Augusta, liceo Mègara: gli alunni del Linguistico ammirano l’arte gotico-catalana a Siracusa

Mègara aSRAugusta.- Con grande entusiasmo, gli  alunni delle classi VA, VB e IVB del liceo Mègara, indirizzo  Linguistico, hanno partecipato, a una speciale  lezione di lingua e cultura spagnola: una visita guidata a Siracusa, per scoprire le influenze artistiche “gotico-catalane” nell’isola di Ortigia, con la guida di Anna Di Maio, di madrelingua spagnola,  accompagnati dai docenti Floriana Fazzino, Luigi Dantes e Nicoletta Privitera. Tutto l’itinerario è stato presentato rigorosamente in lingua spagnola. Prima tappa:Piazza Archimede per ammirare la facciata di Palazzo Lanza Bucceri, antica residenza di una nobile famiglia catalana. Successivamente, Palazzo Montalto, anticamente chiamato dalla popolazione Palazzo Mergulense, precedentemente distrutto dalle bombe della Seconda Guerra Mondiale e ristrutturato nei decenni successivi, la cui facciata presenta elementi della religione cristiana, ebraica e musulmana in stile gotico-catalano, tramite le tre finestre ornate presenti sopra l’ingresso principale. E’stata spiegata la presenza di due portoni, uno dei quali in passato, per tradizione e superstizione, veniva aperto solo al momento del decesso del padrone di casa, per permettere la traslazione della salma. Le influenze dello stile gotico-catalano sono state riscontrate, inoltre, all’interno del Museo Bellomo, nella cosiddetta scalinata chiaramontana e negli stemmi presenti nel cortile. All’interno del museo sono stati apprezzati numerosi lavori di arte religiosa, tra i quali spicca sicuramente l’Annunciazione di Antonello da Messina. E’ stata un’occasione preziosa non solo per scoprire le testimonianze artistiche e monumentali spagnole a Siracusa, ma anche una straordinaria opportunità per mettere in pratica le competenze linguistiche specifiche dell’indirizzo di studi.

      M.S.

Augusta, liceo Mègara: gli alunni del Linguistico ammirano l’arte gotico-catalana a Siracusaultima modifica: 2017-12-07T11:24:33+00:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento