AUGUSTA: NUMEROSE PROTESTE: UNA CITTA’ QUASI DEL TUTTO AL BUIO

Giuseppe Di Mare: “Grave situazione sull’illuminazione pubblica: pericoli per automobilisti e pedoni.”

Augusta al buioAugusta. I cittadini da tempo protestano, anche attraverso i social, per i numerosi quartieri al buio da mesi: il quartiere Paradiso, nell’isola, Parco Airone, la contrada Scardina, o da diversi giorni Viadotto Federico II, Ponti Spagnoli, per non parlare dei monumenti singoli, simbolici per questa città fondata da Federico II di Svevia, quali il Castello svevo, e l’arco detto Porta Spagnola, retaggio della dominazione aragonese. Di questa protesta e di queste esigenze si è fatto portavoce il consigliere comunale Giuseppe Di Mare, della lista “per Auguta”, con questa nota:  “Una buona fetta della Città continua a rimanere al buio da troppo tempo con grave pericolo per l’incolumità dei cittadini, Avevo già evidenziato  questo pericolo diversi mesi fa, con particolare riferimento alla zona del Lungomare Paradiso, interessando anche il prefetto; oggi non sono più tollerabili rinvii e ulteriori perdite di tempo per ripristinare la normale funzionalità dell’illuminazione pubblica in diverse zone della Città. La situazione è diventata insostenibile, troppe zone della Città sono al buio, dal centro storico a Brucoli, pertanto mi trovo costretto nuovamente a segnalare alla prefettura la problematica che ha assunto ormai dimensioni allarmanti. Dispiace inoltre notare come il biglietto da visita della nostra Augusta, la Porta Spagnola, sia completamente al buio ormai da tempo e ci si chiede con rammarico e profonda rabbia come si possa lasciare uno dei luoghi simbolo della nostra Città in questo stato di abbandono. La situazione del Lungomare Paradiso, quella di Parco Airone, per esempio, hanno assunto inoltre connotati gravissimi per questioni legate alla sicurezza pubblica; si tratta di zone con luoghi frequentati anche da bambini e la strada è diventata ormai pericolosissima da attraversare sia per gli automobilisti che per i pedoni. Arrivare a questa situazione con le giornate che diventano presto buie è un atto irresponsabile, per questo motivo inoltrerò una nota agli enti competenti per sollecitare un intervento che ristabilisca situazioni di sicurezza per l’incolumità pubblica. A chi ama alleggerirsi da ogni responsabilità  e addossare sempre la colpa ad altri, ribadisco che non è questo il modo di amministrare la Città: a rischio c’è la sicurezza dei cittadini che non può né deve conoscere “distrazioni” o annebbiamenti da parte di chi è preposto”. Fin qui il consigliere Di Mare. Un esponente M5S ha rassicurato i cittadini che si sta provvedendo a rifare gli impianti di illuminazione attraverso le gare d’appalto. Nell’attesa, però, qualche lampada potrebbe essere rimessa in funzione per evitare soprattutto i pericoli e tutelare l’incolumità dei cittadini.

G.C.

AUGUSTA, RINVIATA CHIUSURA INPS. TRIBERIO: NON ABBASSARE LA GUARDIA!”

INPS AugustaAugusta. Augusta diventa sempre più povera, dicono i cittadini del Comune federiciano. Il riferimento non è tanto e non solo al fatto che moltissimi giovani sono costretti a emigrare o alla esiguità di offerte culturali, di carenza di impianti sportivi e di scarsità di luoghi di aggregazione. e sportive. Il riferimento è alla perdita degli uffici che qualificano una comunità: non esistono più la sede staccata del tribunale, del giudice di pace, dell’agenzia delle entrate, dell’Autorità portuale. Sta per chiudere la sede INPS, a meno che il Comune non trovi un locale da destinare all’istituto previdenziale che vorrebbe lasciare qui un ufficio informativo lasciare un ufficio informativo. In assenza della risposta del Comune, l’INPS  ha deciso di chiudere del tutto. La decisione era nota da tempo. Stava per farlo, ma è arrivato l’ordine di sospendere. I sindacati hanno tirato un sospiro di sollievo, ma il consigliere comunale Giancarlo Triberio osserva: “Mi unisco al sollievo del sindacato per la sospensione del piano di chiusura delle agenzie Inps, fra cui quella di Augusta.Il pericolo che la città perdesse anche questo importante presidio dei servizi statali si è allontanato, ma non è cessato. Ricordo all’amministrazione comunale che si tratta di uno stop temporaneo per ragioni organizzative dell’Ente previdenziale e non di una retromarcia su una scelta scellerata. Il Comune non deve assolutamente abbassare la guardia, né farsi trovare impreparato se il rischio chiusura dovesse ripresentarsi. Invito pertanto l’amministrazione comunale a provvedere per tempo a programmare a tutti quegli atti propedeutici che dovessero eventualmente rendersi necessari per mantenere l’Agenzia Inps di Augusta.” Fin qui Giancarlo Triberio, consigliere comunale Art. 1-Mdp Augusta, che ha voluto richiamare l’attenzione della Giunta pentastellata he governa da cica due anni e mezzo e che potrebbe destinare alcuni locali dell’ex biblioteca civica, ai Giardini pubblici. Potrebbe essere un sito posto a metà strada fra l’isola e la terraferma. Attualmente questi locali sono chiusi e, quini, inservibili.

Diletta Càsole

AUGUSTA, ennesimo sequestro di rete in porto

Battello Guardia CAugusta. Ennesima rete da pesca, da posta, sequestrata nel porto di Augusta, e relativa sanzione amministrativa di circa € 4.000 comminata a carico del trasgressore. Questo l’ultimo bilancio della continua attività di polizia marittima e di vigilanza assicurata dalla Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta. A seguito di una segnalazione, relativa ad un’attività di pesca di frodo perpetrata nel porto Megarese di Augusta, in particolare nelle acque antistanti alcune installazioni militari, la sala operativa della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera ha immediatamente disposto l’invio di un’unità navale che si è imbattuta in un’imbarcazione, il cui occupante sta va issando a bordo una rete da pesca, intento quindi in una battuta di pesca illegale, senza averne titolo, e per di più in zona vietata. Al medesimo pescatore irregolare è stato intimato l’ALT: i militari hanno quindi proceduto al sequestro di circa 150 metri di rete (che, si rammenta, è un attrezzo da pesca che non può essere detenuto da coloro che, essendo privi della prevista licenza, non sono abilitati ad esercitare la pesca professionale), e a comminare la relativa sanzione amministrativa al contravventore. Rimane sempre alta l’attenzione della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta nel contrasto alla pesca di frodo, prestata per mezzo di una continua attività di vigilanza, mirata al contrasto delle illecite condotte in materia, e alla tutela della pesca sostenibile e dell’ambiente.Tale attività si pone come obiettivo primario la salvaguardia dell’ecosistema marino che, soprattutto in prossimità della costa, risente pesantemente degli effetti di una pesca effettuata in maniera irriguardosa delle norme, e soprattutto potenzialmente pericolosa per i consumatori, quando esercitata in porto.

    Mariangela Scuderi

AUGUSTA, CENTAURO SBATTE CONTRO PARABREZZA

Augusta. Ieri sera, intorno alle ore 19, si è verificato un violento incidente nei pressi di piazza Unità d’Italia, nel quartiere Borgata. Secondo le prime ricostruzioni, un ragazzo di circa vent’anni stava percorrendo in sella a una Suzuki Sv 650 via Giacomo Matteotti, che costeggia piazza Unità d’Italia quando, in prossimità dell’intersezione con una delle strade contigue alla piazza, ha impattato un’autovettura Fiat Panda di colore giallo, guidata da un uomo, proveniente dal senso opposto di marcia e in fase di svolta. L’urto ha fatto sbalzare il centauro sul parabrezza di un’altra auto, una Fiat Panda nera, con una donna alla guida, che uscendo dalla stessa strada contigua alla piazza si stava immettendo in via Matteotti. Illesi i conducenti delle due autovetture, mentre il giovane motociclista è stato trasportato all’ospedale “Muscatello” con  prognosi resta riservata. Sul posto sono intervenuti polizia municipale e carabinieri per i rilievi del caso.

    Cecilia Càsole

Attività volta al controllo della filiera della pesca – Sequestri, denunce e sanzioni amministrative

gcAugusta. Durante un’attività di controllo del territorio cui la Guardia Costiera di Augusta partecipa, quale organo di un Corpo di Polizia a competenza specialistica, congiuntamente agli organi degli altri Corpi di Polizia, a competenza generale, è stato fermato, nel corso di un posto di blocco, sulla strada provinciale, ex SS 144, che collega Augusta a Siracusa, nei pressi di Priolo Gargallo, un furgone isotermico, che trasportava mitili in genere, e pescato. Il fermo è stato disposto dai Militari che componevano un’autopattuglia della Guardia Costiera, che stavano operando unitamente ad Agenti di una pattuglia automontata del Commissariato di P.S. di Priolo Gargallo. Il pescato era privo di qualsivoglia documentazione di pertinente, mentre i sacchi contenenti i mitili erano contrassegnati da etichettatura: sia i mitili, che il pescato, però, non erano accompagnati dai previsti documenti di trasporto. Si è quindi proceduto al sequestro di tutti i prodotti ittici, costituiti da mitili, fasolari, vongole veraci, triglie e alici, ammontanti a più di 280 kili i quali, giudicati infine inidonei al consumo umano da parte del competente Servizio Veterinario, sono stati avviati a corretto smaltimento. L’attività ha, tra l’altro, comportato un attento vaglio sul sostrato normativo di riferimento, che ha confermato la non trasportabilità dei mitili in assenza della documentazione concernente il trasporto, benché etichettati. La sanzione amministrativa  è stata  pari a circa  4.000 euro. In seguito a una  richiesta fatta dal Commissariato di P.S. di Augusta, un’autopattuglia del quale Commissariato aveva formato un furgone non isotermico, nei pressi dell’entrata di Brucoli, è intervenuta una pattuglia  della Guardia Costiera di Augusta. Mentre gli Agenti della Polizia di Stato hanno continuato nei propri accertamenti tesi al rispetto del codice della strada, i Militari della Capitaneria di Porto, dopo aver appurato il regolare possesso della documentazione prevista, hanno richiesto l’intervento del Servizio Veterinario, poiché il mezzo di trasporto non era dotato di sistema di refrigerazione. Il Medico veterinario, giunto sul posto, ha acclarato il cattivo stato di conservazione dei mitili trasportati, assommanti a più di  300 chili, ragion per cui tale prodotto è stato sequestrato e avviato a distruzione, mentre il rappresentante legale della ditta esercente è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria.

      Mariangela Scuderi

NEUTRALIZZATI AD AUGUSTA 13 PROIETTILI DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

SdaiAugusta. I palombari del Gruppo Operativo Subacquei del Comando Subacquei e incursori della Marina Militare distaccati presso il Nucleo S.D.A.I. di Augusta (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi), hanno condotto una delicata operazione subacquea nelle acque antistanti il litorale di Contrada Gallina  (Avola, Siracusa) tesa a neutralizzare numerosi pericolosi ordigni esplosivi. A seguito di una segnalazione da parte di un pescatore in apnea della presenza di 2 probabili manufatti esplosivi, la Capitaneria di Porto di Siracusa ha provveduto ad interdire la navigazione nel tratto di mare interessato alla bonifica per motivi di sicurezza e informare la Prefettura di Siracusa che ha richiesto un intervento di bonifica d’urgenza al Gruppo Operativo Subacquei (GOS) della Marina Militare. I palombari si sono immersi per ricercare ed effettuare il riconoscimento degli oggetti segnalati, ma anziché due soli contatti hanno individuato e identificato 2 proiettili di grosso calibro2 di medio calibro e 5 di piccolo calibro, risalenti alla Seconda Guerra Mondiale e posti a 3 metri di profondità e 10 metri dalla scogliera.

Continua a leggere

Furto e ritrovamento di un natante, rubato ad un’imbarcazione da diporto di bandiera inglese – Salvataggio di un assistente bagnanti in difficoltà sul proprio pattino

NATANTEAugusta-Brucoli.Avvenuto il furto di un natante, utilizzato come mezzo di servizio (c.d. tender) di un’imbarcazione battente bandiera straniera, è stata immediatamente inviata  in zona un’unità navale militare della Guardia costiera  impegnata nell’operazione MARE SICURO.Dopo aver perlustrato il litorale, l’unità navale è riuscita a ritrovare il natante rubato, che era stato occultato all’interno del porto-canale di Brucoli, nell’interstizio tra un peschereccio ivi ormeggiato, e la banchina.Il natante ritrovato è stato immediatamente riconsegnato al legittimo proprietario, dopo averne appurato la titolarità, relazionando dell’accaduto l’Autorità Giudiziaria.Successivamente, il predetto battello GC A79, è stato inviato al largo del lido Las Vegas, in zona Vaccarizzo, poiché un assistente bagnanti, che aveva appena recuperato due bagnanti in difficoltà sopra un materassino, si è trovato egli stesso nell’impossibilità di guadagnare la riva, a causa delle non agevoli condizioni meteo-marine. Tutti i tre i malcapitati sono stati soccorsi dall’unità navale della Guardia Costiera, che li ha riportati a riva.Rimane sempre alta l’attenzione della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta nell’assicurare la salvaguardia della vita umana in mare, e nel contrasto alle attività illecite.

   Mariangela Scuderi

Augusta. Nuova denuncia all’Autorità giudiziaria di soggetti che, sul web, hanno ingiuriato la Guardia Costiera

mv-cpAugusta. In séguito a una multa, sul litorale di Agnone Bagni, di una sanzione amministrativa per violazione di una disposizione regionale di polizia demaniale, che vieta di transitare e sostare con animali in spiaggia, è stata appurata la pubblicazione, sul web, di dichiarazioni ingiuriose nei confronti dei militari della Guardia costiera che hanno fatto la multa. Per tale ragione, gli autori delle dichiarazioni saranno deferiti all’Autorità giudiziaria per le ipotesi di reato di diffamazione aggravata perché commessa nei confronti di pubblici ufficiali. Non è la prima ingiuria sul web contro i militari che, ancora una volta, hanno  denunciato gli autori delle ingiurie. “A tale proposito”, dice il capitano Boellis, “si ritiene di dover ricordare come il mezzo mediatico sia, come noto, uno strumento assai potente, giacché i relativi fruitori possono essere in numero particolarmente rilevante. Proprio per tale ragione, le dichiarazioni dispensate sullo stesso dovrebbero essere accuratamente soppesate, allo scopo di evitare non solo ipotetici fraintendimenti ma, soprattutto, l’eventuale proferimento di contumelie: non vi è infatti alcuna spersonalizzazione nell’usodi tale mezzo mediatico, giacché tale presunta mancanza di individualizzazione è solo apparente, per l’appunto, non sussistendo, conseguentemente, alcuna esenzione da responsabilità”. La Guardia costiera continua a svolgere l’operazione “Mare sicuro”.

Mariangela Scuderi

AUGUSTA, “MARE SICURO” CONTINUA FINO AL17 SETTEMBRE

mv-cpAugusta. Si è giunti ormai quasi alla fine della stagione balneare, ma non per questo diminuisce l’attenzione che il corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera (autorità preposta alla tutela della sicurezza marittima) pone sull’attività di vigilanza volta a far rispettare quelle fondamentali e imprescindibili regole, che sono alla base di una serena e sicura fruizione del mare. Il capitano di fregata Antonio GIUMMO, comandante in II^, e il capitano di corvetta Alberto BOELLIS, capo servizio operativo, hanno presentato il bilancio dell’attività svolta dai militari della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta, sia per mare, per mezzo delle 5 motovedette assegnate, che a terra alle più comuni condotte irregolari, così quantificate: 12 soccorsi effettuati a favore di bagnanti e diportisti; 650 controlli complessivi in tema di rispetto della vigente ordinanza di sicurezza balneare; 20 sanzioni amministrative contestate a seguito di illeciti perpetrati in violazione al codice della navigazione, al codice della nautica da diporto e all’ordinanza citata; 33 persone tratte in salvo; 54 bollini blu rilasciati. L’operazione MARE SICURO 2017 continuerà fino al 17 settembre, e la Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta continuerà ad assicurare, giornalmente, l’attività di controllo sia via mare, che per terra, al fine di garantire il rispetto della Legge.

Mariangela Scuderi