MARTEDI’ 12 IN CONSIGLIO COMUNALE SI DISCUTERA’ ANCHE DI FEDERICO II?

me stesso davanti a CdNAUGUSTA – Senza Federico II non ci sarebbe questa città, per di più con il nome AUGUSTA, che deriva dal titolo imperiale dello Stupor mundi. Non riconoscere questo a Federico II, fondatore, è come non riconoscere il padre. Dovremmo anche riconoscere che discendiamo “per li rami” dagli abitanti di Centuripe e di Montalbano. A Federico II la nostra comunità non ha eretto una statua, non ha intitolato né una piazza, come ha fatto, invece, Catania, né una strada, come ha fatto Lentini, né un vicolo (deminutio capitis, comunque). 30 anni fa, dopo queste mie considerazioni a un convegno, da me organizzato su Federico, a Palazzo di Città, l’allora sindaco D’Amico promise di intitolargli il nuovo ponte che si stava costruendo e mantenne la promessa. Ma mi sembra ben poca cosa, a parte il fatto che non viene indicato da alcuna segnaletica. Comunque mi sembra anacronistico, nel XXI secolo, dedicare una via a un re borbonico, anche se il suo regno è ricordato positivamente, quando ci sono augustani del XX secolo, degni d’essere ricordati quali Giuseppe Motta, che scontò gli anni migliori della giovinezza nelle carceri fasciste, o Paolo Liggeri, il sacerdote rinchiuso in un lager nazista, per non parlare di Giacinto Franco, in favore del quale è stata promossa una raccolta di firme per dedicargli una strada.

Giorgio Càsole

 

MARTEDI’ 12 IN CONSIGLIO COMUNALE SI DISCUTERA’ ANCHE DI FEDERICO II?ultima modifica: 2017-12-09T15:51:03+00:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento