LA NOTTE DEL 31 AGOSTO, AD AUGUSTA SPETTACOLI IN PIAZZA CASTELLO E AL FARO SANTA CROCE

DSCN0020AUGUSTA – Nella suggestiva cornice  del Faro Santa Croce di Augusta, si è svolta domenica sera la Festa di Sant’Elena, con la benedizione del mare, a ricordo appunto dello sbarco della Santa e il giro del Venerato Simulacro, nell’ antico promontorium xiphonium, territorio dell’antico e interessante eremo scomparso qualche tempo fa. Un folto pubblico ha partecipato all’evento organizzato dal Comitato facente capo alla parrocchia San Giuseppe Innografo, del reverendo padre Giuseppe Mazzotta, anche perché, essendo rimasta una delle poche aree accessibili dai cittadini per la tintarella, ogni anno d’estate la zona viene presa letteralmente d’assalto, vista

DSCN0036

soprattutto l’ impraticabilità delle altre incantevoli insenature naturali presenti in quel tratto costiero e non facilmente transitabile dai comuni pedoni. Numerosi, dunque i partecipanti alla festa di Sant’Elena al Faro Santa Croce, come ancor più numerosi sono stati  gli spettatori, circa 4000, che la stessa sera hanno assistito allo spettacolo di piazza Castello, con il tenore augustano di fama internazionale Marcello Giordani e i ragazzi di “The Voice”.  Alle 21.15 circa, dunque, dopo la celebrazione

DSCN0035

solenne e il giro del Simulacro,  lo spettacolo del Faro è iniziato  in “letteratura”, con la breve Lectura Dantis, magistralmente interpretata dal prof. Càsole (foto in alto) e l’esibizione del popolare e famoso gruppo folcloristico locale, “Augustafolk” (foto in basso), in partenza per Valverde per partecipare il 20 settembre al “9° Raduno Internazionale Tradizioni Popolare”. A seguire, l’ esibizione dei debuttanti al talent show “facce da faro”, svoltosi durante tutta la stagione estiva e i balli di gruppo e latino-americani, animati dalla Star Accademy di Andrea Mojito Giordano.

 Giuseppe Tringali

LA NOTTE DEL 31 AGOSTO, AD AUGUSTA SPETTACOLI IN PIAZZA CASTELLO E AL FARO SANTA CROCEultima modifica: 2014-09-02T12:01:34+00:00da leodar1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento