GUARDIA COSTIERA: INTERCETTA IMBARCAZIONE A VELA SOSPETTA E ARRESTA 3 SCAFISTI.

A bordo dell’imbarcazione erano stipati 49 migranti irregolari.

Motovedetta guardia costieraSIRACUSA – A seguito di segnalazioni pervenute tramite canali istituzionali, alle ore 22:45 circa di ieri le unità navali della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza di Siracusa, su richiesta del G.I.C.I.C. della Procura della Repubblica di Siracusa, hanno intercettato e successivamente fermato, una imbarcazione a vela di circa 14 mt di lunghezza con a bordo 49 migranti irregolari di nazionalità afghana ed irachena (28 uomini, 7 donne, 14 minori). L’imbarcazione condotta da tre scafisti di nazionalità Croata, navigava a circa 15 nm delle coste siracusane al traverso di Vendicari.  A causa delle avverse condizioni meteomarine imperversanti in zona, non è stato possibile effettuare l’immediato trasbordo degli stessi sulle unità di soccorso. I Militari della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza riusciva comunque a salire a bordo dell’imbarcazione a vela per constatare lo stato di salute dei migranti ed eventuali emergenze. Accertate le discrete condizioni medico sanitarie, le operazioni di salvataggio, su disposizione della Prefettura di Siracusa, proseguivano con la scorta del convoglio presso la rada di Siracusa, il successivo trasbordo dei migranti e degli scafisti sulle M/V CP 323 e G.d.F. 79 ed il prosieguo della navigazione per il definitivo sbarco nel porto di Augusta.  Alle ore 03:35 odierne iniziavano le operazioni di sbarco ed identificazione dei migranti e contestualmente sono stati tratti in arresto gli scafisti. L’imbarcazione a vela, utilizzata per l’attività illecita, è stata ormeggiata nel porto di Siracusa a disposizione dell’A.G. operante. Le operazioni, conclusesi alle ore 03:50 odierne, sono state coordinate dalla Sala Operativa della Direzione Marittima di Catania.

GUARDIA COSTIERA: INTERCETTA IMBARCAZIONE A VELA SOSPETTA E ARRESTA 3 SCAFISTI.ultima modifica: 2016-11-22T16:53:29+00:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento