SIGONELLA: SALUTO AL VELIVOLO BREGUET P-1150 ATLANTIC E PRESENTAZIONE DEL NUOVO VELIVOLO P-72A

P-72ASi terrà giovedì 21 settembre, presso la base di Sigonella, sede del 41° Stormo Antisom, la cerimonia di addio allo storico velivolo Breguet P-1150 Atlantic, sostituito dal nuovo velivolo P-72A, che sarà presentato ufficialmente nel corso della cerimonia. Alla cerimonia presenzieranno i vertici di Marina e Aeronautica, insieme alle massime autorità industriali e regionali delle province di Catania e Siracusa, nella cui realtà l’aeroporto di Sigonella è da sempre profondamente integrato. Il velivolo Atlantic, che lascia la linea volo dell’Aeronautica dopo 45 anni di servizio e oltre 250.000 ore di volo,  ha preso parte a tutte le recenti operazioni di sorveglianza marittima nazionale nel Mar Mediterraneo, quali “Mare Nostrum” e “Mare Sicuro” grazie al quotidiano lavoro di equipaggi di volo misti composti da appartenenti alla Marina Militare e all’Aeronautica Militare. Il P-72A è un pattugliatore marittimo ognitempo, sviluppato dall’ATR72-600 per il mercato civile e poi modificato con apparati e sensori specifici per assolvere i suoi compiti in ambito militare e rappresenta una soluzione ad interim finalizzata a coprire il gap capacitivo fino al momento in cui ci si potrà dotare di un Long Range Maritime Patrol Aircarft che abbia anche capacità ASW (Anti-Submarine Warfare).  Il nuovo assetto è già stato messo alla prova, fornendo il proprio contributo in occasione del G7 di Taormina a maggio. Come il suo predecessore, è assegnato all’Aeronautica Militare ed impiegato dalla Marina Militare: a bordo equipaggi misti delle due Forze Armate operano in piena sintonia interforze, consolidata in quasi cinquant’anni di attività operativa sull’Atlantic. Le potenziate capacità di scoperta, l’autonomia prolungata e l’attitudine al volo a bassissima quota del nuovo assetto lo rendono fondamentale per il pattugliamento e la sorveglianza dei teatri operativi e per la sicurezza del territorio nazionale, così come per le missioni di ricerca e soccorso per la salvaguardia della vita umana in mare. La capacità net-centrica del P-72A contribuisce, infine, a creare una capacità di sorveglianza persistente a supporto delle esigenze di sicurezza e difesa del Paese. Il 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare di Sigonella è una vera e propria realtà operativa interforze nell’ambito della Difesa italiana. Questa specificità rappresenta, sin dal 1965, un esempio di sinergia e cooperazione interforze tanto da ricevere il 28 marzo 2007, dal Presidente della Repubblica, la Medaglia d’Argento al Merito Civile quale riconoscimento per la meritoria ed incessante opera svolta dal Reparto nel periodo dal 1990 al 2005 a protezione dei traffici marittimi e della ricerca e soccorso di profughi e naufraghi nell’area mediterranea.

     C.S.

FRANCO BATTIATO IN UN GRANDE EVENTO AL TEATRO GRECO-ROMANO DI CATANIA

Franco BattiatoCATANIA – Franco Battiato torna, per una serata eccezionale al Teatro Greco Romano di Catania, ieri sera, con una delle sue creazioni musicali più intense, la “Messa Arcaica, nella I^ parte, mentre nella II^ le più belle canzoni del suo repertorio. Si tratta di un atteso, autentico evento che chiude la lunga e ricca stagione estiva programmata al Teatro Greco Romano di Catania dal Teatro Massimo Bellini, con l’Orchestra e il coro un cartellone aperto in giugno con le tre entusiasmanti serate di Carmen Consoli e proseguito con i concerti sinfonici e l’applaudito allestimento della “Tosca” di Puccini. Per finire con la performance del compositore e cantautore etneo, che da decenni domina la scena internazionale. Composizione per soli, coro e orchestra, “Messa Arcaica” è stata pubblicata originariamente in album nel 1994 dopo essere stata rappresentata l’anno precedente in due occasioni, un’anteprima nella Chiesa di S. Bernardino a L’Aquila e una prima ufficiale ad Assisi nella Basilica di San Francesco, in occasione della giornata mondiale della pace. Nonostante negli anni siano seguite altre rappresentazioni, “Messa Arcaica” rimane un momento molto particolare della produzione dell’artista catanese. Divisa nelle partizioni canoniche (Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus e Agnus Dei), è probabilmente l’opera più tradizionale composta da Battiato, specialmente nelle parti corali e sinfoniche. Un lavoro che segnava l’approdo definitivo a una forma classica, riuscendo allo stesso tempo a conferire nella spazialità e nella cadenza il respiro di un portamento musicale aperto, rodato fin dai tempi dei dischi di ricerca degli anni ’70. Nelle parole di Battiato “un’esperienza estremamente significativa nel mio percorso artistico”, fatta di “una ricerca costante della bellezza, dell’armonia, della fluidità delle soluzioni che si muovono all’interno di una Messa”, perché “per comunicare certi sentimenti, certe emozioni, certe opzioni del cuore, è necessario seguire strade ben definite”.

Continua a leggere

Conferenza sul traffico di influenze illecite nel territorio – a cura di Giovanni Intravaia

2235370702Nell’elegante cornice di un resort del territorio si è tenuta una prima conferenza in occasione della presentazione di un ciclo di incontri  sul tema dei reati rivisitati e introdotti dalla Legge “Severino”. Il promotore degli interessantissimi  eventi, l’avv. Giovanni  Intravaia (nella foto), presidente dell’Osservatorio Cattolico “Pro Iure et Iustitia”  dopo i saluti e i ringraziamenti di rito rivolti al folto pubblico degli invitati  ha così esordito <<Facilitatore è un sostantivo maschile che indica chi facilita, rende agevole il conseguimento di qualcosa>>. Questa la definizione data dal dizionario Treccani.  Nel suo libro “Il facilitatore”, Sergio Rizzo analizza una nuova figura che emerge naturalmente nelle dinamiche della nuova corruzione consociativa, basata sulle consulen­ze e sui favori, più che sulle classiche tangenti in denaro.  Chi è il «facilitatore»?  È colui che sta al centro di una fitta rete di conoscenze, interessi, legami che avvincono il potere legale a quello illegale, l’economia e la politica alle associa­zioni mafiose e ai poteri massonici. Il «professionista» deve portare ordine nella confusione, creando il collegamento tra chi ha il compito di decidere e chi deve attuare le decisioni, tra chi presenta un’istanza e chi la deve valutare.  Il suo ruolo è «far, funzionare le cose, facendole scivolare lungo il binario giusto».  Il facilitatore non è però un’invenzione letteraria, ma un operatore, a cavallo fra il grottesco e il drammatico, che compare sistematicamente nelle più importanti indagini sulla moderna corruzione, quale soggetto che deve age­volare i rapporti tra i diversi mondi che, nella moderna forma assunta dal fenomeno corruttivo, sono uniti da le­gami stabili e strutturati.  Nel nuo­vo contesto la tangente non è la remunerazione di uno specifico favore, ma una pratica diffusa e preventiva che vede il burocrate o il politico pronto a risolvere proble­mi, a sbloccare pratiche, ad «aiutare» a tutto ‘tondo l’im­prenditore amico nei rapporti con gli uffici della Pubbli­ca Amministrazione. Insomma, non si vende l’atto, ma la funzione o qualità del pubblico ufficiale. Il giuramento di fedeltà allo Stato è tradito alla radice e, con esso, la digni­tà di chi l’ha prestato. La complessità delle trame e delle relazioni «istituzio­nali» richiede, quindi, la presenza di un soggetto dotato di un’ampia rete di amicizie e di conoscenze, in grado di intervenire nei procedimenti di formazione della volontà dell’amministrazione e di mettere in contatto politici, bu­rocrati, imprenditori ed esponenti del mondo criminale. E, in definitiva, un «mediatore amministrativo», rigorosamen­te bipartisan, capace di raggiungere politici e amministra­tori, di aprire tutte le porte e di avere la meglio sugli infer­nali meccanismi della burocrazia.

    G.T.

 

AUGUSTA, FAILLA E INZOLIA (FDI-AN): “FESTA DI SANT’ELENA, DIVIETI INSENSATI”

AimagesU55BMBYSugusta. Per i timori legati al terrorismo il ministero dell’Interno ha diramato ai prefetti disposizioni atte a tutelare  gli italiani  in occasioni di pubbliche manifestazioni. Ovviamente,  anche il prefetto di Siracusa ha recepito le direttive  e a sua volta le ha trasmesse ai sindaci della provincia, fra cui, ovviamente, il sindaco di Augusta.  In contrada Faro Santa Croce era previsto un pubblico spettacolo dopo i riti religiosi per la festa agostana di Sant’Elena. Ma in quest’area non ci sono vie d’uscite. Di conseguenza, lo spettacolo, in grado di richiamare molta gente, è stato  annullato. Perché, allora, ci sarà egualmente la festa religiosa, che richiamerà pure pubblico, se non c’è via d’uscita? Enzo Inzolia e Marco Failla, coordinatori cittadini di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale di Augusta, guidato da Giorgia Meloni, intervengono a seguito dei divieti imposti dall’Amministrazione comunale per la festa di Sant’Elena. Di seguito, la nota congiunta: “Non vi è dubbio che le Autorità preposte alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica abbiano il dovere di recepire le opportune direttive affinché, specie in questi tempi di gravissima incertezza e giustificato timore, non abbiano a succedere turbative o accadimenti che feriscano l’incolumità dei cittadini. Ma, a nostro parere, tali direttive devono essere applicate secondo le regole del buon senso e non con il paraocchi di un integralismo che badi solo a salvaguardare chi non ha ancora capito che governare significa scegliere, decidere, assumere responsabilità. Con riferimento alla festa di Sant’Elena, atteso che da quanto è dato sapere la parte religiosa dell’evento avrà comunque luogo e che, dunque, si avrà  il prevedibile concorso di popolo, che senso ha vietare la parte ludica? Forse la Santa festeggiata predisporrà vie di fuga dal piazzale del Faro? O eventuali terroristi avranno ritegno dal commettere atti criminali per rispetto della Santa? Non crediamo proprio! Non sarebbe stato allora più corretto scegliere e decidere assumendo le responsabilità? A nostro giudizio, o si vietava ogni tipo di manifestazione o si predisponevano opportune ed adeguate misure di prevenzione e sicurezza (sarebbe facilissimo presidiare l’unica via di accesso) di concerto con le autorità provinciali di Pubblica Sicurezza: è comodo, come fa l’Amministrazione comunale, dare un colpo al cerchio e uno alla botte!” Fin qui la nota di Failla e Inzolia.

M.S.

SIGONELLA PROMUOVE INIZIATIVE NELL’AMBITO DELLE ATTIVITÀ DI SOLIDARIETÀ SOCIALE

IMG-20170718-WA0001Sigonella (Lentini) – La Base di Sigonella attiva nel sociale. Diverse le iniziative di solidarietà promosse su più fronti. Nel periodo luglio-agosto 2017, il Comando Aeroporto di Sigonella, ha promosso diverse iniziative nell’ambito delle attività di solidarietà sociale e di integrazione con i cittadini e il territorio di competenza. L’Aeroporto ospita settimanalmente ragazzi e gli educatori dell’Associazione ONLUS “Un futuro per l’autismo” che si occupa dell’assistenza socio-sanitaria e della tutela dei diritti civili delle persone affette da sindrome autistica. Analoga iniziativa anche con l’associazione volontari donazione sangue (AVIS) di Catania e con l’ente di formazione regionale “ERIS Formazione”, un centro di orientamento e formazione professionale, che ha effettuato agli studenti nelle strutture dell’Aeronautica Militare lezioni in contesti extrascolastici. Tutte le varie iniziative sono state svolte presso il Distaccamento balneare AM Plaia di Catania, aperto annualmente per circa tre mesi, allo scopo di consentire l’effettuazione delle periodiche esercitazioni di sopravvivenza in mare degli equipaggi di volo del 41° Stormo Antisom di Sigonella. Qui, il personale preposto della Forza Armata si è messo a disposizione dei ragazzi meno fortunati facendo passare loro delle ore all’insegna del gioco e dello svago. Contestualmente, gli studenti dell’ERIS, sono stati informati sulle attività che l’AM svolge tutti i giorni per 24 ore al giorno, a Difesa del Paese e al servizio del cittadino, non tralasciando l’impegno constante svolto a favore dell’istruzione delle nuove generazioni. I volontari dell’AVIS, grazie allo slancio proposto dai militari, altre a raccogliere le adesioni, hanno potuto diffondere tra gli avventori della balneazione la cultura della donazione del sangue come espressione di solidarietà verso i bisognosi. Le attività proposte hanno riscosso il consenso dei ragazzi, dei familiari e degli accompagnatori, dei docenti e del personale partecipante. Tutti hanno sottolineato di avere apprezzato lo spirito di corpo e l’etica che contraddistingue i militari, seppur in un ambito – quello del Distaccamento balneare – più ricreativo che formale come all’interno delle mura di un Aeroporto o di una caserma. Il Comandante del 41° Stormo e dell’Aeroporto di Sigonella, Colonnello Federico Fedele, forte sostenitore di questo tipo di iniziative, all’arrivo dell’ambulanza dell’AVIS, è stato il primo a donare il sangue. Inoltre, ha passato alcune ora con i ragazzi e gli studenti, dicendolo loro che “…l’esperienza presso le nostre strutture è per di farci conoscere meglio e di farvi apprezzare la realtà dove operiamo ogni giorno, con la speranza di trasferirvi quella passione che vi porterà ad inseguire i vostri futuri obiettivi”. Il Comando Aeroporto di Sigonella ha il compito di fornire il supporto tecnico, logistico, amministrativo ed operativo al 41° Stormo Antisom ed ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando – al contempo – i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso.

   C.S.

NOTOMUSICA: TRIONFO DELL’OPERA BAROCCA CON “ACI E GALATEA” DI HÄNDEL

Noto1-640x480Noto – Il soggetto è classico e mitologico, l’ambientazione è nell’arcaica Sicilia ionica di ninfe e pastori, ma la musica è barocca. E che musica! Pochi capolavori come “Aci e Galatea” di Georg Friedrich Händel sembrano tradurre in note il fasto siciliano dell’architettura settecentesca del Val di Noto, vanto del Sud Est isolano e Patrimonio dell’Umanità secondo la lista dell’Unesco. Il titolo è stato scelto non a caso per arricchire il cartellone del Festival Internazionale Notomusica: l’evento ieri, 20 agosto, nel Cortile del Collegio dei Gesuiti, che ha visto impegnati autentici specialisti. L’ensemble barocco “Il Cimento Armonico” e la Camerata Polifonica Siciliana saranno guidati da Fabrizio Migliorino, maestro concertatore e direttore al cembalo; maestro del coro Dario Strazzeri. Il cast vocale annovera il soprano Manuela Cucuccio (Galatea), il tenore Sergio Cabrera Hernandez (Aci), la soprano Giulia Mazzara (Damon), il basso Maurizio Muscolino (Polifemo). Manuel Giliberti è il regista dell’allestimento realizzato in coproduzione con il Teatro Brancati. Il libretto di “Acis and Galatea”, tratto fedelmente dalle “Metamorfosi” di Ovidio (XIII, 750-897), è attribuito a John Gay, futuro autore della “Beggar’s Opera” (1728), ma vi collaborarono anche altri due nomi di spicco, come Alexander Pope e John Hughes. L’opera, prima composizione drammatica in inglese di Händel, fu più volte rimaneggiata dallo stesso autore (oltre che arrangiata da Mozart nel 1788 e da Mendelssohn nel 1828). A Noto è stata proposta la versione in due atti, alla quale il compositore giunse attraverso articolati e complessi passaggi, che vale la pena di riassumere. Händel, già rinomato in Italia e in Germania, giunse a Londra nel 1710, ma a causa dei rapporti non idilliaci con il re Giorgio I di Hannover, per lunghi anni cercò la protezione dell’aristocrazia locale. Tra il 1717 e il 1719, lavorò per Lord Brydges, conte di Carnarvon, poi duca di Chandos.

Continua a leggere

AUGUSTA, A PALAZZO DI CITTA’ SI PREMIA LO SPORT – di Cecilia Càsole

Sport premiatoAugusta. Nel salone di rappresentanza “Rocco Chinnici” del Palazzo di Città, si è tenuto un incontro tra il sindaco Maria Concetta Di Pietro, l’assessore alla Cultura Giuseppina Sirena e gli atleti dei sodalizi sportivi di Augusta, con l’obiettivo di promuovere e favorire l’impegno locale nello sport. “Il nostro obiettivo è portare avanti le attività sportive nel territorio”, ha detto Di Pietro che ha anticipato le ultime novità sulla situazione dell’ex campo sportivo “Fontana”. “Il campo Fontana è stato privato alla fruibilità di tutta la cittadinanza oramai da quasi 15 anni perché considerato discarica abusiva. Già quando ci siamo insediati era stata stanziata una somma, con delibera Cipe, di circa 6 milioni di euro per un intervento di ripristino del campo sportivo. Sin dall’inizio, l’intenzione è stata quella di restituire la struttura alla sua vocazione originaria, ma il progetto  è rimasto bloccato a settembre dello scorso anno per una serie di ragioni di natura burocratica. E’ stato nominato un commissario straordinario che nel mese di agosto verrà ad Augusta per fare un sopralluogo e mi ha garantito che considererà prioritario il progetto del campo. Dopo la precisazione del sindaco, l’assessore ha voluto dare un riconoscimento agli atleti delle società sportive invitate, consegnando loro una maglietta con un motto augurale e una pergamena di merito. Per “ ASD Canottieri club nuoto” è stato premiato Sebastiano Galofaro, campione del mondo,  e Daniele primo classificato nel singolo 7.20 e sul 4 di coppia terzo classificato al Festival giovani di Sabaudia. Continua a leggere

Augusta – Unione Italiana Ciechi e Marina Militare

foto uic (1)Augusta. Una consolidata collaborazione unisce da oltre 20 anni l’Unione Italiana Ciechi (UIC) della sezione di Augusta e la Marina Militare rappresentata in loco dal Comando Marittimo Sicilia. Negli ultimi anni sono state sviluppate varie attività socio-culturali – grazie al prezioso supporto logistico di MARISICILIA – nelle quali è stata prevista oltre alla presenza di uno stand dedicato della UIC anche la piena partecipazione dei tesserati che hanno avuto modo di vivere in prima persona la Marina Militare. Gli iscritti della Unione hanno in questo modo coltivato ulteriormente la passione verso il mare e rafforzato il proprio legame con il territorio augustano, da sempre fortemente legato alle attività marinare. Un sentito ringraziamento della UIC è altresì rivolto al Comandante Marittimo Sicilia in considerazione della possibilità fornita ai propri iscritti di accesso agli Organismi di Protezione Sociale (OPS) all’interno dell’area logistico-addestrativa di Punta Izzo, quale ulteriore opportunità di aggregazione e confronto.

     M.S.

 

ANNUNCIATI I VINCITORI DEI TAO AWARDS

Taomoda 2017Taormina. L’annuncio dei personaggi che hanno ricevuto i Tao Awards nel Gala di sabato 22 luglio al Teatro Antico, il presidente di Taomoda, Agata Patrizia Saccone, durante la conferenza stampa a Palazzo Calanna-La Baronessa Taormina moderata dalla giornalista Rai Paola Cacianti, ha dato il via alla nuova edizione della rassegna che, com’è ormai tradizione nella Perla dello Jonio, unisce ogni anno fashion, design, arte, cultura, food senza mai trascurare il sociale (charity partner nell’occasione sarà la Fondazione Operation Smile Italia Onlus). Questi i TAO AWARDS 2017: Sezione Moda: AQUILANO, RIMONDI, LEIT-MOTIV, MARIO DICE, SALVATORE PICCIONE designer di PICCIONE PICCIONE; Tutela della cultura e della moda made in Italy: RITA AIRAGHI, Direttore Fondazione Gianfranco Ferré; Per il sociale: SANTO VERSACE; Sezione Giornalismo: EMANUELE FARNETI (Direttore di Vogue, Tao Award Excellence), GIANLUCA BAUZANO (Gruppo RCS Corriere della Sera), ELISABETTA FALCIOLA (Tg5), MARIA CORBI (La Stampa); Sezione Musica: il maestro PAOLO BUONVINO; Sezione Attori: ANNA VALLE, ALESSIO BONI, ISABELLE ADRIANI; Sezione Scrittori: CATENA FIORELLO (premio Moak); Sezione Imprenditoria: CLAUDIO CUTULI. L’ospite musicale del Gala sarà il cantautore Mario Venuti,reduce dal successo della hit “Caduto dalle stelle” e che ha appena lanciato il secondo singolo “Tutto questo mare” tratto dal suo ultimo album.  Di scena –oltre alle sfilate degli stilisti premiati- la maestria degli Orafi Vicentini (Sola Grazia, C.A.Oro, Karizia, Tre Esse, Veneroso, Roberto Novello), la performance dell’hair stylist Toni Pellegrino, volto noto di Rai2, le proposte della sezione Contemporary Fashion con La Cles e poi Filly Biz, Elio Fronterrè, Natural Rough, Angela Piazza, Maria Grazia Sabato, Amalia Peditto coniugati rispettivamente a una coreografia di Elevation Dance di Fia Di Stefano e a un live della cantautrice Roberta Finocchiaro. A presentare la serata -ripresa dalle telecamere di Rai 1 e de La 7- la giornalista de La 7 Cinzia Malvini e Angelo Mellone, conduttore del programma di Rai 1 “Top, Tutto Quanto Fa Tendenza”. “Una settimana comunque di eventi – spiega Agata Patrizia Saccone – che esaltano la cultura del made in Italy, guardano alle nuove tendenze e al contemporary fashion e design, si accompagnano alle buone letture, al vivere green e alla sana alimentazione, senza trascurare il sociale. La rassegna ha ormai una propria storicità e costituisce ulteriore volàno turistico per il territorio”.

Mariangela Scuderi

NELLA CHIESA DEL CARMINE, COMMOSSO RICORDO DI DON LIGGERI

Carmine Fra Altare e note 11 luglioAugusta. Martedì 11 luglio, dopo la messa vespertina celebrata per la  quindicina della festa per la Madonna del Carmelo, per iniziativa di Marcella Spanò,  la voce di Don Carmelo Liggeri  è tornata  a farsi sentire in quella Chiesa del Carmine che per quasi mezzo secolo lo vide rettore, attraverso le note delle sue composizioni musicali, affidate alla magnifica voce di Francesca Ussia, soprano, accompagnata dal M° Salvatore Passanisi, così come la voce stentorea del prof. Giorgio Casole ha fatto  rivivere l’emozione di una “Svelata” di ben 51 anni fa, leggendo stralci di una vibrante e inedita omelia scritta dal sacerdote augustano, ma successivamente  non pronunciata. Una serata vista come un vero amarcord del Carmine che fu, tra nostalgia e rimpianti di un’epoca passata, rimasta indelebile nei ricordi dei tanti che hanno avuto modo di conoscere don Carmelo Liggeri, sacerdote, musicista, compositore e direttore di  corali, morto il 9 ottobre 1993, ma figura ancora vivissima nella memoria di tanti augustani, non solo tra i devoti frequentatori della rettoria a lui affidata. “Un ricordo che spesso si vena di rimpianto tra coloro che hanno avuto modo di conoscerlo e apprezzarne le qualità umane e spirituali di sacerdote la cui vita è stata interamente dedicata al servizio di Dio e della Chiesa”, ha commentato Marcella Spanò, esperta conoscitrice della storia della chiesa del Carmine e anima instancabile del Terz’Ordine Carmelitano.

Mariangela Scuderi