AUGUSTA, “Eppur si muove” … robotica e pensiero computazionale

L’insegnante non è più trasmettitore di conoscenza, ma diviene un facilitatore, che indirizza gli studenti verso la giusta direzione e permette loro di acquisire conoscenza in modo autonomo, coniugando le esperienze presenti e passate

roboticaAugusta. Gli alunni della scuola elementare del 1° Istituto Comprensivo “Principe di Napoli” di Augusta, guidati dai docenti di Tecnologia Milena Castellino e Giuseppe Salemi, con l’attività “Eppur si muove” svilupperanno le competenze di Robotica e Coding grazie al pensiero computazionale. “L’educazione” al pensiero computazionale, è essenziale affinché le nuove generazioni siano in grado di affrontare la società del futuro, non da consumatori passivi, ma da soggetti consapevoli e attori partecipi del loro sviluppo. Il “Pensiero Computazionale” è una competenza imprescindibile, perché costituisce un metodo di ragionamento e di risoluzione dei problemi ed è un processo mentale che si applica con successo anche al di fuori della disciplina “informatica” ed è un validissimo strumento intellettuale per sviluppare abilità concettuali essenziali, che saranno utili ai futuri cittadini. Il pensiero computazionale si sviluppa attraverso il “Coding” (codice informatico= programmazione) e rappresenta la quarta competenza dopo leggere, scrivere e far di conto ed è una competenza sociale, una vera e propria nuova alfabetizzazione, un patrimonio culturale irrinunciabile per la cittadinanza del terzo millennio. Il coding sviluppa, inoltre, l’apprendimento cooperativo, la frammentazione di problemi complessi e anche la rivalutazione dell’errore. Il modo più semplice e divertente per sviluppare il pensiero computazionale è attraverso la programmazione (coding ) in un ambiente di gioco. I giovani dovranno “imparare a imparare” e non limitarsi a fornire risposte preconfezionate. Attraverso quest’ attività, l’insegnante non è più trasmettitore di conoscenza, ma diviene un facilitatore, che indirizza gli studenti verso la giusta direzione e permette loro di acquisire conoscenza in modo autonomo, coniugando le esperienze presenti e passate. Dovrebbe essere fondamentale per tutti “possedere” il pensiero computazionale per riuscire bene nel proprio futuro professionale.

      M.S.

AUGUSTA, “Eppur si muove” … robotica e pensiero computazionaleultima modifica: 2017-11-26T19:31:55+00:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento