AUGUSTA/ PEDIATRIA, ADDIO! C’E’ CHI PIANGE, CHI SI DISPERA, CHI IMPRECA

“Un’altra mossa  per smantellare l’ospedale Muscatello”/Il TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL  MALATO   sta organizzando un’assemblea pubblica per il 30 maggio

muscatelloAUGUSTA. “E’ un disegno preordinato!” Quale? “Quello di chiudere il Muscatello quale ospedale indispensabile in un’area ad alto rischio di crisi ambientale, qual è quella di Augusta, che abbraccia Priolo e Melilli”.  “La colpa è di quel sindaco che, a suo tempo, non ha voluto mettere la fascia e guidare una vera protesta  in difesa dell’ospedale”. “E’ un’altra mossa per smantellare l’ospedale di Augusta e favorire quello di Lentini”. Le frasi virgolettate sono state pronunciate da alcune donne augustane  madri di famiglia alla notizia dell’ultima decisione di Alfio Spina, il direttore sanitario del distretto ospedaliero SR2, di cui fa parte il nosocomio cittadino , il “Muscatello”, appunto. Spina ha deciso che, a partire da mercoledì 18 maggio 2016, sono sospesi a tempo indeterminato i ricoveri  pediatrici nell’ospedale Muscatello. Appresa la notizia all’improvviso la signora M.G., molto attiva da sempre in difesa dell’ospedale s’è messa a piangere. Un’altra signora, N.Z., con una figlia talassemica ha imprecato contro una burocrazia contorta e contro una classe politica incapace o faziosa. “Ci hanno tolto tutto”, dice, sconsolata, un’altra signora, che continua:  “ Ci stanno togliendo l’ospedale a poco a poco”. Per evitare che il Muscatello sia ridotto al rango di P.T.A, presidio territoriale ambulatoriale, il Tribunale dei diritti del malato, presieduto da Domenico Fruciano, ha deciso di organizzare un ultimo incontro, ultimo se verrà poca gente, il giorno 3o maggio alle ore 18,oo nell’aula magna dell’istituto “Ruiz” in Via Catania. “Fruciano conferma: “Se il pubblico sarà scarso, non continueremo con il nostro programma”.

  Giulia  Càsole                                   

AUGUSTA/ PEDIATRIA, ADDIO! C’E’ CHI PIANGE, CHI SI DISPERA, CHI IMPRECAultima modifica: 2016-05-19T00:40:23+00:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento