo Carnefici, ultimo libro di Pino Aprile, è un termine molto forte per cui si può avere l’impressione in quanto l’unità di Italia fu fatta a danno del sud, soprattutto con stragi immani e reati di genocidio,ovvero con la distruzione dell’identità di un popolo, nella distruzione della comunità che condivide, una cultura, una storia e un destino.  Distruzioni delle istituzioni culturali è un reato che può commettere solo uno Stato. Il ministro della pubblica istruzione Francesco De Sanctis, un grande uomo di cultura del Sud chiuse ottocentocinquanta scuole e tutte le università del Sud,  tranne quella di Napoli, rendendo difficoltoso l’accesso e le iscrizioni per chi era del sud, eliminando le borse di studio ai figli delle famiglie povere, nel frattempo il Borbone aveva dato le pensioni alle sei prostitute dei garibaldini tra cui la maitresse Marianna De Crescenzo soprannominata la Sangiovannara che sceglieva le donne da dare a Garibaldi e ai suoi cari. Distruzioni dei sentimenti religiosi: furono chiusi tutti i conventi, aboliti ordini religiosi, vescovi rimossi e esiliati e preti fucilati.  I Briganti come Ninco Nanco, Michelina di Cesara, erano dei semplici oppositori che difendevano il territorio dai nemici, furono assassinati e fotografati come vanto dai piemontesi. Aprile ha parlato della Basilicata dei nostri giorni, regione ricca di giacimenti petroliferi che è il Kuwait d’Europa,  una terra da usare e sfruttare che ha i servizi ferroviari dell’Afganistan. Esistono due Italie con due velocità, da Milano a Bologna ci sono treni ogni 15 min e in 2 ore si arriva a destinazione, da Rosolini per andare a Trapani si impiega un giorno intero, occorre prendere un treno alle 04.55 del mattino unico treno, oltre i vari cambi di treno. Alla mia domanda: Che reazione hanno avuto gli storici italiani riguardo alla pubblicazione dei suoi libri?” Generalmente male, ma qualcuno di nuova generazione mi ha fatto il plauso, ma senza esporsi troppo. L’incontro è stato moderato da Vincenzo Belfiore esperto di storia  della Sicilia

    Davide C.M. Ortisi

A Palazzo Zuppello dal Kiwanis, presentato il libro “Porto di Augusta, europeo o del profondo Sud?”

“MANDIAMOLO IL LIBRO AL MINISTRO DEL RIO”, dice l’autore Giorgio Càsole

presentazione libro tavoloAugusta. Notevole affluenza di pubblico alla serata di presentazione del libro “Il porto di Augusta. europeo o del profondo sud” del docente-giornalista Giorgio Càsole, tenutasi giovedì pomeriggio nel salone di Palazzo Zuppello. Organizzato dal club service Kiwanis, presieduto per il secondo anno consecutivo da Domenico Morello, erano presenti il relatore Nunzio Famoso, ordinario di Geografia all’Università di Catania, sindaci di Priolo e Mellili, Antonello Rizza e Giuseppe Cannata, e la presidente di Assoporto, Marina Noè, già assessore regionale all’industria. È mancato all’appello per motivi, non chiariti il comandante della capitaneria di porto, Antonio Donato, commissario dell’Autorità portuale di Augusta, che ha dato disdetta all’ultimo momento. Prima di dare avvio all’incontro vero e proprio, il cerimoniere del Kiwanis, Antonello Forestiere ha letto pubblicamente la missiva inviata dal sindaco Di Pietro, con le giustificazioni per la mancata partecipazione in quanto impegnata in un consiglio comunale convocato qualche giorno prima,il 13, per la stessa giornata alla stessa ora. Sùbito dopo è stata proiettata ’intervista video del 1991 di Giorgio Càsole al palermitano Carlo Vizzini, allora ministro della Marina Mercantile, che si trovava in visita ufficiale al porto di Augusta. Il presidente Morello ha porto i saluti e, fra l’altro, ha affermato che in “ questa battaglia a difesa del porto di Augusta i club service ci sono e vogliono svolgere il loro ruolo di societa’ civile, al fianco delle azioni che saranno intraprese dall’Amministrazione comunale, dei sindacati, di Assoporto Augusta e dalle associazioni datoriali”.Il luogotenente governatore del Kiwanis, Gaetano P. Russotto, ha illustrato le finalità del Kiwanis.

Continua a leggere

PORTO DI AUGUSTA, EUROPEO O DEL PROFONDO SUD? IL NUOVO LIBRO DI GIORGIO CÀSOLE

La presentazione  nel salone Monna Lisa di Palazzo Zuppello , giovedì 16 febbraio , ore 18°°

copertina Porto europeoAugusta.  A cura del Kiwanis club di Augusta, presieduto da Domenico Morello,  oggi 16, alle ore 18,oo, nel salone Monna Lisa dell’hotel Palazzo Zuppello di Via Epicarmo, si terrà una serata che potrà essere considerata di cultura e di attualità politica: di cultura perché sarà presentato un libro, l’ultima pubblicazione del nostro Giorgio Càsole, di attualità politica perché il libro ha come titolo Porto di Augusta, europeo o del profondo Sud?”, quanto mai attuale in questi giorni, da quando  si è profilato lo “scippo” ad Augusta della sede della nuova autorità di Sistema portuale. Il libro di Càsole è una raccolta di articoli scritti sul porto in oltre trent’anni di attività giornalistica, quasi tutti pubblicati sul Diario. In anteprima presentiamo la prefazione al libro scritta da Paolo Mangiafico.

       M.S.

INTERVISTA A DANIELA DOMENICI DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL SUO ULTIMO LIBRO “AUGUSTA NEL MONDO”

augusta-nel-mondoAUGUSTA – Giorno 29 dicembre, in occasione della presentazione del libro “Augusta nel mondo”, suo piccolo omaggio alla città megarese in cui Daniela ha vissuto trent’anni, che è anche la città natale di sua madre, di suo marito e dei suoi figli, le abbiamo rivolto qualche domanda presso il circolo Umberto I in piazza Duomo ad Augusta. – Chi è Daniela Domenici al di là della sua figura pubblica che ormai molti conoscono? Sono, prima di tutto, madre di due figli e una figlia, nonna di tre nipoti (e un altro in arrivo) e moglie da ben 35 anni. Sono una docente (anche se ho cominciato tardi a insegnare essendomi laureata alla verde età di 38 anni con i figli che hanno assistito alla discussione della tesi…), amo leggere da ben 9 lustri, adoro il silenzio (non ho e non vedo la tv, per scelta, da ben 14 anni…) e la solitudine, mi sento felicemente un’aliena mandata su questo pianeta per una missione che non conosco ma che spero di fare al meglio e concludere. – Cosa ha significato per te avere creato il tuo sito-salotto letterario online? Ha significato avere la possibilità, prima di tutto, di condividere gratuitamente p_20161229_181934quello che so e che faccio, dalle letture alle traduzioni, dalle correzioni di bozze alle recensioni di libri a quelle teatrali e tanto altro ancora. E in più dare la possibilità ad amiche e amici di mandarmi le loro opere per vederle pubblicate e quindi fare da cassa di risonanza per loro. Attualmente ho l’onore di essere letta in tutto il mondo (lo testimonia il flag counter sulla homepage del sito) con una media di 400 passaggi quotidiani di lettura. – Come spieghi che hai attratto molte persone positive e hai dato loro l’opportunità di esprimersi e mostrarsi? Lo spiego con un dono che Qualcuno lassù mi ha dato (insieme a vari altri) e che cerco di far fruttare come nella parabola dei talenti: essere guaritrice con le parole, sia scritte che dette, vedere in ognuna delle persone che incontro sul mio cammino il bello, il positivo che tutti abbiamo e potenziarlo per costruire insieme la loro autostima, il loro amore per se stesse/i, regalare gratuitamente gocce della mia variegata cultura senz’alcuna prosopopea perché nello scambio reciproco tutte/i ne usciamo arricchite/i. – Qualcuno può pensare che sei troppo indulgente ed entusiasta rispetto a ciò che gli altri ti fanno leggere. Come lo spieghi? Un po’ lo spiego con la risposta precedente, un po’ dicendo che fa parte del mio carattere essere sempre entusiasta in quello che faccio, metterci passione per far emergere il mio animo bambino che non ha filtri, è spontaneo, non sa cosa sia la diplomazia e vuole solo il bene dell’altra/o.

Continua a leggere

AUGUSTA, SABATO 17 DICEMBRE, 2 CIRCOLI PER “AUGUSTA IN UN ANNO “

Il Circolo Unione e il Filantropico “Umberto I”, in Piazza Duomo, ospitano evento e mostra fotografica per preservare l’identità augustana

circolo-unioneAugusta. Nuova iniziativa dell’associazione “Sulidarte”: “Augusta in un anno”, con cui propone all’attenzione del pubblico augustano una selezione di immagini per “l’inizio di un percorso di ricerca e per una visione anticonvenzionale e contemporanea della nostra città”. Durante la serata verranno presentate al pubblico le persone che hanno reso possibile il progetto, saranno proiettati i dodici video realizzati con drone, ci sarà la premiazione dei vincitori del concorso e infine verrà inaugurata la mostra che resterà aperta fino al 6 gennaio nei locali del Circolo Umberto I in piazza Duomo. Il mondo della fotografia è sempre alla ricerca di nuovi stilemi e influssi. Quest’ idea, basata sulla valorizzazione e la conoscenza del nostro territorio, grazie alla personalità dei fotografi professionisti invitati, e seguendo i semplici suggerimenti dati dalle linee guida proposti (riconoscibilità dei luoghi, presenza umana, uso del bianco e nero e formato orizzontale), ha consentito  la realizzazione di un calendario fotografico, un libro fotografico e la stampa fotografica di tutto il lavoro,  che costituirà la mostra che sabato 17 dicembre alle ore 19.00 sarà inaugurata nel salone del Circolo Umberto I di fronte alla Chiesa Madre. La prefazione al libro  è stata  scritta da una docente del Politecnico di Milano, Maria Vittoria Capitanucci, la quale ha partecipato con molto piacere a questa pubblicazione, visto il forte legame familiare che la lega al nostro territorio.Nella parte centrale è dedicato ampio spazio ai singoli fotografi – Angelo Fruciano, David Lenaz, Gaspare Lodato, Alessandra Lucca, Romolo Maddaleni, Santo Manzella, Enrico Petracca, Enzo Quartarone –  dove ognuno di loro racconta brevemente sé stesso e questa piccola esperienza corale vissuta insieme, dove ognuno di loro condivide col pubblico la propria visione del progetto attraverso le foto realizzate. C’è  una sezione in coda, chiamata contenuti extra,  che mette in luce i fotografi non professionisti selezionati attraverso un concorso fotografico che quest’anno ha avuto come tema la Bella Augusta. Le persone che hanno contribuito alla nascita di questa prima edizione di Augusta in un anno  sono: Elena la Ferla per il coordinamento generale, Attilio Patania per la progettazione grafica e l’impaginazione, Gaspare Lodato per il coordinamento tecnico, Michelle Amonn per le traduzione dei testi.  Il libro è infatti stato pensato in italiano e inglese, ogni pagina in italiano ha accanto la sua corrispettiva in inglese. Realizzato in alta qualità, in grande formato e in bianco e nero, in ogni pagina dell’anno è  dedicata a un monumento o a un luogo che riflette fortemente la nostra identità territoriale. Dodici video multimediali  offrono informazioni storiche di base per la conoscenza di alcuni beni fotografati: un momento di informazione, per chi si avvicina a quei beni che troppo spesso gli sono preclusi, sbarrati, vietati. Le persone che hanno reso possibile la realizzazione della  sezione multimediale sono: Gianni Alderuccio, Anna Passanisi e Ada Tringali quali voci narranti, Mariarita Zappalà per il montaggio video, Carmelo Di Grande quale operatore al drone, Domenico Epaminonda per la ricerca storica dei testi, Elena La Ferla per la regìa, senza sponsor tradizionali, ma con clienti che hanno comprato a scatola chiusa,  per coprire i costi. Alla presentazione sarà possibile acquistare i prodotti come regali  avendo come principio la  preservazione e la cura dell’ identità augustana.

  M. S.

AD AUGUSTA VA DI SCENA LA POESIA CON DIBATTITO E INTERMEZZI MUSICA LI

Deborah Valenti e Giuseppe P. Zanti presentano i lavori letterari dello scrittore romano Fabrizio  del Vecchio

presentazione-libri-fabrizio-del-vecchio-augustaAugusta. – Si è svolto alcuni giorni fa ad Augusta, come lo scorso anno, un incontro di presentazione dei lavori letterari del poeta-scrittore romano Fabrizio Del Vecchio. Ultimo degli incontri di un lungo tour che lo ha visto impegnato in tutta Italia, da Bergamo fino alla Sicilia, nelle città, tra le altre, di Palermo, Agrigento, Catania e Augusta. La serata si è svolta in una splendida villa privata con la partecipazione di un pubblico attento e coinvolto, che ha disquisito sul valore della lettura e della poesia e sui sentimenti suscitati dalle poesie lette durante l’evento dai poeti locali Deborah Valenti e Giuseppe Zanti.Nel corso dell’evento, un appassionato intervento del docente e giornalista Giorgio Càsole sulla divulgazione della poesia, anche attraverso i moderni mezzi informatici, in considerazione del fatto che l’autore romano Fabrizio Del Vecchio gestisce su facebook una pagina che attira ogni giorno migliaia di seguaci.La serata è stata allietata da intermezzi musicali e dall’apprezzata voce del tenore augustano Aldo Platania.

V. D.

AUGUSTA/PRESENTAZIONE AL CIRCOLO UNIONE DEL LIBRO “E IO LO NACQUI. TOTÒ, O L’ARTE DELLA COMMEDIA BASSA”

Scuriatti intervistato da CeciliaAUGUSTA/ “ E io lo nacqui. Totò, o l’arte della commedia bassa” è il titolo del libro di Antonio Scuriatti presentato martedì pomeriggio nella sede che accoglie l’associazione del Circolo Unione di fronte alla Piazza Duomo di Augusta.  Gaetanella Bruno,  presidente del circolo  ha dato avvio alla presentazione porgendo i saluti e i ringraziamenti di rito per poi introdurre con entusiasmo i protagonisti dell’incontro. Moderatore della serata il giornalista, attualmente occupato nelle Reti Rai, Guglielmo Troina che ha avuto modo di rivolgere qualche domanda sia all’autore del libro sia all’altro ospite Enrico Guarneri, noto al grande pubblico come  Litterio, cioè il personaggio comico da lui interpretato che l’ha reso celebre. L’attenzione del pubblico in sala è stata subito accesa dalla proiezione di un video in bianco e nero del primo provino cinematografico di un Antonio De Curtis evidentemente ancora poco avvezzo alle telecamere. Quell’ometto, tuttavia, aveva carisma da vendere, e lo si capì presto. Divenne niente di meno che Totò “il personaggio più rappresentativo di un genere teatrale che, almeno in Italia, per questioni  storico- sociali è stato considerato come un genere  minore. Da qui la definizione di ‘ commedia bassa’”. spiega Scuriatti. E fu proprio in teatro che Totò si affacciò alla commedia interpretando l’antagonista di Pulcinella. Il libro è un lavoro accademico, un’ estensione della tesi di laurea di Scuriatti per il conseguimento della laurea in drammaturgia.  L’autore cita il celebre regista  e teorico russo  Stanislavskij per definire il libro “ Un lavoro dell’attore su sé stesso e un lavoro dell’attore sul personaggio”. Non a caso, Scuriatti, si sofferma nella prima parte del libro alla ricostruzione degli anni dedicati al teatro di Totò, dai suoi esordi nei teatrini napoletani fino al grande successo delle riviste e dei varietà quando l’arte teatrale  si interseca con la cinematografia.  “ E quando il cinema lo deludeva,  lo denigrava, Totò si rifugiava sempre nel suo primo amore: il teatro” riferisce Scuriatti. Un grande attore, come è stato Antonio de Curtis definito anche il Principe della Risata riesce a costruire con il suo personaggio una tradizione comica “ In ciò sta la differenza sostanziale con l’attore d’accademia” sottolinea Scuriatti e aggiunge: “ Difatti, l’arte di un attore comico risiede anche nella capacità di ispirarsi a personaggi reali per poi staccarsi dagli emuli costruendo una propria individualità artistica”. Lo stesso Enrico Guarneri, da geometra ad attore di successo, confessa di aver rubato alcune buffe  caratteristiche di un amico per il concepimento del personaggio di Litterio.  Comico eccellente, famoso per le doti mimiche, Totò è un autentico  professionista  dello spettacolo. Lo  si evince anche dagli ultimi lavori . Nel  film “Uccellacci e uccellini” con la regia di Pier Paolo Pasolini, Totò costretto a rispettare rigorosamente il copione, non smentì la sua bravura interpretativa .Il film, anche grazie alla commistione tra il basso-popolare rappresentato da Totò  e l’alto di Pasolini, ebbe grande successo ricevendo grandi apprezzamenti dalla critica e consentendo a Totò di lasciare ancora un’altra faccia alla sua “maschera” prima morire di lì a poco.Dopo lunghi e appassionati studi sul personaggio Scuriatti descrive la figura di Totò come “ La summa di duemila anni di storia del teatro.”

    C.C.  –  nella foto, Cecilia Càsole intervista l’autore Antonio Scuriatti

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “SAPORI E PROFUMI DELLA SICILIA SUD ORIENTALE”, REALIZZATA DAL CIRCOLO DEI LETTORI E IV AREA OPERATIVA LEO CLUB

fotoSIRACUSA – Si è tenuta domenica 20 marzo 2016 alle ore 18:00, presso la “Sala Rossa” della sede della Rete Centri Antiviolenza di Siracusa di Raffaella Mauceri, la presentazione del libro “Sapori e profumi della Sicilia Sud orientale”, pubblicazione realizzata dai Leo Club di Augusta, Lentini, Modica, Noto, Ragusa e Siracusa della IV Area Operativa del Distretto Leo 108 Yb – Sicilia in occasione di Expo Milano 2015, nell’ambito del service nazionale “Lions4Expo”. Il volume ha raggiunto l’evento di rilevanza internazionale che ha interessato il capoluogo lombardo dal mese di maggio al mese di ottobre dello scorso anno, dedicato al tema dell’alimentazione e della nutrizione ed intitolato “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Promotori di questa iniziativa sono stati i Delegati per la IV Area Operativa: Carlo Simeone, per l’anno sociale 2014/2015 e Marco Failla, per l’anno sociale 2015/2016. La presentazione del libro è stata curata dai soci del Circolo dei Lettori di Siracusa, presieduto da Salvatore Russo. Sono intervenuti il presidente Salvatore Russo, che ha illustrato all’uditorio presente le attività e le iniziative culturali promosse dal circolo; il prof. Luigi Amato, Ordinario di Estetica presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo, che ha esposto una riflessione sull’estetica e il gusto del cibo, richiamando anche all’attuale situazione geopolitica; il prof. Salvatore Sequenzia, semiologo e critico letterario, con un intervento dal titolo “Una passeggiata inferenziale tra scrittura e gourmandise” ed il prof. Giovanni Fichera, docente di Tecnica dei servizi della ristorazione presso l’I.P.A. “Federico II di Svevia” di Siracusa. È intervenuto, e ha moderato l’incontro, il giovane socio del Leo Club, Marco Failla, che ha raccontato dell’idea di realizzare un volume che potesse illustrare e portare a conoscenza del grande pubblico dell’esposizione milanese l’identità e la cultura culinaria propria della Sicilia Sud orientale. Ha evidenziato, inoltre, le diverse problematiche sociali di cui il Leo Club si preoccupa, operando concretamente sul territorio.

Continua a leggere

Davide Ortisi presenterà il suo libro a palazzo Montecitorio

ortisi davideDai microfoni di Radio Atlanta Milano, l’autore del testo “Filosofia in Pillole”, Davide C.M.Ortisi, ha annunciato la presentazione del suo libro, giorno 18 marzo presso il palazzo Montecitorio, sala stampa della Camera dei Deputati. Durante l’intervista, Ortisi ha svelato alcuni aneddoti sui nuovi episodi della nuova serie girati a Noto del Commissario Montalbano e sui futuri progetti editoriali.

IL LIBRO “SAPORI E PROFUMI DELLA SICILIA SUD ORIENTALE”, PER VINCERE IL MORBILLO

campagna_ragusana-autore_giorgio_leggioSIRACUSA – Sabato 27 febbraio, alle ore 17.30, nella  sede della Rete Centri Antiviolenza di Siracusa, in via Brenta n. 67, a ingresso libero sarà presentato il libro “Sapori e profumi della Sicilia Sud orientale”,  realizzato dai Leo Club di Augusta, Lentini, Modica, Noto, Ragusa e Siracusa della IV Area Operativa del Distretto Leo 108 Yb – Sicilia in occasione di Expo Milano 2015, nell’ambito del service nazionale “Lions4Expo”. Il volume ha raggiunto l’evento di rilevanza internazionale che ha interessato il capoluogo lombardo dal mese di maggio al mese di ottobre dello scorso anno, dedicato al tema dell’alimentazione e della nutrizione ed intitolato “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Promotori di questa iniziativa sono stati i Delegati per la IV Area Operativa: Carlo Simeone, per l’anno sociale 2014/2015 e Marco Failla, per l’anno sociale 2015/2016. La presentazione del libro sarà curata dai soci del Circolo dei Lettori di Siracusa. Interverranno il presidente Salvatore Russo, il prof. Luigi Amato, Ordinario di Estetica presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo, il prof. Salvatore Sequenzia, semiologo e critico letterario ed il prof. Giovanni Fichera, docente di Tecnica dei servizi della ristorazione presso l’I.P.A. “Federico II di Svevia” di Siracusa. La pubblicazione permetterà al lettore non solo di conoscere ed approfondire la dieta mediterranea nel suo complesso ma anche di valorizzare e promuovere i prodotti e le pietanze tipiche locali della Sicilia Sud orientale, eccellenze del marchio “Made in Italy”. Il ricavato della vendita della pubblicazione sarà devoluto alla Fondazione Lions per la raccolta di fondi che serviranno per l’acquisto di dosi di vaccino contro il Morbillo e la Rosolia che ancora oggi rappresentano una della principali cause di morte infantile nelle zone dove ancora non vi è accesso al vaccino.

  G.C.